Archivi tag: famiglia

Coronavirus, sta “imponendo”un nuovo patto educativo

 

Coronavirus

Coronavirus, rappresenta l’ultima rappresentazione della “crisi”. Non sarà più come prima. Anche per la scuola.

Conavirus, l’epidemia sta mutando gli scenari ipotizzati. “Saltano” certezze o quasi, comportamenti. E’ la rappresentazione della “crisi”. Occorre un nuovo patto educativo tra la famiglia e la scuola.

Continua a leggere

Denuncia insegnante, chi le restituirà la sua vita?

Denuncia insegnante

Spesso le denunce portano al burnout. E una volta entrati non si torna indietro!

Denuncia insegnante per diffamazione. Una brutta storia| Direi pessima! Purtoppo non esiste la possibilità di “riavvolgere” il nastro. Le ferite rimangono. Per sempre

 La lettera, il fatto!

Un insegnante Scrive a V. Lodolo, esperto in burnout:
Gentile dottore, sono una docente con 30 anni di insegnamento senza demerito alcuno (anzi) quando vengo denunciata per “diffamazione aggravata” nel marzo 2014 da una mia studentessa per averle comminato una nota disciplinare sul registro elettronico in cui definisco il comportamento della ragazza “estremamente maleducato” (se vorrà le dirò a cosa mi riferivo). Inizia per me un incubo: dimagrisco, perdo capelli, perdo il sonno, finisco in ospedale per sospetto attacco cardiaco (era “solo” un attacco di panico); l’incubo finisce 13 mesi dopo con archiviazione del caso da parte di un magistrato che non solo ritiene infondata la notizia di reato, ma che ritiene la mia condotta “estrinsecazione dei doveri di insegnante/educatrice”. L’avvocato penalista me lo sono però dovuta pagare io, l’assicurazione della scuola si è data alla macchia, io e la mia famiglia per sostenere la spesa non siamo andati in vacanza in estate. Anche queste sono pugnalate, mi creda…

Non esiste il “rewind”

 L’insegnante si è ammalata di burnout. Il giudice, però, riconosce che la nota sul registro è coerente con i “doveri di insegnante/educatrice”.
Purtroppo dietro di sè, lascia solo macerie e un “pezzo di vita” che non tornerà più! Ai suoi affetti, al suo mondo e ai suoi sogni. Probabilmente distrutti anche dal sentirsi abbandonata dalle istituzioni. Non emerge la presenza dell’Amministrazione!
Un altro fatto mi viene in mente. Più pesante! Rignano Flaminio. Scuola dell’infanzia O. Rovere. Cinque imputati chiamati in causa per presunte violenze ai piccoli alunni. Sono  le maestre Marisa Pucci, Silvana Magalotti e Patrizia Del Meglio, la bidella Cristina Lunerti e l’autore televisivo Gianfranco Scancarello.  Bene dopo quasi dieci anni tutti assolti!
E poi dicono che il nostro lavoro è leggero, a “bassa complessità”, finendo con i luoghi comuni dei “tre mesi di ferie estive, quindi giorni a Natale e sette a Pasqua”

Foto social, un bell’esempio di conflitto intergenerazionale!

Foto social

Quando i ruoli si invertono, ne esce sempre una bella storia!

Foto social, quando sono i figli…

Foto social, un bell’esempio di conflitto intergenerazionale.
Si legge sul portale di Sul Sole 24ore , notizia riportata anche Tecnicadellascuola.it
Il caso è quello di un sedicenne che ha chiesto tutela contro una madre troppo “portata” a post e commenti web su di lui; ora non potrà più farlo, pena un salasso di 10mila euro… I genitori che pubblicano le fotografie dei figli minorenni sui social network sono avvertiti: si tratta di un illecito che può portare alla rimozione delle immagini per ordine del giudice ma anche al pagamento di una somma di denaro in favore dei figli.
Non è l’unico esempio ! Iniziano ad essere diversi e a trattare le “naturali sfumature
Siamo in presenza di un  figlio maturo ed esperto  dei rischi presenti nel Web. Il genitore invece… . E’ un interessante  e curioso ribaltamento dei ruoli. E’ un chiaro messaggio che i figli non sono “nostri”, ma della vita (Gibran). Non sono oggetti da esibire, ma persone da rispettare nella loro intelligenza e sensibilità.  Bel messaggio!   

 

 

Instagram, caratteristiche e guide per i genitori

Instagram

E’ necessario essere “presenti” nella navigazione nei social network

Instagram è un social network che permette di postare foto e video. E non solo. Quasi tutti questi materiali sono condivisi nella piattaforma e nel Web. Cosa fare per ridurre questo rischio?

Instagram

I nostri ragazzi passano molto tempo nel web. Il virtuale è ormai la loro dimensione. Questo è fatto di tanti ambienti. Uno dei  più frequentati è indubbiamente Instagram. E’ accattivante perchè permette, innanzitutto, di postare foto e video e di condividerli, alimentando il narcisismo che caratterizza i nostri ragazzi (e non solo). Con una certa frequenza emerge la tendenza  di stilare una classifica degli sguardi più belli o delle ragazze più belle. Pratica che espone al giudizio degli altri (anche di sconosciuti) con tutte le conseguenze del caso. In caso di uso dello smartphone  da parte di bambini o ragazzini è consigliabile che gli adulti siano presenti, impostando ad esempio l’account come privato. Propongo questa guida per comprendere cosa fare nell’attivazione di un account Instagram.
Un rischio sottovalutato è la geolocalizzazione. L’attivazione quasi h 24 di questa funzione permette ai pedofili di agganciare i dispositivi dei bambini o dei ragazzetti sprovevduti. A tal proposito suggerisco  questa guida, proposta dal sito Securityinfo, recensito qualche giorno fa.