Archivi tag: fallimento PNSD

PNSD, un check-up serio e non di parte

 

PNSD

PNSD la domanda purtroppo non ha risposte certe. Non siamo più ai primi sei mesi, ma quasi alla conclusione del triennio.

Il PNSD sta concludendo il suo triennio. Il tempo trascorso permette di individuare i contributi, ma anche le criticità. L’operazione è possibile solo partendo dai dati e numeri. Incontrovertibili, indiscutibili.

Il PNSD, la carenza di dati e numeri

Chi mi segue conosce la mia posizione critica sul PNSD. In sintesi, la prospettiva ridotta ad addestramentoil volontariato degli Animatori Digitali ( pessima definizione di un un ruolo strategico) e la mancanza di dati.
Ormai siamo alla conclusione del primo triennio del PNSD. E’ possibile valutare la sua riuscita, partendo dai dati. L’operazione è riuscita molto bene al Prof  Paolo Maria Ferri attraverso un interessante e chirurgico articolo dal titolo “Scuola, così quella italiana resiste alla rivoluzione digitale
La riflessione conferma uno di miei rilievi: la mancanza di dati.  Il Prof. Ferri si sofferma sulla carenza di informazioni certe sull’attività degli Animatori Digitali e sulla ricaduta didattica delle connessioni.

Qualche stralcio

 Si legge ” Non ci sono, poi, dati o ricerche sull’ attività degli animatori digitali, e il rischio, senza monitoraggio, e che gli animatori digitali, su cui poggia, quasi per intero (insieme ai dirigenti) l’attuazione del PNSD, si demotivino, senza incentivi e controllo, o agiscano in maniera non coordinata ed episodica, senza fare sistema. Ovviamente al netto di alcune virtuose eccezioni
Sull’uso delle connessioni a fini didattici P.M. Ferri scrive: “Ad esempio i circa ottomila plessi che hanno risposto al questionario dell’Osservatorio nazione scuola digitale, dichiarano quasi tutto di avere una connessione “dedicata” per le attività didattiche, ma poi le aule realmente connesse e cablate si attestano intorno al 60%. “

Una considerazione

Condivido la conclusione del Prof. Ferri: “è necessario e improrogabile attivarsi sul fronte del “monitoraggio” e della verifica dei risultati senza un istanza di controllo centrale (preferirei) o regionale l’attuazione del Piano è lasciata alla buona volontà dei singoli dirigenti.  Inoltre il Piano, soprattutto ora, che il quadro politico e istituzionale verrà di nuovo e imprevedibilmente rimescolato dalle elezioni di primavera rischia di essere bloccato almeno per tutto il 2018, come si sa in Italia l’insediamento di un nuovo governo rallenta i processi decisionali. ”
Nella conclusione ci sono tutti i presupposti per una riorganizzazione di tutto il PNSD che a detta del Prof. ha incontrato molte resistenze nei singoli Istituti. Occorre interrogarsi su questi “muri di gomma” alzati dalle scuole e ripartire.  Diversamente l’attuale PNSD sarà presto dimenticato e lasciato su un binario morto, arricchendo la “bacheca istituzionale” di un’altra iniziativa non riuscita. 

Aggiorniamo al ribasso il nostro profilo

Il nostro profilo professionale è sempre stato caratterizzato dal “Ti pago poco, ti chiedo poco”. Purtroppo questo luogo comune non corrisponde più al vero. Occorre aggiornarlo.

Il profilo storico

Il nostro lavoro è sempre stato considerato poco importante. Nella sostanza! Formalmente politici, sindacalisti, giornalisti ed altri ancora hanno sempre evidenziato l’importanza strategica della formazione e quindi del ruolo dle docente. A parole, poi nei fatti…il pensare comune è il seguente: ” Gli insegnanti lavorano solo quattro ore, hanno tre mesi di vacanza in estate, quindici giorni a Natale…quindi è giusto pagarli poco”. Esistono tante varianti a questa uscita da bar, che sostanzialmente può essere sintetizzato nel detto ” Ti pago poco, ti chiedo poco!”
In linea teorica il discorso non fa una piega. La retribuzione è commisurata alle ore lavorative. Le cause? E. Centemaro, responsabile scuola di FI, individua una delle cause  alla femminilizzazione.

Una scuola che non esiste più, se non nella mente di chi non la
frequenta

Ora questo detto  “Ti pago poco, ti chiedo poco”,  rimanda ad una scuola che non esiste più. Le quattro ore sono l’orario minimo giornaliero di impegno. Ci sono le programmazioni, le commissioni, le visite d’istruzione e i campiscuola, la scrittura di progetti (Dsa, Bes…) il ricevimento dei genitori… Tutto lavoro alla luce del sole!
A questo occorre aggiungere il sommerso. Mi riferisco alla correzione dei compiti, alla preparazione delle lezioni, alla compilazione delle schede…
A queste incombenze “storiche”, si aggiungono nuovi compiti, derivati da alcune leggi. Penso all’Animatore Digitale, al Team di Innovazione, al commissario del concorso-Scuola, e al referente contro il cyberbullismo…

La logica del “ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”

Pertanto da questi pochi esempi è possibile affermare che il profilo docente sta scivolando sempre più verso un contesto asimmetrico di sfruttamento. La pillola è indorata con l’espressione dell”ottimizzazione delle risorse” o se vogliamo volare alto della “tecnica” ( M. Heidegger). Per parlare facile occorre aggiornare il nostro profilo in “ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”. Questo è possibile, grazie alla sponda “emotiva e affettiva” che gli insegnanti offrono. Un “fianco” che affonda le sue radici nella “missionarietà” o nel volontarismo” del proprio lavoro, caratterizzato dalla relazione con delle persone giovani e non con carte o dichiarazioni al vento.

Ultimo esempio: il contratto “povero” e irrispettoso

Una conferma di questo nuovo profilo? Il prossimo contratto! Probabilmente sarà caratterizzato da pochissime decine di euro di “aumento”, che rischia per 300.000 docenti “la scomparsa” degli 80€ e per tutti dell’indennità di vacanza contrattuale, e contemporaneamente da un aumento significativo di incombenze. Se questi nuovi carichi di lavoro saranno confermati, il contratto risulterà coerente con il ” ti pago poco o nulla e ti faccio lavorare di più”.
I prossimi mesi confermeranno o meno queste ipotesi.

PNSD: le premesse per un probabile fallimento

PNSD

Premessa

Qualche giorno fa G. Marconato ha pubblicato un articolo sul PNSD. Interessante, profondo e soprattutto non allineato, rispetto a tanti interventi, anche di colleghi che si definiscono esperti di informatica ( definizione appropriata, considerata la sua natura procedurale).

I limiti del PNSD

In estrema sintesi G. Marconato mette in risalto i limiti del PNSD. Questo esprime la fiducia nel digitale che inerzialmente dovrebbe risolvere i problemi della scuola. Siamo di fronte al nuovo dio, prodotto dalla mente degli esperti del Miur, i quali spesso dimostrano un irriflesso compiacimento verso tutto ciò che è innovativo. in altri termini, essi dimostrano di essere prigionieri in una gabbia dorata, totalmente proiettati in avanti, dimenticando come scrive G.Marconato  che “il futuro è fatto di tante dimensioni, di tante problematiche che meritano attenzione da parte della scuola” , le quali sfuggono alle potenzialità di cambiamento del nuovo. Quest’ultimo spesso si identifica con un sapere e saper fare di basso livello, guardandosi bene dal volgere lo sguardo verso il piano alto della prospettiva, della verticalità educativa. Le azioni del PNSD sono fortemente condizionati da questa visione orizzontale, limitata e asfittica. La stessa loro definizione (azione) rimanda a dei compiti, a un comportamentismo declinato nella postmodernità, impotente dopo aver decretato la ” morte di Dio” e delle grandi narrazioni di elaborare una verticalità di senso sulle macerie del Nulla (ho parafrasato F. Nietzsche). Quindi, in questa “notte del mondo” cosa rimane se non la tecnica, connaturata con la vita ontica, non autentica che riduce tutta la realtà ad enti ( M. Heidegger)?     

Alcuni esempi

Il primo esempio di questo scivolamento addestrativo e quindi di adeguamento ad un “profilo minimale di persona” è il coding, pratica osannata e idolatrata da molti sostenitori del PNSD, Sono un curioso! Questa inclinazione mi porta a leggere e analizzare molti lavori di coding. Bene, dietro i tanti prodotti, che rimandano ovviamente a procedure e sequenze,  manca l’idea, il piano alto dell’educazione. Il palcoscenico è occupato dal software e dai suoi algoritmi. L’alunno, lo studente sono dei semplici  esecutori di istruzioni che portano a un obiettivo.  Scrive G. Marconato ”  Siamo sempre al “cosa posso fare con questo?” e ancora lontani dal “cosa mi serve?”, ancora lontani da una visione educativa e pedagogica e da un’esigenza didattica che è alla ricerca di una modalità di essere soddisfatta.”
Il secondo esempio di questo scivolamento è l’identificazione del saper fare con il saper essere ( competenza). Qualche AD presenta capacità, facendole passare per competenze.

Conclusione

Quindi se questi sono gli scenari è auspicabile che la scuola, quella che guarda al piano alto, marginalizzi l’intruso, proponendo invece un nuovo Piano che rimetta al centro la domanda ” dove voglio arrivare?” o come scrive G. Marconato “cosa mi serve” che  “implica che si abbiano obiettivi di sviluppo e di apprendimento da conseguire, che si abbia una visione educativa della propria azione (qual è il ruolo della scuola, perché insegno, chi è la persona con cui mi relaziono, cosa ritengo importante insegnare), che si abbia una strategia didattica attraverso cui rendere operativa quella visione, che si sia in grado di scegliere tra più opzioni e si sappia argomentare quella scelta.”

 

PNSD. Report secondo anno e aggiungo anche la “timidezza” degli AD

“Non sono stati ancora erogati i famosi 1000 euro annuali per l’azione degli animatori digitali; non sono ancora state individuate ufficialmente dal ministero le linee operative per lo sviluppo del byod; non sono ancora state individuate ufficialmente dal ministero le linee operative riguardanti le autoproduzioni, i contenuti sostitutivi ed integrativi; non sono stati rivisti i curricoli di tecnologia nella scuola secondaria di 1 grado; non sono stati ancora abbozzati i curricoli digitali”.
Questo  si può leggere nell’articolo PNSD. I punti deboli escono a fine anno  di G. Benassi (Usr Emilia-Romagna). Dal restante intervento emerge un PNSD assomigliante a una scialuppa lasciata senza un capitano, totalmente governata dai marinai (“…il PNSD si sta portando avanti senza alcun coinvolgimento fattivo delle strutture intermedie del ministero sul territorio…).
A tutti gli altri rilievi aggiungo anche la “timidezza” degli  Animatori Digitali a condividere nel Web il loro impegno e i risultati conseguiti
I diversi gruppi persenti sui media sociali, nati sull’entusiasmo iniziale, ora  assomigliano a delle lande desolate. Pochi interventi! Poche riflessioni!
Aggiungo che al momento sono presenti nella Rete solo poche  relazioni dello scorso anno.  Infatti, inserendo una ricerca  mirata “Relazione finale Animatore digitale 2016”, solo le prime cinque-sei pagine propongono i report. Proseguendo, le relazioni si diradano. Se si tiene conto che ogni pagina proposta dal motore di ricerca presenta un elenco di dieci link, in valore percentuale siamo tra  l’1-2% ( dato ottimistico!). Chiedo: e i restanti Animatori Digitali? Ora è possibile che i titoli dei report, nella loro varietà sfuggano al motore di ricerca.
Avanzo una proposta al Miur:
1) salvare in uno spazio  accessibile a tutti   le relazioni degli 8.303 Animatori digitali – temo che il loro numero si sia fortemente ridotto. Questa soluzione darà la possibilità all’Amminsitrazione di verificare “lo stato dell’arte” del PNSD e agli esterni al Piano di arricchirsi professionalmente. Ovviamente altri indicatori dovranno essere tenuti in conto per avere un quadro complessivo dell’implementazione del PNSD, dal quale personalmente mi sono tenuto lontano per via dell’incertezza o inadeguatezza  del compenso, dell’eccessivo tecnicismo…