Posted in: chiusura scuole, Tutti gli articoli

Chiusura delle scuole, la drastica decisione di V. De Luca

Chiusura delle scuole
Chiusura delle scuole in Campania. Anticipo di altre decisioni?

Chiusura delle scuole, Il Presidente della regione Campania De Luca sembra orientato a prendere  la decisione più drastica. L’andamento del contagio preoccupa e purtroppo L. Azzolina dovrà rivedere la sua posizione.

Chiusura delle scuole, V. De Luca sembra deciso

Chiusura delle scuole, De Luca sembra deciso. Non è disposto ad attendere il governo che continua a rmanere fermo sulla sua convinzione che occorre mantenere aperte le scuole.
Si legge: “Niente lezioni in presenza nelle scuole primarie e secondarie in Campania, da domani fino al 30 ottobre: è una delle misure anti-Covid contenute nell’ordinanza che il governatore Vincenzo De Luca sta per firmare, e di cui la Regione anticipa una sintesi. Sono anche sospese le attività didattiche e di verifica in presenza nelle Università, fatta eccezione per quelle relative agli studenti del primo anno.”
Solo i prossimi giorni ci diranno chi avrà avuto ragione. L’impulsività di De Luca che non intende attendere lo tsunami pandemico o l’attendismo speranzoso del governo e insieme protettivo verso la scuola?
Certamente una nuova chiusura generalizzata della scuola costituirebbe un grave colpo per i nostri ragazzi, la scuola, il Paese che tanto ha investito per la sua ripartenza e l’economia.
Ma occorre decidere e in fretta se il diritto alla salute è ancora superiore a tutto, tanto da costringere a marzo il governo a chiudere le scuole.
L’andamento crescente dei contagi, ma soprattutto dei ricoveri in terapia intensiva e dei decessi, costringerà il governo a rivedere la sua decisione.

 

Posted in: Lucia Azzolina, Tutti gli articoli

Lucia Azzolina, le ragioni di non chiudere le scuole

 Lucia Azzolina
La Ministra Azzolina conferma: “Le scuole non chiuderanno!” Quali le ragioni di questa posizione?

Lucia Azzolina, conferma la non chiusura delle scuole. Dietro questa nuova conferma ci sono diverse ragioni. Resta la domanda.

Lucia Azzolina, l’ultima conferma

Lucia Azzolina, Ministra dell’Istruzione, conferma la sua posizione sull’eventualità della chiusura delle scuole. Non del singolo istituto, bensì di tutto il sistema scolastico, come è avvenuto a marzo. “Richiudere le scuole? Non se ne parla: se i contagi cresceranno ancora nel Paese bisognerà casomai intervenire sull’accesso ai mezzi pubblici, limitare le attività ricreative pomeridiane dei ragazzi, impedire le feste“.

Le ragioni che stanno dietro “le scuole non si chiudono”

La Ministra  e il Governo non aggiungono nulla di nuovo. Continuano per la loro strada: “le scuole non chiudono”.
Quali sono le ragioni di questa posizione che ignora  la tendenza ormai innescata dei contagi?
Innanzitutto il governo non può chiudere l’intero sistema scolastico dopo un mese dalla riapertura. Sono stai investiti risorse significative che impediscono la chiusura e quindi la probabile dura critica di aver “bruciato tanti soldi” per appena trenta giorni di apertura.
Ha dichiarato la Ministra: “Per la riapertura a settembre la ministra sono stati stanziati 2,9 miliardi di €. una cifra non banale, nessun altro Paese europeo ha messo tante risorse sul capitolo ripartenza“.
Seconda ragione: la chiusura delle scuole bloccherebbe la produzione (molti genitori sarebbero costretti a rimanere a casa) con inevitabile conseguenze sulla tenuta economica del Paese.
Terza ragione: altri Paesi in condizioni peggiori non hanno chiuso tutte le scuole! Penso alla Francia, alla Spagna e alla Germania. Quindi  se non lo fanno loro, perché dovremmo chiudere noi con una situazione migliore?
Ultima ragione: la Ministra e il Governo sono convinti che i contagi hanno origine esterne alla scuola. Sarà vero, intanto però l’esposizione aumenta, grazie anche alle scuole.
Resta un interrogativo: quale sarà il limite massimo che giustificherà un cambio di posizione? Saremo nelle condizioni di invertire la tendenza dei contagi, delle terapie intensive e dei morti?

Posted in: chiusura scuole, Tutti gli articoli

Chiusura delle scuole, la decisione costituzionale del governo

Chiusura delle scuole
Chiusura delle scuole, il governo ha fatto bene! Un provvedimento difficile, ma inevitabile. L’alternativa era…

Chiusura delle scuole, molti evidenziano quello che si è perso, dimenticando che la nostra Costituzione mette al primo posto il diritto alla salute e alla sicurezza. Quindi il governo ha fatto bene ad adottare il provvedimento di chiusura.

Posted in: regionalizzazione, Tutti gli articoli

Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione?

Intesa governo sindacati sulla regionalizzazione
Intesa Governo-sindacati, arriva la prima smentita. La regionalizzazione riprende il suo cammino

Intesa Governo-sindacati, arriva la smentita sulla regionalizzazione. Era prevedibile, considerando la data dell’accordo. Ed ora i sindacati come reagiranno?

Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione

Intesa Governo-sindacati. Il documento che aveva sancito la pax, o quanto meno la tregua tra i protagonisti, sembra ricevere il primo colpo basso. Ha dichiarato il vice premier e ministro dell’interno M. Salvini  sul progetto dell’autonomia differenziata:”Indietro non si torna!”
La dichiarazione mette fine alla pax elettorale. Il tema era stato accantonato. Troppo divisivo e condizionante il voto europeo.
L’intesa del 23 aprile tra il governo e i sindacati deve probabilmente essere letta come un esempio di questa pax.  Si leggeIl Governo si impegna a salvaguardare l’unità e l’identità culturale del sistema nazionale di istruzione e ricerca, garantendo un sistema di reclutamento uniforme, lo status giuridico di tutto il personale regolato dal CCNL, e la tutela della unitarietà degli ordinamenti statali, dei curricoli e del sistema di governo delle istituzioni scolastiche autonome.”
Dichiarazione chiara e nello stesso tempo ambigua. Conferma l’unità dello Stato, ma non dice nulla sull’autonomia differenziata o regionalizzazione! Non poteva essere diversamente. In un ambito diverso, conferma quanto previsto dall’art. 5 della Costituzione: “La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi e i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento”
Ed ora cosa faranno i sindacati che hanno sottoscritto l’accordo? Attendiamo, ma con maggiore sfiducia verso i  suoi rappresentanti. Cui prodest?