Archivi tag: Genitori

Preadolescenti e Web, l’irresponsabilità dei genitori

Preadolescenti e Web

L’iniziazione dei ragazzini ai social e ai servizi di IM è imputabile solo ai genitori

Preadolescenti e Web, un sondaggio certifica la grande irresponsabilità dei genitori che disattendono il GDPR e il decreto attuativo 101/2018. Di fronte a questi genitori si può fare poco o nulla.

Continua a leggere

Classi pollaio, il presidio estivo dei genitori

Classi pollaio

Classi pollaio, estate 2019 un nuovo caso (non l’unico però) a Ravenna. Quali le soluzioni?

Classi pollaio, il mostro pedagogico contrastato dai genitori. Una vicenda estiva  che registra l’opposizione dei genitori per il bene e la sicurezza dei propri figli. Le possibili soluzioni.

Classi pollaio l’impegno dei genitori

Classi pollaio rappresenta il mostro pedagogico voluto da Gelmini e Tremonti (2008). Gli effetti sono colti solo da chi ogni giorno entra in aula. Per la politica e l’amministrazione il problema è rimosso, ricondotto a una cattiva gestione scuola/famiglia o non testardamente contrastato.
Fortunatamente la stagione estiva ci porta delle buone notizie. E’ il caso dei genitori di una scuola di Ravenna. 
Si legge  sul portale Ravennatoday:
Il bene e la sicurezza dei nostri figli prima di tutto”. E’ questo il sunto di quanto emerso dall’ennesimo incontro tra genitori, nel tentativo di convincere l’Ufficio Scolastico Regionale nell’attivare la quarta classe prima presso la scuola secondaria di primo grado “Zignani” a Castiglione di Ravenna… Come spesso succede, sono i soldi il problema – spiegano i genitori – Quattro le classi uscenti di terza media e quattro le classi di quinta elementare iscritte al primo anno, ma ne verranno attivate soltanto tre…
La situazione è molto delicata: “Nel totale dei neo iscritti – continuano i genitori – sono stati segnalati numerosissimi casi di ragazzi con certificazione DSA e BES e inoltre 2 alunni in situazione di disabilità grave, per i quali era stata richiesta l’attivazione della classe ridotta, non concessa.“

Quali margini per i genitori?

Questi i fatti. Ora quali sono le probabilità di successo per i genitori? Quali margini per dare concretezza all’art. 3 comma 2 della Costituzione ( “E’ compito della Repubblica rimuovere…)?
Innanzi tutto occorre comprendere che gli U.S.R. non possono andare contro una legge dello Stato (Legge 133/08 D.M.81/09) Essi hanno il compito di applicarla. Quindi la loro sordità amministrativa è imposta dall’ordinamento giuridico. 
La soluzione migliore è quella attuata in un Istituto milanese (2018)attraverso una variazione dell’organico di fatto.
In subordine occorre rifarsi al caso della scuola di Todi (2018)  che ha ottenuto la settima classe attraverso una soluzione mix di potenziato e ore aggiuntive. In altri termini fu attuata ” la “tecnica” di mettere in comune le risorse di organico tra Ufficio Scolastico e Scuola per attivare la nuova classe. L’unione di forze e di risorse tra Ufficio Scolastico e Scuola è fondamentale per garantire il servizio sul territorio. In sua mancanza non si otterrebbero gli stessi risultati. “
Resta come soluzione estrema il ricorso alla magistratura che in questi anni ha dimostrato una certa maturità pedagogica e costituzionale. 

 

 

 

 

 

 

Amazon Alexa, il nuovo genitore elettronico

Amazon Alexa e l'assenza dei genitori

Amazon Alexa come “raccontastorie”. L’ultimo esempio dell’assenza dei genitori

Amazon Alexa è il nuovo genitore elettronico.  Racconta storie, favole. L’ultimo esempio della  deriva pedagogica dei genitori. Tanti gli esempi, accomunati da un loro progressivo arretramento .

Amazon Alexa, il nuovo “raccontastorie”

Amazon Alexa è un dispositivo domestico tuttofare (quasi). Tramite specifici comandi vocali consente di effettuare diverse azioni come ascoltare musicaottenere  informazioni e anche ricette di cucina, giocare, comunicare, controllare i dispositivi domotici presenti nella propria abitazione.
Fin qui nulla  da obiettare! Sono i vantaggi della tecnologia! I “ma” nascono con l’uso distorto.  “Secondo un sondaggio del Charity Book trust che ha intervistato 1000 genitori di figli con meno di 10 anni, soltanto il 28% ha ancora questa usanza.
Il 26% lascia che siano strumenti come Amazon Alexa a leggere favole, e più della metà usa apparecchiature elettroniche. Se l’83% dichiara di continuare a leggere su cartaceo, resta comunque allarmante il fatto che i molti genitori vengano sostituiti dalla tecnologia.”

La deriva educativa dei genitori

Se la tendenza dovesse essere confermata, coinvolgendo una platea più ampia di genitori, allora saremmo di fronte a un ulteriore esempio di deriva pedagogica.
La differenza, rispetto al passato risiede nell’assenza. Questi genitori preferiscono una voce metallica a quella umana che supportata da inflessioni, veicola (da sempre) emozioni, sentimenti, sogni…!
Senza la parola umana l’educazione è senza prospettive, quindi insignificante. Nulla di nuovo! La gabbia dorata dell’eterno presente, non prevede l’ospite inquietante dell’educazione che invece guarda al futuro. Da qui la desertificazione dei sentimenti, favorita anche dall”uso esasperato dei dispositivi, dove la relazione face to face, basata sulla presenza del corpo  è sostituita dalla velocità della comunicazione, supportata a volte da faccine, che non coinvolgono, non trasmettono la prossimità dell’altro, l’entrata discreta dell’amico nella nostra intimità.

Gli esempi della deriva educativa dei genitori

Tornando al dispositivo elettronico Amazon Alexa, il suo uso distorto come “raccontastorie” non meraviglia. Diversi sono gli esempi. Qualche mese fa, scrivevo della scomparsa del bambino e della sua riduzione a ente (M. Heidegger). Scendendo di livello il bambino diventa un pacco postale da depositare nei baby parking dei centri commerciali, un potenziale disturbatore al ristorante da intrattenere  con  il tablet o lo smartphone,
Potrei continuare, ma mi fermo qui. Scriveva Voltaire “L’unica realtà che mi dà il senso dell’infinito è la stupidità dell’uomo”

 

Diffusione di foto nel Web, se i responsabili sono piccoli allora…

Diffusione di foto nel Web

Diffusione di foto nel Web, ogni vicenda ha sempre dei responsabili diretti o indiretti (genitori)

Diffusione di foto nel Web, se si hanno meno di quattordici nessuno è responsabile. Niente di più sbagliato. E’ scritto nella normativa vigente. Occorre rimettere a posto le cose anche indirettamente! Inquietante la ricerca che implicitamente rimanda all’assenza dei genitori.

Diffusione di foto nel Web, una vicenda poco chiara  

Sul “Resto del Carlino” si legge: “A 12 anni fa un video porno e lo gira al fidanzato coetano. Il risultato è che ora quelle immagini fanno il giro di scuole e palestre e la ragazza non ha più il coraggio di uscire di casa…Dopo il primo momento di choc, padre e madre vanno dritti all’avvocato. Ma se pensano di poter risolvere qualcosa si sbagliano di grosso, perchè quando il legale si rivolge agli investigatori si sente rispondere che il colpevole è troppo giovane per essere punito. Quanto ai video hard, impossibile rimuoverli. A questo punto la vittima deve solo aspettare che passi la bufera, e ricominciare ad uscire di casa.”
La sintesi dell’articolo non aiuta a comprendere l’intera vicenda, lasciando senza risposta alcune domande. La prima riguarda l’individuazione delle responsabilità indirette. Non risulta chiara, inoltre la posizione dell’avvocato che dovrebbe conoscere la normativa vigente. Infine, non si comprende il passaggio che fa riferimento all’impossibilità di rimozione del video.

Il codice è chiaro sulle responsabilità indirette

Limitando la riflessione al primo punto, a mio giudizio le responsabilità sono chiare e riferibili ai genitori del ragazzino. Ciò è confermato  dall’art.97 del codice penale che recita: “Non è imputabile chi, nel momento in cui ha commesso il fatto, non aveva compiuto i quattordici anni” Più esplicito è l’art. 2048 del codice civile: “Il padre e la madre, o il tutore, sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei figli minori non emancipati o delle persone soggette alla tutela, che abitano con essi. La stessa disposizione si applica all’affiliante.”
Più chiaro di così!

Una ricerca inquietante che rimanda all’assenza dei genitori

Il desiderio compulsivo di pubblicare che caratterizza i nativi digitali, lontani però  da quella saggezza online ipotizzata da M. Prensky (2009), caratterizza il loro profilo superficiale 2.0. Una ricerca di Skuola.net per la Polizia di Stato  che “ha coinvolto 6500 ragazzi tra i 13 e i 18 anni … Dall’indagine emerge che il 24% dei ragazzi ha scambiato almeno una volta immagini intime con il partner via chat o social. Tra questi, il 15% ha subìto la condivisione con terzi, senza consenso, di questo materiale. I motivi più ricorrenti sono: lo scherzo (49%), il ricatto (11%) o la vendetta, il cosiddetto “Revenge Porn” (7%).
La reazione più diffusa è stata il silenzio (il 53% ha fatto finta di niente, il 31% non ha detto nulla per non essere giudicato). Sono soprattutto le ragazze ad aver paura del giudizio rispetto ai ragazzi. Non manca chi, pur non subendo la condivisione del proprio materiale intimo, ne è stato minacciato: qui la percentuale è del 12%. La minaccia è usata soprattutto come strumento di pressione psicologica per ricatto o vendetta. Solo il 16% ha chiesto aiuto alla famiglia o agli amici.”
La ricerca nasconde i responsabili di questo disastro: i genitori!