Archivi tag: Euro

Renzi. Sono d’accordo con lui! Peccato…


Si legge sul blog di M. Renzi:
“Le regole dicono che il surplus commerciale della Germania non può essere superiore al 6%, oggi è intorno al 9%. Si tratta di una violazione delle regole che fa male a tutta l’Europa. E che la indebolisce a favore dei soli amici tedeschi. Più volte abbiamo posto il tema in modo ufficiale, nei tavoli di discussione: vogliamo rispettare le regole. Ma dobbiamo farlo tutti. Anche la Germania. La filosofia dei due pesi e due misure è sbagliata.”
Lo stralcio conferma, quanto da me scritto qualche settimana fa. L’euro è “il marco tedesco mascherato”. E’ una moneta che favorisce unicamente la Germania. E Renzi questo lo sa, anche quando sembra meravigliarsi dell’eccessivo surplus tedesco, naturale  conseguenza  di una moneta, basata sul cambio fisso tra paesi disuguali economicamente. Per inciso, l’ammissione di un eccedenza tollerata al 6% è una dichiarazione di per sè della “germanizzazione” dell’Euro.   Ora l’adozione di un cambio fisso   e’ un argine alla svalutazione competitiva, che un tempo favoriva i nostri prodotti… “fino al 2001 il nostro Paese, grazie alle diverse svalutazioni competitive aveva un surplus commerciale superiore alla Germania. Questa posizione privilegiata del nostro Paese si è azzerata negli anni successivi all’entrata nella moneta unica, a tutto vantaggio della Germania, che invece ha visto il proprio surplus crescere. Come scrive l’economista A. Bagnai, un paese forte se non rivaluta, sostanzialmente svaluta, attirando sui suoi prodotti l’interesse dei consumatori.” .
Tornando all’esternazione di Renzi, purtroppo l’ex Premier ha fatto poco per modificare questo quadro. Ha applicato la regola della svalutazione interna, che si traduce nel congelamento o riduzione dei salari.  In altri termini, ha  confermato l’impianto bifronte dell’ Euro rispondendo nell’unico modo possibile in un regime di cambio fisso, e quindi allineandosi senza stonature  al pensiero di M. Draghi. Il Governatore  della Bce ha dichiarato che per salvare l’Euro   e quindi l’inflazione al 2% occorre tenere i salari bassi.
L’esempio più vicino a noi ( insegnanti e operatori della scuola ) è il blocco dei contratti pubblici deciso proprio dall’ex Premier fiorentino fino al 2018 ( Legge di stabilità 2015 ), poi riveduto a seguito della sentenza della Consulta ( 24 giugno  2015 ) che ha ritenuto incostituzionale il protrarsi del congelamento.
Ritengo che in politica, come nella vita, sia necessaria una  continuità tra le parole e i fatti. Altrimenti è meglio tacere, sperando ” nella memoria corta degli italiani”, molti dei quali ad esempio non riescono ad individuare il responsabile del buco dei 3,4 miliardi di euro che in questi giorni la Commissione ci ha chiesto di coprire. Infatti, in un recente sondaggio di N. Pagnoncelli il 65% degli intervistati si è diviso tra un’opinione non fondata sui fatti ( “accanimento dell’Europa…)  e una totale perdita di memoria  ( “Non sa, e non indica” ), ignorando che l’origine di questo guaio finanziario è da ricercare nella legge di Stabilità 2017 pro referendum , proposta da Renzi.” ( v.mio articolo).

La prospettiva alta dei contratti economici


La moderazione salariale nata con il Protocollo del 23 luglio 1993 è stata sostituita dal NULLA SALARIALE, irrispettoso del diritto del lavoratore ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa” ( art. 36 Costituzione ).
Questo periodo dura ormai da otto anni. Troppi! Persino la Corte Costituzionale con sentenza del 24 giugno 2015 ( n.178 ) ha dichiarato che il blocco contrattuale può essere giustificato in un tempo limitato e  per motivi urgenti correlati al risanamento economico. Ora questo tempo è scaduto! Non è possibile, secondo al Massima Corte andare oltre, anche per non creare una disparità di trattamento con il settore privato.
Da qui i “contentini” governativi, fortunatamente rimasti ancora nella dimensione delle intenzioni. Per il 2016 erano stati promessi 300 milioni ( 10 lordi a lavoratori ); per il 2017 900 milioni. Cifra ingannevole, perché in questo stanziamento ci sono anche i 300 milioni dell’anno precedente. Tutto si traduce in un aumento di 85€ lordi in tre anni. Diciamo 60 € netti di aumento mensile alla fine del triennio.
Fatta questa lunga premessa, indispensabile per inquadrare la situazione occorre ora introdurre la prospettiva. Se non si fa questa operazione, difficilmente capiremo  il movimento della storia” che coinvolge la riduzione dei diritti sociali ( lavoro, sanità, istruzione…), l’azzeramento del contratto economico…
Bene tutto questo si chiama Euro! La moneta unica non è neutra, dietro c’è un preciso disegno economico e politico che purtroppo condiziona pesantemente la nostra quotidianità. Scrive il filosofo marxiano e gramsciano D. Fusaro che l’Euro è un preciso metodo di governo.
Il fondamento dell’Euro risiede nel cambio fisso. Un euro italiano, vale un euro tedesco. Pertanto non è più possibile svalutare in modo competitivo, per favorire l’esportazione dei nostri prodotti commerciali, divenuti interessanti grazie al prezzo più basso. Per inciso fino al 2001 il nostro Paese, grazie alle diverse svalutazioni competitive aveva un surplus commerciale superiore alla Germania. Questa posizione privilegiata del nostro Paese si è azzerata negli anni successivi all’entrata nella moneta unica, a tutto vantaggio della Germania, che invece ha visto il proprio surplus crescere. Come scrive l’economista A. Bagnai, un paese forte se non rivaluta, sostanzialmente svaluta, attirando sui suoi prodotti l’interesse dei consumatori.  Ora, non potendo più svalutare la moneta, si è individuata una soluzione “lacrime e sangue” che tocca i lavoratori: si opera una svalutazione interna ( riduzione salari, pensioni, licenziamenti… ) per rendere attraenti i nostri prodotti. Il quadro spiega la dichiarazione di M. Draghi che per mantenere l’€ e quindi l’inflazione al 2% occorre tenere i salari bassi.
Da qui ne consegue che sarà difficile  per i prossimi anni  avere contratti economici gratificanti, fino a quando i tassi di cambio rimarranno fissi. Tutte le soluzioni, come ad esempio, la grande liquidità immessa nei mercati dalla Bce, sono dei palliativi! L’Euro è strutturalmente incapace di separarsi dalla politica del cambio fisso e finché questa situazione persisterà sarà molto difficile pensare il futuro, costituire una famiglia, fare figli, migliorare la situazione individuale e collettiva. Insomma siamo, come si dice dalle mie parti, ” in un bel casino!”

Stipendi bassi. Occorre “salire” per capire!

Scriveva F. Hegel che per comprendere i movimenti della storia occorre osservare la foresta e non il singolo albero. Nel nostro presente “l’albero” corrisponde ai salari bassi, alla perdita del lavoro e alla contrazione dei diritti. Questi puzzle costituiscono un disegno che si chiama Euro. Come ha scritto D. Fusaro, questa moneta è un metodo di governo  finalizzato a ridurre e/ annullare tutte le conquiste sociali del secolo scorso.
La conferma di questo disegno proviene da M. Draghi, governatore della BCE. Egli sostiene  la tesi ( 2015, ma sempre attuale ) che per salvare l’Euro occorre tenere bassi i salari. Quindi un convinto sostenitore della moneta europea, conferma le tesi degli economisti anti-Euro. Uno di questi è A. Bagnai. Egli  ha ben spiegato il meccanismo ( cfr. ” Il tramonto dell’Euro” e ” L’Italia può farcela” , il Saggiatore ). In sintesi: ci troviamo in un regime di tassi fissi. Quindi i paesi più deboli economicamente ( Italia, Portogallo, Spagna, Grecia ) per mantenere la competitività  dei loro prodotti, devono mantenere bassi i salari dei lavoratori, ottimizzare le risorse… Prima la competitività era salvata dalla svalutazione. Oggi, invece, con la sottrazione dei diritti…
Pertanto sarà impossibile nei prossimi anni sperare di migliorare significativamente la nostra condizione di lavoratori. A meno che non cambi il disegno che sta dietro l’Euro!

“The dark side” dell’Euro

download

Non osservare l’albero, ma la foresta” ( F. Hegel ).
Sono sempre convinto che occorre “guardare” i fatti, superando la loro contingenza. Diversamente si rischia di non comprendere i “movimenti sotterranei” della storia, suoi scenari, quasi sempre tenuti lontani dalla vista  della maggior parte delle persone. A queste sono proposte solo opinioni, o luoghi comuni con valenza zero, ma appesantite da elementi che bypassano la razionalità puntando sull’emotività, sulla paura.
E’ il caso dell’Euro!
La dichiarazione rilasciata da M. Draghi, conferma che l’Euro, come spesso dichiara il filosofo marxiano D. Fusaro ” è un preciso strumento di governo” finalizzato a ridurre diritti, quali quello alla giusta paga, commisurata alla prestazione erogata ( art. 36 Costituzione, precarizzando il lavoratore. Gli effetti sono devastanti: contrazione, se non azzeramento del futuro, come prospettiva, “densità del presente” che diventa onnipresente, espellendo dall’orizzonte esistenziale la categoria della possibilità, del superamento dello status quo. Tutto questo si declina, nel nostro specifico nel congelamento degli aumenti contrattuali che ormai dura da sette anni. La stessa Corte Costituzionale ha formalizzato ( sentenza 25.06.2015 ), così prolungata è incostituzionale.
A questo quadro di rigore e austerità  si aggiunge che il nostro Paese ha ceduto la sovranità monetaria e anche politica ( molte decisioni devono passare al vaglio dell’Europa ).
Cosa fare? L’ho scritto qualche giorno fa. occorre un colpo di reni, un segnale di discontinuità che rimetta al centro la politica, quella dei bisogni, dell’attenzione alle persone, alla qualità della loro vita. Purtroppo non vedo personalità capaci di tradurre questa prospettiva in un progetto politico che ricollochi l’economia a subordinata. E quindi?