Posted in: Nativo digitale, Recensioni, Tutti gli articoli

Nativi digitali

nativi digitali

Spesso i nostri ragazzi dono presentati come “Nativi digitali”. Non sempre, però, chi usa questa definizione non ne conosce tutte le implicazioni.
L’ottimo contributo di Giuseppe Riva ci viene in soccorso. Il pregio del lavoro è quello di presentare una sintesi esaustiva del profilo dei nostri ragazzi rispondendo a diversi interrogativi sulla evoluzione o involuzione della sua identità, dello sviluppo cognitivo, emotivo  e relazionale. Entrando nello specifico l’A. registra una mutazione del concetto d’identità, mutuata dai social Network che spesso non corrisponde  a quella reale. Un’identità che diventa estremamente  liquida, sublimata, non reale . Un’identità dai legami deboli, che comporta scarso coinvolgimento nelle relazioni e scarsa assunzione di responsabilità.
In questo contesto il nativo digitale non è più spettatore ma  diventa “spettautore, “commentautore”  cioè parte attiva di una memoria collettiva dinamica di contenuti e esperienze che si strutturano, destrutturano e si ristrutturano e dove ognuno è centro e terminale, parte attiva e passiva di un processo senza fine.  Cambia anche il concetto di” luogo”, tradizionalmente legato alla presenza fisica. Spesso “il nativo digitale non valuta più opportunità e vincoli in relazione al luogo fisico in cui si trova ma al luogo digitale esteso reso possibile dai mezzi di comunicazione a sua disposizione” .
Questo è molto altro ancora è proposto nel lavoro di G. Riva che con linguaggio tecnico- scientifico, presenta l’identikit del “Nativo digitale”, con le sue luci e ombre. Consigliato a tutti gli educatori e insegnanti, grazie al quale potranno individuare percorsi o attività per introdurre elementi formativi in  un contesto che spesso risponde solo a logiche commerciali.

Qui è possibile leggere un’ampia sintesi del lavoro

 

Posted in: Ecdl, Esperienze, Formazione, Informatica, Tutti gli articoli

I facilitatori nella preparazione Ecdl

nuova_ecdl
Chi prepara agli esami della patente Europea per il computer, lo può fare puntando esclusivamente al  superamento degli esami, limitando il suo approccio all’aspetto strumentale. E’ questo il caso di molti corsi proposti da istituti superiori , dove ogni modulo è compresso  in sei-otto ore.  Chi ha esperienza di preparazione,  sa benissimo che le suddette ore non possono andare oltre gli aspetti strumentali-addestrativi. Conseguire questo obiettivo è già un ottimo risultato, ma la scuola deve andare oltre, in profondità, individuare e attivare  processi cognitivi , laddove sembrano assenti o quasi nulli. Il corso proposto e realizzato per il mio Istituto a favore di venti studenti,  si pone diversi obiettivi, che sicuramente possono essere conseguiti avendo  20 h a disposizione per modulo.  Alcuni di questi li ho già illustrati in altra parte.
Qui vorrei soffermarmi sul contributo della preparazione Ecdl nel processo di comprensione del testo. Generalmente questo può essere favorito da alcuni anticipatori che normalmente richiamano le conoscenze pregresse della persona o le informazioni ricavate da un disegno, immagine o foto. Ora considerando il particolare contesto d’esame ( davanti a un terminale, la presenza di un tasso d’ansia anche per il la barra del tempo che scorre…)   ho individuato tre  facilitatori. Alcuni si rifanno alla semantica dei termini e ai loro sinonimi. Ad esempio, risulta molto utile comprendere, ad esempio,  fin dall’inizio il significato di aprire e chiudere “finestre”, di selezionare che precede sempre l’azione della modalità d’intervento sulla parte interessata, di copiare/incollare o di tagliare/incollare… Si è rivelato molto utile anche la conoscenza di sinonimi, quali riprodurre ( copiare ) e trasferire ( tagliare )…
Il secondo tipo di facilitatore si riferisce al tipo di organizzazione dei programmi e delle cartelle. Questa è caratterizzata dalla struttura ad albero, che in alcuni casi assume i termini di Directory e subdirectory… L’aver presentato i rapporti tra la barra multifunzione dei programmi Office, le schede  e i gruppi, o tra il menu e il sottomenu come degli esempi di questa struttura ha favorito la comprensione delle azioni da compiere sul monitor.
Il terzo  facilitatore richiama i percorsi di conseguimento dell’obiettivo all’interno dei programmi Office. Solitamente essi rimandano all’utilizzo della barra multifunzione, del tasto del menu contestuale o della barra di formattazione contestuale.

Posted in: Cyberbullismo, Esperienze, Formazione, Informatica, Tutti gli articoli

“Nativi digitali”? No “smanettoni”

80f8a6de-2c40-41e3-9dbd-13ba64192da7
Quasi sempre i nostri ragazzi sono definiti “nativi digitali”. Ma cosa intendiamo con questa definizione? Una condizione? Una particolare intelligenza? Se  qualcuno si riferisce  a quest’ultima ipotesi, allora chiedo ulteriormente: può  l’intelligenza  identificarsi con  la conoscenza di una serie di procedure di tipo addestrativo? Direi  di  no! Bene,  la generalità dei nostri ragazzi dimostra una ridotta conoscenza delle procedure informatiche, limitata soprattutto alla “sopravvivenza” e “visibilità su Facebook.  Eppure, vengono descritti come dei  geni informatici. Purtroppo la realtà ci dice altro.  Sono solo dei “smanettoni”, la cui azione spesso si dimostra caotica,  frutto di tentativi ed errori che non favorisce sicuramente le competenze di base dell’informatica : l’organizzazione e l’ordine. A questo si deve aggiungere che alcune procedure sono accompagnate da errori. A tal proposito è sufficiente analizzare le loro foto, postate su Facebook. Spesso le persone sono proposte con occhi rossi, gli sfondi non adeguatamente illuminati, e il rapporto contesto/ particolare sovente è presentato senza un adeguato contrasto. Non parliamo poi del lessico: improvvisato, impreciso, fatto di espressioni quali “ spingo sul mouse”, “pigio sul mouse”, “ batto sulla tastiera”, “schiaccio il tasto”. Potrei continuare, ma mi fermo qui!!! Per inciso anche molti adulti  dimostrano una inadeguata conoscenza informatica che raggiunge il suo apice con l’uso improprio di PowerPoint, presentato come un “Word mascherato”.
C’è un rimedio? Certamente! Un buon corso di preparazione agli esami per la Patente europea del Computer ( Ecdl ), che contestualmente  all’insegnamento delle procedure, tenga presenti questi obiettivi: 1) uso corretto del lessico informatico; 2) conoscenza multipla delle procedure; 3) conoscenza delle funzioni dei principali programmi; 4) competenza ordinativa e organizzativa dei lavori sul proprio computer.