Archivi tag: Formazione

Valorizzazione dei docenti, la strada obbligata per il Ministro

Valorizzazione dei docenti

Il Ministro Azzolina punta al connubio valorizzazione dei docenti e formazione. Non può fare altro!

La valorizzazione dei docenti è un aspetto importante del profilo docente. Non può essere identificata con una maggiore formazione. Al Ministro L. Azzolina, però non resta che questa carta, considerata la normativa vigente.

Valorizzazione dei docenti passa per la formazione

La valorizzazione dei docenti è un aspetto importante del profilo docente e passa anche  attraverso la formazione che è  integrata con la sua funzione . A onor del vero occorre affermare che molti docenti hanno un rapporto problematico con la formazione. Sono demotivati e poco propensi a farla. Non sempre però la causa è riconducibile alle specificità personali . In questi anni non sono state attuate delle condizioni che rimandano al ” ridisegno dell’organizzazione della scuola, dei suoi organismi e del tempo scuola per i docenti, per garantire una coerente formazione in servizio;
– la realizzazione di un nuovo inquadramento giuridico-contrattuale.”
Ora il nuovo Ministro vuole investire molto nel connubio valorizzazione docente/formazione. Infatti  ha dichiarato: “Tutto il personale dovrà essere valorizzato. Prioritario sarà il tema della formazione. Dei dirigenti, dei docenti, ma anche del personale ATA (amministrativo, tecnico e ausiliario) sempre troppo poco considerato.

Il Ministro L. Azzolina non può fare altro

E’ indubbio però che la valorizzazione del profilo docente non può identificarsi tout court  con la formazione, ma anche attraverso un significativo riconoscimento economico. Quindi  l’affermazione del Ministro L. Azzolina risulta molto strana se a formularla è un insegnante prestata al politica.
Purtroppo le parole del Ministro certificano una resa, un arretramento rispetto ai propositi espressi dal suo precedessore. L’ostacolo a una piena e reale valorizzazione è rappresentato dalla legge di Bilancio 2020 (160/2020), la quale a sua volta è fortemente condizionata dal D. Lvo 29/93 che stabilisce aumenti contrattuali pari all’inflazione programmata. Il legame si traduce in questo passaggio” l’ incremento delle retribuzioni medie complessive del personale appartenente al settore Stato pari all’1,3 per cento per il 2019, all’1,9 per cento per il 2020 e al 3,49 per cento a decorrere dal 2021“. In sostanza 80€ lordi a regime.

 

Scuola, tutti promossi o quasi. Il trionfo della scuola facile

Scuola

Scuola, tutti promossi. E’ il trionfo della scuola facile, che non prepara alla vita.

Scuola, dati preoccupanti sulla preparazione effettiva dei nostri ragazzi (Rapporto Istat- SDGS, 2019). E’ il trionfo di un modello di scuola , dove tutto è facile e gli insegnanti sono impauriti, assediati e screditati.

Scuola, la conferma di un disastro dall’Istat

Scuola, istituzione sempre più in crisi. Dimenticata dalla politica, dopo le elezioni. Isolata, emarginata e nello stesso tempo fatta oggetto di richieste da ultima spiaggia, finalizzate a deresponsabilizzare le famiglie e la società ( contrasto alla droga, al cryberbullismo, la nuova educazione civica…). Ridotta a funzione di custodia e sorveglianza verso i minori e, nello stesso tempo, accusata di dispensare facilmente promozioni formali, dove la grande assente è la formazione.
Quest’ultimo aspetto è stato certificato dal rapporto Istat (SDGS,2019).
Si legge a pag.81  la seguente tabella:

Dati autorevoli e aggiornati (Invalsi) che tradotti rimandano all’incapacità di molti ragazzi a gestire testi  complessi e a risolvere situazioni problematiche moderne come quelle relative alle previsioni, partendo dai dati numerici, dalle percentuali… La situazione non migliora nella scuola di secondo grado.

Il trionfo della scuola facile e di una valutazione…

Difficile individuare le cause di  questa débâcle. Sicuramente certifica un modello di scuola facile, dove i percorsi sono  semplificati per via anche dell’aumento delle certificati Dsa (3,2% nel 2017-18 rispetto al 2,9 dell’anno precedente) e i docenti sono costretti a comprendere, giustificare  sempre il ragazzo, e quindi non posti nella condizione  di valutarlo soprattutto dal punto di vista formativo.
Valutazione che spesso si presenta formalmente ambigua o non veritiera, perché la descrizione della situazione reale può favorire ricorsi amministrativi, interventi di psicologi  con le conseguenze di “passare un’estate” poco rilassante. In alcuni casi la stagione estiva può trasformarsi in un vero inferno, quando l’utente-genitore o lo studente stesso usa la violenza fisica verso il docente.
In questa favola, dove la fine delle lezioni e le promozioni facili somigliano al vissero tutti felici e contenti, si dimentica che fuori da questa bolla, esiste un contesto che non fa sconti e non sempre giustifica e comprende. Continuare con il modello della scuola facile, significa non preparare i nostri ragazzi ad affrontare la complessità dell’esistenza o come scriveva F. Nietzsche “vivere il senso della terra” dove non ci sono paracaduti, ombrelli protettivi, ma solo la persona.

Le classi pollaio rappresentano il problema dei problemi

Le classi pollaio

Le classi pollaio rappresentano l’ostacolo che impedisce a molti ragazzi di formarsi pienamente.

Le classi pollaio, da insegnante, ritengo che sono il problema dei problemi. “L’esperienza dell’aula” prevale su ogni altro discorso. La bassa percentuale delle classi pollaio  è fuorviante. Solo dopo l’azzeramento di questa “bruttura pedagogica” è possibile riflettere sulla qualità e innovazione.

L’intervista dell’On. Valentina Aprea  

Qualche giorno fa l’On. V. Aprea ha rilasciato un’intervista. Promotrice di una mozione  (introduzione del coding) insieme a Mariastella Gelmini. Palmieri, Casciello, Marin, Marrocco, Saccani Jotti alla domanda ” Torniamo alle aule, che sono spesso affollate. C’è una proposta del Movimento 5 Stelle di eliminare le cosiddette classi pollaio” l’esponente di FI ha risposto: “Sono contrarissima alla proposta dell’on. Lucia Azzolina. La proposta guarda al passato, parlare di classi è un modo burocratico di guardare all’apprendimento. Di per sé non funziona. Quando fu fatta la scelta di alzare il rapporto alunni docenti si valutarono vari parametri e si andarono a cancellare gli automatismi legati alla formazione delle classi e allo sdoppiamento delle medesime. Spazi piccoli possono piacere ai prof ma non ai ragazzi. È una modalità fuori tempo. Gli automatismi previsti dall’on. Azzolina prevedono che al ventiseiesimo alunno il Miur dovrebbe sdoppiare la classe. Se si dovesse tornare a questi parametri rigidi è stato calcolato che una roba del genere costerebbe 3 miliardi. Ma al di là di questo, la scelta non è pure auspicabile perché rimanda a una organizzazione rigida e antiquata . Oggi dobbiamo garantire rapporti sostenibili, certo, ma non è detto che questi alunni debbano fare le stesse cose nello stesso tempo. Se si pensa agli strumenti digitali che servono anche all’handicap questa proposta è davvero fuori tempo”.

Molte perplessità da chi “vive l’aula”

Non condivido nulla della risposta. La mia posizione ha un valido supporto: l’esperienza quotidiana dell’aula, davanti alla quale i ragionamenti si trovano a un bivio. Da una parte la “salita” verso l’Iperuraneo (Platone) delle idee, dall’altra la loro fattibilità dipendente dalle condizioni concrete. Lo scenario prospettato dall’on. V. Aprea è sicuramente interessante e auspicabile. Purtroppo la realtà dice altro. Presenta, infatti, ancora l’aula come ambiente di riferimento. Nelle città e nei piccoli centri, quest’ambiente educativo di apprendimento, mantiene ancora la sua centralità. Ovviamente non è totalizzante, ma significativamente presente nella stragrande maggioranza degli istituti (soprattutto comprensivi). Fin qui nulla da dire! E’ sempre stato così, e lo sarà  per molto tempo ancora. Purtroppo questo ambiente in tanti  casi assume un profilo antipedagogico, fino a diventare un impedimento alla generazione di apprendimenti significativi (Ausubel) e competenze. Mi riferisco alle classi pollaio, previste dalla Riforma Gelmini (2008-09) e mai contestate dall’On. V.Aprea. Situazione che diviene ancora più complessa, se si considera che la suddetta Riforma ha cancellato le compresenze nella scuola primaria (allora elementare), depotenziando di fatto ogni tentativo di  inclusione e riducendo la possibilità di sperimentare modalità organizzative alternative all’aula (ne fa cenno l’on. Aprea), quali le classi aperte, introdotte con la legge 820/71 (tempo pieno) e 517/77.

Le classi pollaio sono una piccola percentuale. La risposta

Le stime sulle classi sovraffollate parlano di una percentuale minima, irrisoria. Intorno al 6%. In questo dato sono incluse le unità-classi dove sono presenti i diversamente abili.  Purtroppo la percentuale  non rappresenta la realtà, perché non tiene presente delle tante classi dove sono presenti studenti con Bes, Dsa…. Anche per questi utenti la  Repubblica ha obbligo di “ rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. “

Conclusione, prima rimuoviamo l’ostacolo poi…

Il suddetto passaggio costituzionale, facilita la conclusione. Ogni discorso su progetti innovativi viene dopo. Prima occorre rimuovere l’ostacolo delle classi pollaio che impedisce di percorrere “nuove strade”, finalizzate a raggiungere interessanti traguardi che possono contribuire al “pieno sviluppo della persona”  In altri termini, è necessario riportare la scuola nell’ambito della Costituzione per attuare la finalità della formazione dell’uomo e del cittadino. Meta che non  può essere perseguita superficialmente, attraverso la semplice acquisizione di conoscenze e abilità (coerente con le classi pollaio), bensì coinvolgendo l’uomo nelle sue  diverse componenti: cognitiva, sociale, affettiva… . Non a caso il filosofo greco U. Galimberti, parla di un auspicabile ritorno a classi educative.