Archivi tag: Governo

Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione?

Intesa governo sindacati sulla regionalizzazione

Intesa Governo-sindacati, arriva la prima smentita. La regionalizzazione riprende il suo cammino

Intesa Governo-sindacati, arriva la smentita sulla regionalizzazione. Era prevedibile, considerando la data dell’accordo. Ed ora i sindacati come reagiranno?

Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione

Intesa Governo-sindacati. Il documento che aveva sancito la pax, o quanto meno la tregua tra i protagonisti, sembra ricevere il primo colpo basso. Ha dichiarato il vice premier e ministro dell’interno M. Salvini  sul progetto dell’autonomia differenziata:”Indietro non si torna!”
La dichiarazione mette fine alla pax elettorale. Il tema era stato accantonato. Troppo divisivo e condizionante il voto europeo.
L’intesa del 23 aprile tra il governo e i sindacati deve probabilmente essere letta come un esempio di questa pax.  Si leggeIl Governo si impegna a salvaguardare l’unità e l’identità culturale del sistema nazionale di istruzione e ricerca, garantendo un sistema di reclutamento uniforme, lo status giuridico di tutto il personale regolato dal CCNL, e la tutela della unitarietà degli ordinamenti statali, dei curricoli e del sistema di governo delle istituzioni scolastiche autonome.”
Dichiarazione chiara e nello stesso tempo ambigua. Conferma l’unità dello Stato, ma non dice nulla sull’autonomia differenziata o regionalizzazione! Non poteva essere diversamente. In un ambito diverso, conferma quanto previsto dall’art. 5 della Costituzione: “La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi e i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento”
Ed ora cosa faranno i sindacati che hanno sottoscritto l’accordo? Attendiamo, ma con maggiore sfiducia verso i  suoi rappresentanti. Cui prodest?

Intesa governo-sindacati, un sostegno elettorale per l’esecutivo?

Intesa governo-sindacati

Intesa governo-sindacati, strategia elettorale o altro?

Intesa governo-sindacati, testo vago e indefinito. Indeterminato negli strumenti, ma chiaro e ridondante nell’enunciazione dell’impegno governativo. A molti sembra una mossa elettorale per evitare guai il 26 maggio 2019 (elezione europea).

Continua a leggere

Scuola, la decisione finale sullo sciopero ci farà capire…

Scuola,

Scuola, intesa raggiunta? Nei prossimi giorni capiremo meglio

Scuola, l’incontro tra il governo e i sindacati ha soddisfatto le parti.
Questi sono i contenuti dell’accordo :

Autonomia differenziata

Contratto economico

Precari

Qualche breve considerazione 

Qualche commento a caldo, limitatamente ai primi due punti.
Contratto. L’intesa conferma il D.Lvo 29/93 e quindi il Def 2019 che prevede percentuali graduali di copertura economica. Si legge infatti a pag. 31Fra i fattori di incremento della spesa si segnala il rinnovo contrattuale per il triennio 2019-2021 che prevede, in base alle risorse stanziate dalla legge di Bilancio per il 2019, incrementi dell’1,3 per cento per il 2019, dell’1,65 per cento per il 2020 e dell’1,95 per cento complessivo a decorrere dal 2021.”
Sicuramente il recupero graduale del potere di acquisto non potrà essere letto come adeguamento agli stipendi europei. Ha scritto Alessandro Giuliani (Direttore di Tecnicadellascuola)  che per incrementi salariali medi di cento euro netti “occorrono almeno 4-5 miliardi di euro l’anno“.
Autonomia differenziata
L’intesa conferma implicitamente la decisione del governo (=Lega) sulla regionalizzazione del sistema formativo. Se così non fosse perché confermare le competenze dello Stato che riguardano le norme generali sull’istruzione (art. 117 Costituzione)? Quest’ultimo passaggio era dovuto per rispetto verso la Costituzione.

Dalla decisione finale sullo sciopero si comprenderà…

Se l’intesa è questa e soddisfa i sindacati, lo sciopero dovrebbe essere revocato. Al momento così sembra! Attendiamo però  qualche giorno per la  decisione finale  (revoca o conferma). Da questa capiremo  se i sindacati sono convinti o meno dell’accordo raggiunto. Lo sarà anche il personale scolastico?

 

Abolizione classi pollaio, è una riforma difficile che farà capire…

Abolizione classi pollaio

L’abolizione delle  classi pollaio costa molto. Si scopre  “l’acqua calda”. Il tempo, però, sta per scadere.

Abolizione classi pollaio, una riforma difficile perché onerosa. Un bel banco di prova per il governo del cambiamento e per il Parlamento. Sarà una svolta?

Abolizione classi pollaio, una riforma difficile

Si legge nel capitolo “Scuola” del contratto di governo” In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”.
Il passaggio riguardante le classi pollaio rimanda alla 12^ riga. Quindi praticamente all’inizio. Vorrà dire pur qualcosa!
Si sapeva fin dall’inizio che la controriforma sarebbe costata alcuni miliardi di €. Era sufficiente riflettere sugli 8 miliardi di prelievo forzoso, operato dal duo Gelmini/Tremonti (2008-09). Una buona parte di questi sono stati ricavati, alzando di un punto  il rapporto medio alunni/docente da 8,94 a 9,94 (2008-2012) per “migliore qualificazione dei servizi scolastici e di una piena valorizzazione professionale del personale docente” ( Ridiamo o piangiamo?)

Abolizione delle classi pollaio, lo stallo attuale preoccupa

Come sta procedendo l’iter parlamentare? Direi male, malissimo! L’impressione è che il M5s si sia fatto fagocitare dalla logica asfittica delle compatibilità economiche. Quasi sempre il capolinea di questa strategia politica è il binario morto.  Pessimista? No realista!
Migliore sintesi di questo stallo politico, che potrebbe precludere all’accantonamento, è fornita da R. Palermo. ScriveAddirittura si era parlato della possibilità di applicare la legge già dal prossimo settembre, ma non appena arrivata in Commissione la proposta è stata subito ridimensionata dalla stessa relatrice di maggioranza: la legge di bilancio 2019, infatti, non prevede risorse mirate e quindi, nella migliore delle ipotesi, se ne potrà parlare a partire dall’anno scolastico 2020/21.
Inizialmente la proposta aveva suscitato grande entusiasmo nel mondo della scuola, entusiasmo che si è via via affievolito anche perchè le risorse necessarie per raggiungere gli obiettivi previsti sono davvero consistenti: poco meno di 400 milioni di euro per il primo anno di applicazione, più di un miliardo per il secondo anno e più di due miliardi a partire dal terzo anno.”

A breve la risposta definitiva

Non dovremo attendere molto. Dal Def, che dovrà essere approvato a fine aprile, potremo capire le reali intenzioni del governo e la sua ferma volontà di abolire le classi pollaio. E purtroppo dall’esecutivo non giungono segnali rassicuranti. Il Ministro Bussetti non ne parla mai. Gli piace giocare facile, rilasciando dichiarazioni sull’ovvio impegno a favore di una scuola inclusiva…  E secondo quanto ha scritto R. Palermo lo stesso Mef ha cassato la proposta come irrealizzabile. Eppure l’abolizione delle classi pollaio  favorirebbe il ritorno della Costituzione nelle aule. Altro che educazione civica o sociale (Gelmini, Aprea)! L’aula tornerebbe  ad essere  l’ambiente  dove si generano e si consolidano  gli apprendimenti, le emozioni le relazioni… In altri termini la formazione dell’uomo e del cittadino (Costituzione italiana) Tutto il resto è secondario! E’ un accessorio!
Sicuramente l’istruzione costa, ma come ha scritto D. Bok “prova con l’ignoranza“.