Archivi tag: Futuro

Luigi Di Maio, l’abbandono del riformismo per pochi spiccioli

Luigi Di Maio

Pessima l’involuzione di Luigi Di Maio. Si abbandona l’idea progettuale di investire per la scuola per un piatto di lenticchie

Luigi Di Maio e l’abbandono del riformismo. Pessima involuzione! La scuola vive di futuro! Le risorse per la scuola  sono sempre finalizzate a un disegno alto . Diversamente servono, quando ci sono, a sedurre, distrarre dai veri problemi che stanno strangolando il sistema formativo, grazie alle riforme degli ultimi venti anni.

Luigi Di Maio, una dichiarazione sconfortante

Ha dichiarato Luigi Di Maio: “Oggi dobbiamo fare molto di più sia per gli studenti sia per gli insegnanti. Prima di riformare la scuola, bisogna finanziarla e dobbiamo investire molte più risorse sia con il nuovo Def sia con la legge di Bilancio per garantire continuità didattica per gli studenti che vuol dire meno precariato per gli insegnanti e un’edilizia scolastica che sia all’altezza
Dichiarazione fumosa! Coerente con la  comunicazione postmoderna, caratterizzata dal virus dell’annuncite che nasconde il Nulla (incertezza sulle risorse e sulla tempistica). Come affermato da V. Pascuzzi, la dichiarazione dell’esponente del M5s conferma lo stile generico del programma di governo, riguardante la scuola.

Indietro non si torna, ma neanche avanti

Qui però vorrei riflettere sulla ritirata del Movimento dalla prospettiva del futuro, che giustificava e dava senso alla sua iniziale azione politica. In altri termini, è confermata la tendenza a considerare irriformabili le aberrazioni pedagogiche volute dalla destra (Riforma Moratti e Gelmini) e quelle  del centrosinistra ( Legge 59/97 e Legge 105/15). La prospettiva delle suddette riforme è l’ingabbiamento del sistema scolastico in una logica aziendale, caratterizzata dall’ottimizzazione, dall’efficacia, dall’efficienza… Da questo abbraccio mortale, la scuola ha perso il futuro, consolidando la pedagogia che il presente è immodificabile. Il dio denaro potrà al limite risolvere qualche problema secondario.
Si preferisce mettere in atto la strategia di sedurre la scuola, sventolando il fazzoletto delle risorse finanziarie, svincolate da ogni progettualità alta. Se queste ci saranno, sicuramente non risolveranno nulla, considerata la stagnazione economica. Serviranno a finanziare e mantenere vitali  le riforme che non necessitano di risorse significative, consolidando di fatto il quadretto descritto sopra.
Probabilmente il cambio di strategia deriva dalla percezione che si sta perdendo definitivamente la scuola. La disconnessione dal mondo della scuola è iniziata, affidando il Miur a un leghista. Si sta ripetendo, comunque la medesima situazione vissuta da M. Renzi.
E a noi cosa resta dopo l’ennesima delusione? Sicuramente non il ritorno tra le braccia mortali  di Berlusconi o del renzismo. Quindi è meglio non rispondere!

 

Le classi pollaio e l’assenza della profondità pedagogica

 

Classi pollaio

Le classi pollaio sono un esempio del pensiero post-moderno che ha espulso il futuro

Le classi pollaio sono l’espressione di una “visione corta” che nulla a che fare con la formazione della persona e del cittadino (Costituzione). È il limite del finanzcapitalismo (L. Gallino) che ha colonizzato anche la scuola. Senza una fuoriuscita da questa prospettiva, esiste solo la fine della scuola!

Continua a leggere

Legge di bilancio la prova della verità per il Ministro Bussetti

La legge di bilancio 2019

Dalla legge di bilancio 2019 comprenderemo i veri pensieri della nuova politica verso la scuola

La legge di bilancio costituirà il banco di prova del Ministro Bussetti. Capiremo se le dichiarazioni e le interviste di questi mesi sono state parole al vento o altro. Il mondo della scuola attende.

La scuola ideale del Ministro

In questi mesi il Ministro ha rilasciato molte interviste, ha fatto dichiarazioni. L’impressione non è positiva! Molti passaggi farebbero contenti i teorici della pedagogia, essere utili in qualche convegno o corso di aggiornamento… In altri termini, le idee espresse richiamano una scuola ideale, fuori dal tempo. L’ultimo esempio è il discorso del Ministro all’inaugurazione del nuovo anno scolastico. Ha detto:” Ciascuno di noi ha bisogno di connettersi con una comunità – ha spiegato il Ministro Marco Bussetti, rivolgendosi ai ragazzi nel suo discorso di saluto -. La più importante di queste comunità è la scuola, dove il valore di ciascuna componente aumenta il suo significato grazie al confronto con gli altri. Cari ragazzi, la scuola è la vostra casa. Un luogo da vivere sempre, anche oltre l’orario delle lezioni. In cui stringere relazioni. Un luogo dove studiare, faticare, ridere, fare sport, suonare uno strumento, costruire amicizie e anche innamorarsi. Una finestra aperta sul mondo. Immagino e voglio per voi una scuola in cui al centro ci sia un rapporto vero, umano, tra chi insegna e chi apprende. Tra tutte le componenti. La scuola, ricordatelo per sempre, è la vostra alleata. E chi lavora nella scuola lavora per il vostro bene

La legge di bilancio 2019, il banco prova

Ho l’impressione che “l’accelerazione delle parole”, nasconda la consapevolezza del Ministro che non potrà ottenere quelle risorse fresche per un “#cambioverso” sostanziale  (abolizione delle classi pollaio, nuovo contratto…). L’ipotesi non è più tale, dopo quanto ha dichiarato al giornalista M. Giannini (“Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno).
Comunque ogni dubbio sarà sciolto tra un mese circa, quando il governo passerà dalle parole ai fatti. Questi rimanderanno alla legge di bilancio 2019 che rivelerà “i pensieri nascosti del nuova politica” verso la scuola. Facilmente potremo applicare il criterio della proporzionalità diretta. Il valore zero si declinerà nell’invarianza di spesa, improvvidamente auspicata dal Ministro. Il conseguente stato di quiete o di calma piatta  danneggerà ulteriormente la scuola, dopo anni di prelievo forzoso (Riforma Gelmini, riduzione del MOF e quindi dellla sottovoce FIS, sospensione della copertura contrattuale…), decretandone la conclusione dell’attuale forma storica. Probabilmente quella seguente sarà caratterizzata da assistenzialismo, ben nascosto dietro qualche attività didattica di basso profilo. Pessima prospettiva!