Archivi tag: Fake news

L’utilità della certificazione Ecdl, nonostante…

Chi mi frequenta sa che sono impegnato da diverso tempo sul fronte delle acquisizione delle fondamentali conoscenze e abilità di base digitali.
Ogni tanto leggo interventi sulla inutilità della certificazione Ecdl. Alcuni puntano sulla mancata “immortalità” della certificazione che bisogna rinnovare con un esame upgrade ogni cinque anni – questo lo dico io, non loro che si fermano alla scadenza, dimostrando di non conoscere i nuovi percorsi Aica. Altri, come gli Animatori Digitali dichiarano di non voler “mettere la faccia” – l’espressione è mia – proponendo la  prima alfabetizzazione informatica. Ricordo che un amministratore di una pagina Fb  dedicata agli Animatori Digitali – sono stato bannato, perché postavo  cose “fuori dal coro”-  , mi rispondeva: ” E si ora metto a proporre corsi di prima alfabetizzazione…”. Da qui ho compreso la riluttanza a proporre corsi certificati. Poco dignitosi per il loro profilo!   Altri come i formatori del PNSD dichiarano che la certificazione ecdl è superata, inutile. Mi piacerebbe conoscere quali titoli riconosciuti in loro possesso li  autorizza a fare queste dichiarazioni.
Ben vengano questi rilievi perché servono al sottoscritto per riflettere su questa personale scelta, che coesiste con altre più complesse come la ricerca attiva nel web, l’ipertestualizzazione,  la lotta il cyberbullismo al grooming,…
Ho scelto di impegnarmi con bambini, ragazzi e adulti nella prima alfabetizzazione perché la cittadinanza digitale ( V. PNSD ) si basa sull’acquisizione delle conoscenze e abilità di base. Ora la cittadinanza digitale è una declinazione di quella più ampia che fa riferimento all’affermazione dei diritti civili – manifestare la propria opinione, la propria religione… )   e sociali ( salute, istruzione…) . E oggi essi richiedono l’uso consapevole dei software di base ( a licenza o free ) la capacità di navigare nel Web per ricercare informazioni o altro materiale e gestire le webmail. Purtroppo il 57% dei professori, si esprime con un lessico inappropriato – “appiccico” il testo, ” spingo” il mouse, “batto” sulla tastiera…-  non sanno usare correttamente i software di base e navigare nel Web.  Non parliamo poi di sicurezza e di uso degli strumenti collaborativi . Quindi sono esclusi da una piena cittadinanza! Per loro l’incapacità di utilizzare a livello base gli strumenti informatici ( Digital Literacy ) si traduce nella minore possibilità far valere i loro diritti.
Stessa situazione si trovano i cosiddetti “nativi digitali”. Utilizzo minimo e pessimo dell’editor di testo – mancato adeguamento dell’impaginazione, scarso utilizzo della formattazione, dei rientri…- , inadeguata conoscenza del foglio di calcolo – scarsa conoscenza della sintassi per l’inserimento delle funzioni aritmetiche e logiche –  e degli strumenti di presentazione – le diapositive contengono tanto testo. Questo offline.
La situazione diventa drammatica quando sono online! E lo sono spesso h 24! Secondo una recente ricerca dell’Aica il 42% degli studenti universitari non disattiva il wifi quando non serve, esponendoli quindi a intrusioni o furti d’identità ( ingegneria sociale ) ; il 40% non protegge l’accesso al proprio smarthphone con gli inevitabili rischi di essere coinvolti nei fenomeni dell’outing, denigration ( declinazioni del cyberbullismo ) e del grooming ( adescamento sessuale online ); il 50% non controlla le autorizzazioni richieste per l’installazione di un’applicazione…
A queste situazioni il rimedio si chiama alfabetizzazione informatica ( Ecdl o Eipass ).
Il valore aggiunto delle relative certificazioni è far conoscere il lessico informatico “digitare”, “premere”, “cursore”, “input”, “output”, “Dati”, “informazioni”-, acquisire abilità multiprocedurali –  ad esempio si può attivare il copia/incolla dalla barra multifunzione, con il tasto destro o con i tasti di combinazione rapida…-  e le competenze di organizzazione e di ordinamento – ad esempio impostare tutto per cartelle, sottocartelle, file… Tutto questo spesso “ritorna”, utilizzando applicazioni complesse, conferendo all’insegnante o relatore un’autorevolezza che sicuramente non può avere una persona che presenta il suo Desktop caotico e “affollato”, di  file e cartelle.
Ovviamente da questo discorso non è esclusa la parte online. La certificazione di acquisizione di competenze digitali ( non informatiche ), abilita alla navigazione, inserendo ad esempio criteri più mirati per ricercare informazioni e all’individuazione delle “balle virtuali” ( fake news ) . Navigazione che assume, anche caratteristiche collaborative,  di utilizzo del cloud e sicura.
Certamente tutto “questo “tesoro” ( conoscenze, abilità, competenze), deve essere aggiornato periodicamente. L’Aica propone un esame di aggiornamento ogni cinque anni. E’ impensabile oggi certificare ” a vita” conoscenze, abilità e competenze dinamiche, come quelle digitali.
Tutto questo, ovviamente non serve, se la persona non ha la passione: il valore aggiunto che lo porta a non “sentirti arrivato”, a ripartire ogni volta che raggiungi un obiettivo. Personalmente sto sostenendo gli esami per la certificazione “IT Administrator Fundamentals”. La prossima sarà ”  Informatica giuridica” ( qui tutte le certificazioni). Senza escludere il periodico upgrade della certificazione ecdl.
Concludo. Le abilità di base digitali, come quelle del “leggere, scrivere, far di conto” devono essere insegnate fin da piccoli, in modo da favorire l’avvio di una formazione “corretta” che deve durare tutta la vita.

 

Cyberbullismo. E il mio impegno continua…


Dopo il coinvolgimento al III° Municipio e altri interventi –  attualmente sono impegnato nella stesura del modulo “Cyberbullismo” all’interno del Pon “Pensiero computazionale e creatività digitale”-  il mio impegno continua presso un Oratorio salesiano. Tutti noi conosciamo l’ impegno dell’ordine religioso  a favore dei ragazzi e dei giovani. Bene, sono stato contattato per un intervento sul tema relativo alla sicurezza nel Web. Illustrerò a ragazzi, giovani e genitori, quali sono le superficialità procedurali o le trappole di tipo informatico  che favoriscono anche l’arrivo “del branco”.

Web. Le “false notizie” e il pensiero critico


Il Web è un’ottima opportunità di conoscenza  e approfondimento. Purtroppo tra le tante informazioni, sono presenti anche delle “bufale”, delle false notizie ( “Fake news ). Queste hanno il compito di manipolare l’internauta sprovveduto, il quale spesso con il meccanismo della condivisone diviene il mezzo della loro diffusione. A questo occorre aggiungere gli effetti sulla reputazione online della persona che diffonde queste notizie. In altri termini, una “bufala”, ben confezionata può far crollare la fiducia delle persone che ci seguono, trasformando questo sentimento in altri di segno opposto,facendoci apparire come inaffidabili e irresponsabili.
E’ necessario formare gli internauti al riconoscimento delle false notizie.
Il media sociale Facebook ha recentemente pubblicato un decalogo per individuare e quindi ignorare queste “bufale”. E’ un mix di conoscenze informatiche ( attenzione alla formattazione e alle foto probabilmente ritoccate…) e di applicazione nel web del pensiero critico ( valutazione della fonte e verifica  di altri fonti… ).
Il modulo “It Secutity 2.0 ” ( Aica-Ecdl ) presenta sostanzialmente  le medesime regole, ponendo l’attenzione sulla credibilità della persona che pubblica la notizia, l’individuazione delle fonti dalle quali sono tratte le informazioni , il confronto tra le fonti…
Il moltiplicarsi di queste “bufale” nel web pone nuove sfide al sistema formativo: la selezione  delle informazioni non può limitarsi solo alla loro congruenza e utilità ai fini della ricerca, ma aprirsi al pensiero critico che significa “scansione” dettagliata delle informazioni.

Cyberbullismo. Shitstorm” tempesta di escrementi”


Il fenomeno dello “Shitsform” ( tempesta di escrementi) , nato con Facebook è emigrato in un servizio di messaggistica istantanea chiamato “Telegram” ( il “Fatto Quotidiano” di oggi ).
Rispetto al Social più diffuso, la tecnica si è aggiornata e contestualizzata allo strumento:  rubare l’ identità del ragazzo, depositarla su canali preposti  e poi scatenare contro di loro il “branco virtuale”, dove domina la pseudo-certezza di poter fare qualunque cosa perché anonimi e invisibili.
Questa migrazione è insidiosa, perché i genitori verso questo servizio IM potrebbero avere le difese abbassate. Quindi occhio non solo su Facebook, Instagram, Snapchat…
Ricordiamoci che molti bambini e ragazzi possiedono uno smarthphone definito da M. Spitzer ” il coltellino svizzero” e quindi ogni volta che lo usano ad esempio per scambiarsi messaggi.  occhi indiscreti potrebbero essere  lì a guardare.