Posted in: Culpa in vigilando

Liberatoria possibile, una “Culpa in vigilando” meno stringente

Liberatoria possibile
Finalmente è possibile la liberatoria. Senza rischi per i docenti e le scuole.

Liberatoria possibile, dal Il 1° dicembre il decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148 è stato convertito definitivamente in Legge dello Stato. Il riferimento è 172/17!
Ne parlo perché contiene l’articolo che riduce l’asfittica presenza della “Culpa in vigilando”. Un modello.

Disposto normativo tanto atteso dalle scuole

 (Disposizioni in materia di uscita dei minori di 14 anni dai locali scolastici).
1. I genitori esercenti la responsabilita’ genitoriale, i tutori e i soggetti affidatari ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184, dei minori di 14 anni, in considerazione dell’eta’ di questi ultimi, del loro grado di autonomia e dello specifico contesto, nell’ambito di un processo volto alla loro autoresponsabilizzazione, possono autorizzare le istituzioni del sistema nazionale di istruzione a consentire l’uscita autonoma dei minori di 14 anni dai locali scolastici al termine dell’orario delle lezioni. L’autorizzazione esonera il personale scolastico dalla responsabilita’ connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza.

2. L’autorizzazione ad usufruire in modo autonomo del servizio di trasporto scolastico, rilasciata dai genitori esercenti la responsabilita’ genitoriale, dai tutori e dai soggetti affidatari dei minori di 14 anni agli enti locali gestori del servizio, esonera dalla responsabilita’ connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza nella salita e discesa dal mezzo e nel tempo di sosta alla fermata utilizzata, anche al ritorno dalle attivita’ scolastiche).

Implicazioni  e limiti

Quindi la liberatoria sarà possibile, auspicabile. Finora gli Istituti scolastici, quelli che avevavo utilizzato questo strumento, non erano esenti da rischi. “Scrivevo qualche mese fa : ” Di fronte a un giudice questa dichiarazione può ritorcersi contro il docente, in quanto implicitamente è un’ammissione dell’esistenza di un obbligo di vigilanza del docente nei confronti del minore. Quindi pratica inutile e pericolosa.”
Ora non è più cosi! Finalmente si dà maggiore ascolto alle ragioni pedagogiche, finalizzate a rendere autonomo il minore. Questo non significa ridurre il peso della sorveglianza e della protezione.  Queste  hanno sempre una valenza maggiore rispetto alle ragioni pedagogiche.
Ogni provvedimento, però, ha dei limiti. Anche questo non sfugge a questa costante. La natura particolare, dell’articolo, infatti, esclude una serie di eventi, inerenti l’uscita, ma non rientranti nella casistica del “termine delle lezioni”. Il problema è affrontato diffusamente dall’avv. Marco Barone in un articolo pubblicato su “OrizzonteScuola”.
Comunque il provvedimento è un passo avanti!

L’urgenza di un modello

Adesso tutto passa alle scuole. Queste devono elaborare un modello di liberatoria fondato giuridicamente. Il documento deve essere ben strutturato, evidenziando le fonti legislative e soprattutto esplicitando il criterio che l’assenza di vigilanza diretta, non si traduce in un aumento di rischi per il minore.
Il compito è facilitato dal modello proposto dall’avvocato Marco Barone nel citato articolo e che riporto di seguito:

Un modello

Io sottoscritto …… nato a ……, il …… e residente in …… e io sottoscritta …… nata a …… il …… e residente in …… rispettivamente padre e madre esercenti/e la patria potestà o affidatari/i o tutori/e dell’alunna/o …… nato a ……, il …… e residente in ……, frequentante attualmente la classe …… sezione …… della scuola ……

Visti gli gli artt. 2043, 2048 e 2047 del Codice Civile:
Visto l’art. 61 della legge n. 312 11/07/1980;
Visto l’articolo 591 del C.P.
Visto l’articolo 19 bis del DECRETO-LEGGE 16 ottobre 2017, n. 148 convertito con modificazioni dalla L. 4 dicembre 2017, n. 172 (in G.U. 05/12/2017, n. 284).
Essendo consapevoli che l’incolumità dei minori è un bene giuridicamente indisponibile;

a) dichiarano di essere impossibilitati di garantire all’uscita da scuola, al termine delle lezioni come da D.L. 148 del 2017 articolo 19 bis, la presenza di un genitore o di altro soggetto maggiorenne;

b) descrivono il tragitto casa-scuola ……………………………………………………………………………………..

e dichiarano che il minore lo conosce e lo ha già percorso autonomamente, senza accompagnatori;

e) si impegnano a dare chiare istruzioni affinché il minore rientri direttamente al domicilio ivi considerato;

f) si impegnano ad informare tempestivamente la scuola qualora le condizioni di sicurezza abbiano a modificarsi o siano venute meno le condizioni che possano consentire l’uscita da scuola del minore senza accompagnatori;

g) Nel caso di utilizzo di trasporto scolastico si esonera dalla responsabilita’ connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza nella salita e discesa dal mezzo e nel tempo di sosta alla fermata utilizzata,e al ritorno dalle attivita’ scolastiche e nel tragitto dall’uscita di scuola al mezzo di trasporto scolastico e viceversa .

Il suddetto provvedimento di autorizzazione, adottato dal Dirigente Scolastico, potrà essere revocato con atto motivato, qualora vengano meno le condizioni che ne costituiscono il presupposto.

Fonte OrizzonteScuola

    

Posted in: Cyberbullismo

Il Sé resiliente, antidoto al cyberbullo

 

Il sé resiliente
La resilienza per supportare efficacemente la tecnicità della navigazione sicura nel Web

 

Il sé resiliente è la difesa più efficace contro il cyberbullo. La conoscenza delle procedure per una navigazione sicura nel Web è un corollario. Necessario, non sufficiente se non si lavora sulla personalità. In molti casi questa risulta in costruzione e fragile. Quindi soggetta agli attacchi del cyberbullo. 

Il sé resiliente di R.Kipling

Se riesci a conservare il controllo quando tutti

Intorno a te lo perdono e te ne fanno una colpa;

Se riesci ad avere fiducia in te quando tutti

Ne dubitano, ma anche a tener conto del dubbio; 

Se riesci ad aspettare e a non stancarti di aspettare,

O se mentono a tuo riguardo, a non ricambiare in menzogne, 

O se ti odiano, a non lasciarti prendere dall’odio, 

e tuttavia a non sembrare troppo buono e a non parlare troppo saggio:

Se riesci a sognare e a non fare del sogno il tuo padrone;

Se riesci a pensare e a non fare del pensiero il tuo scopo;

Se riesci a far fronte al Trionfo e alla Rovina

e trattare allo stesso modo quei due impostori; 

Se riesci a sopportare di udire la verità che hai detto

Distorta da furfanti per abbindolare gli sciocchi,

O a contemplare le cose cui hai dedicato la vita infrante,

E piegarti a ricostruirle con arnesi logori.

Se riesci a fare un mucchio di tutte le tue vincite

E rischiarle in un colpo solo a testa e croce,

E perdere e ricominciare di nuovo dal principio

E non fiatare una parola sulla perdita; 

Se riesci a costringere cuore, tendini e nervi

A servire al tuo scopo quando sono da tempo sfiniti,

E a tenere duro quando in te non resta altro

Tranne la Volontà che dice loro: “Tieni duro!”

Se riesci a parlare con la folla e a conservarti retto,

E a camminare coi Re senza perdere il contatto con la gente,

Se non riesce a ferirti il nemico né l’amico più caro,

Se tutti contano per te, ma nessuno troppo;

Se riesci a occupare il minuto inesorabile

Dando valore a ogni istante che passa,

Tua è la terra e tutto ciò che è in essa,

E – quel che è più – sei un Uomo, figlio mio!
( da R. Kipling, Poesie, a cura di Ornella De Zordo, Milano, Mursia, 1987.)

Una traduzione

In sintesi, il sé resiliente richiede questi comportamenti:
1) conoscere se stessi e non far dipendere (troppo) le nostre emozioni dagli eventi
2) Spostare l’attenzione dal rancore, dalla rabbia alla costruzione di atteggiamenti positivi e attivi.
3) Superare l’educazione vittimistica (paralizzante), a beneficio di un lavoro finalizzato a creare un contesto fatto  relazioni costruttive e formative, prodotto anche dalla messa in pratica di soluzioni e tecniche di comunicazione efficaci….
Questi atteggiamenti devono essere promossi e favoriti da adulti autorevoli,   qualche volta autoritari e con un’alta competenza all’ascolto profondo. I nostri ragazzi chiedono questa presenza. Non esplicitamente! E’ necessario essere capaci di guardarli “occhi negli occhi” per cogliere i metamessaggi, che spesso contraddicono il livello formale della comunicazione.
Il sé resiliente è una conquista, non una dote innata nei ragazzi. E non solo!

 

Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Snapchat e Ask.fm, due ambienti ideali per…

Snapchat e Ask.fm
Il cyberbullo conosce bene le nuove opportunità nel Web. Anche i rischi?


Snapchat e Ask.fm sono due ambienti virtuali molto frequentati dai nostri ragazzi. Essi si sentono sufficientemente protetti nella privacy e nell’anonimato Sarà vero?

Snapchat, un’applicazione apparentemente “poco sociale”

Molti genitori e insegnanti riducono la navigazione dei ragazzi a Facebook, Instagram, WhatsApp.
Purtroppo non è così. Le seconde linee sono occupate stabilmente dall’applicazione sociale  Snapchat e dal social network Ask.fm. Ma esistono anche le terze linee, che vede ogni settimana la nascita di servizi di messaggi istantanea (IM), social network e applicazioni sociali. Attualmente i più utilizzati sono Burn Note, Secret, Periscope… ( ne parlerò prossimamente.
Snapchat  consente di inviare messaggi. Due sono i suoi valori aggiunti: l’autodistruzione dopo pochi secondi  dei messaggi inviati e la possibilità di “abbellire“e modificare foto scattate, utilizzndo diversi filtri.
Indubbiamente è la prima caratteristica che attrae i ragazzi. Si sentono protetti nella loro privacy, grazie all’autodistruzione e alla dichiarata impossibilità di condividere i contenuti.
Vero? Assolutamente no!
Su diversi negozi elettronici (Store) sono già presenti alcune applicazioni che consentono di salvare il materiale, spesso configurabile come sexting (sex-texting) sul proprio dispositivo. Da qui la possibilità di condividerlo anche in altri ambienti virtuali. 

Ask.fm, un social network che promette…

Ask.fm basa la sua fortuna sulla possibilità di formulare domande anche in modo anonimo e senza registrazione agli iscritti. E questa doppia condizione rappresenta il terreno ideale per i cyberbulli. Anonimi e apparentemente invisibili.
Vero? Assolutamente no!
Il proprio IP pubblico può essere camuffato, assumendo grazie ai diversi Vpn (Virtual Private Network), all’estensione di Firefox AnonymoX, a Tor… un altro IP ( solitamente straniero).
Attenzione, nascosto non significa che quello reale è annullato, ma solo che gli viene applicato una “maschera”. Per navigare è necessario avere un IP pubblico, mancando il quale è impossibile accedere ad Internet.

Conclusione

La fortuna di Snapchat e Ask.fm risiede nel mancato aggiornamento dei genitori e degli insegnanti. Molti di essi sono concentrati su Facebook, Instagram, WhatsApp. Non hanno l’adeguata consapevolezza che il Web è una realtà dinamica, mutevole. Il suo sviluppo lo si deve anche alla sua capacità di adeguare la propria offerta alle richieste dei navigatori, attraverso anche un complesso sistema di tracciamento. Questo adattamento non si riduce ad una diversa configurazione dell’esistente, ma anche alla nascita di nuove risorse più efficaci, perché già strutturate interamente con le nuove funzioni.
Ora, la natura del Web richiede tanta conoscenza e conpetenza da parte degli adulti per gestire pedagogicamente “l’iniziazione virtuale” dei nostri figli. Troppo facile regalare uno smartphone, più difficile mettersi accanto a loro e capire insieme le grandi opportunità, ma anche i rischi presenti nel Web.

Posted in: Cyberbullismo

Convegno sul cyberbullismo, le conferme e le riflessioni

Convegno sul cyberbullismo
La famiglia e la scuola devono “riprendere per i capelli” i loro ragazzi


Il 15 novembre si è tenuto un  Convegno sul cyberbullismo. E’ stato presentato un importante rapporto. Tante conferme e qualche riflessione.

Un importante convegno

Qualche giorno fa si è svolto un importante convegno sul cyberbullismo. La sua specificità consiste nella presentazione del Rapporto Cyberbullismo e comportamenti in Rete dei ragazzi: un viaggio da nord a sud.”
La serietà scientifica del documento è garantita dal supporto di tre Università Italiane (Napoli, Roma, Milano) e dei Corecom  di Campania, Lazio e Lombardia.

Il profilo 2.0 dei nostri ragazzi

 Dallo studio Si ricevono solo conferme. Innanzitutto la presenza di una scuola parallela e sempre più invasiva, costituita dal Web. Grazie a questo ambiente si sta affermando progressivamente un’identità frammentaria, disimpegnata, anaffettiva e aprospettica. Il comune denominatore è l’alterazione del sé che si polverizza in profili contradditori, creati in relazione all’ambiente virtuale frequentato.  Ne emerge un conflitto interiore spesso vissuto in modo inconsapevole da parte dei nostri ragazzi. 
La frequentazione dei media sociali è determinante. Secondo il rapporto gli ambienti più frequentati  sono WhatsApp (37,3%), Facebook (36,5%) e Instagram (18,8%)

Le criticità nella navigazione

A questo si devono aggiungere la superficialità tecnologica, abbinata ad una certificata conoscenza delle procedure digitali, riguardante la navigazione in questi ambienti. 
Si legge nell’articolo “Le informazioni personali condivise sul profilo dalla maggioranza degli intervistati includono una foto che mostra chiaramente il proprio volto (73%), foto o video personali (72,2%), il cognome (64,7%), l’età vera (51,5%), mentre quasi la metà condivide la scuola frequentata (46,5%)…. Tra le pratiche comunicative online più rischiose messe in atto nell’ultimo anno, il 59,9% degli intervistati ha cercato nuovi amici sui social network, poco meno della metà (45,7%) ha aggiunto alla propria lista di contatti persone che non avevano incontrato faccia a faccia o inviato loro informazioni personali (30,9%).”

La famiglia e la scuola

Lascio a chi mi legge il resto dell’articolo. Il rapporto conferma implicitamente una richiesta: la famiglia e a scuola devono “riprendere per i capelli ” i loro ragazzi. Devono riappropriarsi in modo deciso del loro ruolo educativo. “Rompere” con la passività, la sudditanza verso la tecnologia. Devono mettersi davanti a loro, divenendo un punto di riferimento. Nello stesso tempo essere “accanto”, assumendo il ruolo di compagni di un viaggio verso un futuro che non  li deve vedere individualità “senza finestre” (T.Hobbes), ma soggetti con forti legami sociali reali, capaci di passare dall’Io ipertrofico e costituito dal  “flusso di sensazioni” (D.Hume), al “Noi”. Per questo passaggio è necessario che i nostri ragazzi imparino nuovamente  a stare accanto ai propri compagni, guardandoli “Occhi negli occhi” (R. Cocciante), interpretando  i loro sentimenti e cogliendo le le loro emozioni dal tono della loro voce… Impresa possibile solo se accanto a loro ci saranno dei “Maestri”  come i genitori o gli insegnanti, capaci di fermarsi e separarsi “dal logorio della  vita moderna” per guardarsi dentro.