Archivi tag: finanzcapitalismo

Contratto economico, “era già tutto previsto”

Contratto economico

Contratto economico. Il Ministro ” faccio fatti, non solo parole”
Chi li vede?


Contratto economico, nulla di nuovo sotto il sole! Per riprendere un brano musicale di R. Cocciante “Era già tutto previsto”. Tutto era già stato deciso. Gli annunci del Ministro, finalizzati più a confondere che a dare certezze, sono terminati. Di fronte ai documenti, le parole lasciano il palcoscenico.

Le dichiarazioni al vento del Ministro

A luglio il Ministro aveva aperto la stagione delle dichiarazioni.  I docenti devono essere pagati molto di più…sono professionisti, dovrebbero essere i meglio pagati…Ma non bisogna fare demagogia, non è un risultato che si possa raggiungere in poco tempo. Questa però è l’obiettivo a cui si deve tendere”. Ancora: Se si vuole dare rilancio agli investimenti per la scuola e per la formazione l’aggancio e’ l’investimento sulla qualità delle retribuzioni  dei docenti, una delle professionalita’ piu’ importanti del paese”.
Come per imitare la tecnica dell’elastico (una volta si “tira” aprendo, e subito dopo si “ritrae” sconfessando  quanto detto  qualche ora prima), faceva seguire questa dichiarazione:”tanti soldi quanti anche la Cgil ha sottoscritto il 30 novembre scorso”. “Considero l’accordo del 30 novembre importante, perché ha gia’ stabilito qual e’ la cifra media”.
E cosi via fino a qualche giorno fa.

Contratto economico, tutto era già definito dall’Intesa…

Le aperture, e gli impegni dichiarati del Ministro per un contratto economico dignitoso, esprimevano la “desiderata”, il sogno di una sindacalista prestata alla politica.  Niente più! In un contesto, però, di annuncite, perseguivano anche l’obiettivo di nascondere i fatti. Meglio la realtà costituita da una intesa, dal Mef e dalla legge di Bilancio. Una recente dichiarazione  rivela un Ministro nervoso, messo all’angolo e che tenta di parare i colpi che le arrivano da tutte le parti. Dichiarazione che potrebbe rappresentare un boomerang, considerati gli scarsi risultati conseguiti  sul fronte del contratto economico. 
Ma andiamo con ordine. Cosa si legge nell’intesa del 30 novembre 2016? ” Il governo confermando la vigenza contrattuale nel triennio 2016-18, si impegna a riconoscere le attuali risorse previste nella legge di Bilancio per il 2017, aggiuntive a quelle per il 2016, utilizzandone la quota prevalente per il rinnovo dei contratti. Il governo garantisce che, con le leggi di Bilancio, saranno stanziate ulteriori risorse finanziarie che consentano di definire incrementi contrattuali in linea a quelli riconosciuti mediamente ai lavoratori privati e comunque non inferiori a 85€ mensili medi…
le parti si impegnano, nella sede dei tavoli di contrattazione, a garantire che gli aumenti contrattuali, nel comubne intento di ridurre la forbice retributiva, valorizzino prioritariamente i livelli retributivi che più hanno sofferto la crisi economica e il blocco della contrattazione” ( pag. 3 ).

Solo conferme dal Def 2018-20 e dalla legge di bilancio

Da questo percorso il Def 2018-20 non ha aggiunto una virgola e la legge di Bilancio 2018 dal quale dipende non potrà che confermare le risorse. Di fronte a questi fatti che rimandano ai passaggi ormai consolidati per la definizione dell’area di manovra finanziaria, le chiacchiere e le interviste contano meno di zero.

Una breve riflessione

Cosa dire? Difficile prevedere gli effetti di questi “aumenti significativi” sulla tenuta del sistema-scuola. Sicuramente si rischia tanto, perché è in gioco il futuro del nostro Paese, il quale ha bisogno di insegnanti appassionati ed entusiasti del loro lavoro. Purtroppo lo sviluppo degli eventi va in senso contrario. E questo dovrebbe preoccupare i nostri politici. Ma forse attribuisco dei pensieri a chi ormai ha voltato le spalle al futuro, irretito in un onnipresente che ha colonizzato tutto l’arco temporale simbolico e reale, annicchilendo anche il proprio passato.  

 

 

Compensi formatori. Altra conferma, ma…


Altra conferma a una situazione che rischia di far naufragare il Piano di formazione.
Sul portale di tecnicadellascuola.it è stato pubblicato un nuovo articolo sui compensi irrispettosi e indecenti,  proposti ai docenti-esperti all’interno del Piano di formazione e basati su un Decreto di ventidue anni fa ( 326/95 )
A marzo ho fatto presente con due articoli il problema ( Piano di formazioneANP rileva il mio stesso problema ) che potenzialmente potrà far naufragare l’intero Piano, dimostrando ancora una volta la difficoltà di gestione di iniziative da parte del Miur. La situazione non è imputabile al Ministero, bensì alla politica, che come ha scritto recentemente M. Revelli ( Populismo 2.0, Einaudi, Torino, 2017 ) ha rinunciato a guidare i processi economici, assumendo la funzione  gregaria del  finanzcapitalismo ( L. Gallino). Questa subalternità però anticipa la sua completa eclissi.  Secondo il filosofo parmemidiano E. Severino ( “Il tramonto della politica”, Rizzoli, Milano, 2017 ) questo avverrà perché la politica ha legato le sue sorti all’economia finanziaria, destinata anch’essa a soccombere di fronte alla tecnica.
Tornando, comunque all’oggetto di questo mio intervento, la subalternità della politica,  è certificata dal silenzio-risposta alle diverse richieste di aggiornamento dei compensi, i quali come dichiara il Direttore Giuliani ormai sono stati decisi dalla L.107/15,  a meno che il Parlamento non legiferi diversamente. Qui però entriamo nella fantapolitica!
Detto questo intendo porre nuovamente l’attenzione alla beffa  più irridente  che si nasconde nel Decreto. Questo non propone un compenso lordo certo, perché si legge che per i relatori è previsto un riconoscimento economico “fino a…“. Pertanto un esperto potrebbe ricevere ancora meno. nel Si fa riferimento a un Decreto di ventidue anni fa (326/95) che testualmente nasconde una trappola, che molti DSGA conoscono bene.
Come andrà a finire? Facile previsione! Il Miur chiuderà un occhio sulla qualità degli esperti che avranno accettato l’incarico. Scrive il direttore di “Tecnicadellascuola.it”  ” Con queste cifre, è difficile che si possano proporre alle scuole esperti di alto livello… come invece sarebbe logico All’Amministrazione interesserà solo aver rispettato le procedure formali. Oltre,  è chiedere la luna!

De Masi. Una conferma alle mie tesi!

Con diversi articoli ho proposto alcune  riflessioni sulla mutazione genetica del Pd.
Bene, fa piacere leggere che non ho preso un abbaglio! Il Pd ha abbandonato le rive
del “cambioverso”, della prassi rivolta verso un “Altrimenti”, preferendo la “gabbia dorata” del “finanzcapitalismo” ( L. Gallino ), schiacciato in un “onnipresente” che disimpegna i suoi dal ricercare un futuro possibile, irretiti dalla irreversibilità del processo storico. Un esempio di questo posizione dove la realtà è ritenuta immodificabile è la dichiarazione del Governatore della Bce, M. Draghi: ” L’euro è irreversibile”.  
Intervento De Masi

L’asservimento della scuola (e non solo) all’economico

o-186985-jpg-pagespeed-ce-3nfpznfnq6

La recente sentenza del T.A.R della Toscana che ha formalizzato l’incostituzionalità delle classi pollaio,  lo “storico”,  datato – sono passati diciassette mesi – pronunciamento della Corte Costituzionale che ha ritenuto superato il limite temporale della sospensione contrattuale ed infine l’indicazione della nostra Carta sui benefici contrattuali che devono riguardare tutta la categoria. non sembrano turbare i sogni dei nostri politici. Li lasciano indifferenti! Non c’è uno stralcio di provvedimento! Tutto resta immobile!    Il muro di gomma rappresentato dalla nuova versione della politica postmoderna, rimanda tutto al mittente o metabolizza proponendo versioni veritative  che nascondono i fatti,  opinioni di resa di fronte ad una realtà ritenuta immutabile e slegata dalla prassi umana. Nella migliore delle ipotesi si fanno annunci di imminenti decisioni, si stanziano risorse offensive della dignità dei lavoratori ( v. prossimo contratto ), si gioca alle ” tre carte” ( distribuzione degli alunni  frequentanti classi numerose in classi meno affollate )…
Qual è il disegno che unisce questi provvedimenti, apparentemente senza legami tra loro?
Da tempo sono abituato ad “osservare la foresta e non il singolo albero” ( F. Hegel ), perché questo mi consente di comprendere la direzione, la prospettiva verso la quale stiamo andando.
Bene, questa erosione di diritti, perché di questo si parla, è il risultato di una progressiva subalternità del politico al Moloch dell’economia. E quando questo accade, si favorisce lo spaesamento, il disorientamento del singolo, dove il nuovo paradigma diviene l’incertezza, la liquidità dell’esistenza. A mio parere tutto questo  è iniziato con la decisione di entrare nell’Euro, ritenuto precedente ad ogni costruzione culturale e politica europea. Questo ha comportato una perdita progressiva di sovranità nazionale, e quindi erosione degli spazi della politica, intesa come attenzione, decisione per confermare ed espandere i diritti sociali.  Difficile, quindi, in questo contesto pensare ad un “cambiaverso”, inteso come ricollocazione al centro  dei diritti sociali, dai quali tutto dipende.  Siamo chiusi in “una gabbia dorata” dai legami sociali deboli e  abitata da monadi esistenziali, che sostanziano l’ “homo homini lupus” ( T. Hobbes ) e la riduzione dell’io ad un fascio di sensazioni ( D. Hume ), finalizzato al consumo  ( Homo consumens, Z. Baumann ) In questo contesto, i diritti sociali non sono più fondativi di una comunità, ma un retaggio del passato da smantellare.
Che fare? Semplice: rimettere al centro la persona e  la comunità, che nella loro relazione si fondano sulla certezza e non subalternità dei diritti all’economico. Ma questo richiede un segnale forte della politica, che dopo il tramonto delle “grandi narrazioni storiche ” ( marxianesimo e cristianesimo ) non è riuscita a dare sostanza e concretezza all “oltreuomo” ( F. Nietzsche ), facendosi schiacciare in un ” onnipresente presente” , aprospettivo, condizione ottimale per la “morte dell’uomo”.