Archivi tag: Governo

L’atto d’indirizzo di Bussetti dimentica il contratto di governo

L'atto d'indirizzo di Bussetti

Il Ministro Bussetti, continua a dimenticare il contratto di governo.

L’atto d’indirizzo di Bussetti è un elenco di belle intenzioni. Conferma l’intenzione del governo di procedere a ottimizzare l’esistente, dimenticando il contratto di governo. Il documento presentava una priorità cancellata dal governo.

Continua a leggere

L’abolizione delle classi pollaio è la priorità di questo governo

L'abolizione delle classi pollaio

L’abolizione delle classi pollaio fa parte del contratto di governo. Nel documento è presentata come una priorità.

L’abolizione delle classi pollaio è la priorità di questo governo. È scritto nel programma di governo. Il problema risiede nelle coperture economiche. Operazione facilitata dal calo demografico.

Abolizione classi pollaio cosa si legge nel contratto di governo

Diversi esponenti dell’attuale governo ripetono che il programma è il loro punto di riferimento. E’ presentato, infatti, come un contratto che impegna l’esecutivo a perseguire gli obiettivi inseriti nel documento. Esprime, tuttavia, una sintesi dei programmi elettorali del M5S e della Lega. Il carattere “ibrido”(=sintesi) ovviamente ha comportato un taglio di quei contenuti non condivisi (ad esempio l’abolizione della Riforma Gelmini “senza se e senza ma”).
Fatta questa necessaria premessa, si legge nel contratto (sezione scuola)” Per far ciò occorre ripartire innanzitutto dai nostri docenti.
In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento.

Abolizione classi pollaio, prima di tutto

Ne consegue la priorità dell’abolizione delle classi pollaio. Il resto (chiamata diretta, alternanza scuola/lavoro…), pur importante viene dopo ! Il ministro ne ha parlato poco. A mio parere in modo superficiale con questa dichiarazione (audizione 1 agosto 2018) :”la media classi/alunni, a livello nazionale, è di 21,1 alunni per classe. In qualche caso  si sono verificate situazioni per le quali, vuoi per iscrizioni avvenute anche dopo i termini previsti, vuoi per taluni indirizzi di studio particolarmente specializzanti, e al solo fine di accontentare il più possibile le famiglie e gli alunni, potrebbe essersi verificato il caso della costituzione di singole classi numerose”

Il Ministro Bussetti è vincolato dal programma

La personale convinzione del Ministro, però non può divenire il criterio-guida del suo operato. Il programma rappresenta un vincolo per Marco Bussetti! Egli è l’interfaccia di questo contratto! Quindi il Ministro agisca di conseguenza come espressione di un cambiamento promesso che deve iniziare dall’aula. Il cuore del sistema formativo è qui! Quest’ambiente è frequentato dagli utenti del servizio scolastico, senza i quali quest’ultimo non ha ragion d’essere! E’ qui che si forma “la persona e il cittadino” (Costituzione della Repubblica italiana) costituite da capacità, competenze, relazioni emozioni, sentimenti, gravemente compromessi dalla scellerata ed estranea organizzazione delle classi pollaio (D.M.81/09) e superpollaio (Legge di stabilità 2015 art. 1 comma 333).
Sono consapevole che l’abolizione di queste mostruosità pedagogiche necessità di risorse economiche, in parte già coperte, grazie alla significativa diminuzione degli alunni che “fra cinque anni potrebbe attestarsi sulle 361mila unità e fra 10 anni sulle 774mila unità” (Istat,2017).
Quindi si proceda “senza se e senza ma” con questa priorità per il bene dei nostri ragazzi e del futuro del nostro Paese.

 

Governatore Visco e la riserva di carburante per l’istruzione

Il governatore Visco

Un’autorevole conferma di un disastro educativo. Il governo del cambiamento riuscirà ad invertire la rotta?

Il governatore Ignazio Visco ha rilasciato una dichiarazione molto preoccupante sull’istruzione. Il nuovo governo riuscirà ad invertire la rotta? Lo sapremo presto.

Il governatore Ignazio Visco, conferma lo stato di coma dell’istruzione

Due giorni fa il governatore della Banca d’Italia è intervenuto. Ha dichiarato: “La spesa pubblica per istruzione è intorno al 4 per cento del Pil – osserva – molto più bassa che nella media dell’area dell’euro. l’Italia risulta agli ultimi posti tra i Paesi sviluppati per le competenze della sua forza lavoro”, divario che “è pronunciato anche con riferimento all’ attività di ricerca e sviluppo”.

Il grafico aiuta a comprendere meglio

Fin qui nulla di nuovo! Viviamo in un contesto dove le rappresentazioni risultano più efficaci delle parole. Quindi ecco il grafico del nostro “disastro educativo, espressione di una miopia culturale, schiacciata sul presente:

L’istruzione è una macchina  cronicamente in riserva

Questa è la situazione! L’istruzione è una macchina che da anni si muove solo in riserva. Durante l’anno si ferma per l’impossibilità di rispondere alle esigenze formative (ad es. assegnazioni dei docenti e conseguente formazione classi pollaio). I rabbocchi annuali le servono sono per assolvere al minimo i suoi compiti.  La situazione è il risultato di riforme che si sono preoccupate “delle compatibilità economiche” (Riforma Gelmini 2008) o di completare il processo di aziendalizzazione del sistema scolastico, esaltando l’apparire piuttosto che l’essere (“La Buona Scuola”).

#cambioverso o conferma dello stato comatoso

L’attuale governo ha la possibilità di effettuare una “conversione”, a beneficio di formazione dell’uomo e del cittadino (Costituzione della Repubblica). Sicuramente l’obiettivo non potrà essere raggiunto con gli annunci e le dichiarazioni (M. Bussetti) o con la speranza di uno status quo (sempre M.Bussetti), ma con risorse fresche.
Si legge nel contratto del governo M5S-LegaIn questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per
consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento. Aggiungo la chiamata diretta e la revisione dell’alternanza scuola/lavoro.
Interessante la priorità data all’abolizione delle classi pollaio. Il resto viene dopo.
Pertanto il progetto è già definito. La sua realizzazione necessità, però di risorse fresche. Sarà in grado il governo di reperirle? Nonostante la flat tax, il reddito di cittadinanza e la riforma della legge Fornero? Lo sapremo presto, tra meno di un mese con la presentazione della legge di bilancio 2019

Legge di bilancio la prova della verità per il Ministro Bussetti

La legge di bilancio 2019

Dalla legge di bilancio 2019 comprenderemo i veri pensieri della nuova politica verso la scuola

La legge di bilancio costituirà il banco di prova del Ministro Bussetti. Capiremo se le dichiarazioni e le interviste di questi mesi sono state parole al vento o altro. Il mondo della scuola attende.

La scuola ideale del Ministro

In questi mesi il Ministro ha rilasciato molte interviste, ha fatto dichiarazioni. L’impressione non è positiva! Molti passaggi farebbero contenti i teorici della pedagogia, essere utili in qualche convegno o corso di aggiornamento… In altri termini, le idee espresse richiamano una scuola ideale, fuori dal tempo. L’ultimo esempio è il discorso del Ministro all’inaugurazione del nuovo anno scolastico. Ha detto:” Ciascuno di noi ha bisogno di connettersi con una comunità – ha spiegato il Ministro Marco Bussetti, rivolgendosi ai ragazzi nel suo discorso di saluto -. La più importante di queste comunità è la scuola, dove il valore di ciascuna componente aumenta il suo significato grazie al confronto con gli altri. Cari ragazzi, la scuola è la vostra casa. Un luogo da vivere sempre, anche oltre l’orario delle lezioni. In cui stringere relazioni. Un luogo dove studiare, faticare, ridere, fare sport, suonare uno strumento, costruire amicizie e anche innamorarsi. Una finestra aperta sul mondo. Immagino e voglio per voi una scuola in cui al centro ci sia un rapporto vero, umano, tra chi insegna e chi apprende. Tra tutte le componenti. La scuola, ricordatelo per sempre, è la vostra alleata. E chi lavora nella scuola lavora per il vostro bene

La legge di bilancio 2019, il banco prova

Ho l’impressione che “l’accelerazione delle parole”, nasconda la consapevolezza del Ministro che non potrà ottenere quelle risorse fresche per un “#cambioverso” sostanziale  (abolizione delle classi pollaio, nuovo contratto…). L’ipotesi non è più tale, dopo quanto ha dichiarato al giornalista M. Giannini (“Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno).
Comunque ogni dubbio sarà sciolto tra un mese circa, quando il governo passerà dalle parole ai fatti. Questi rimanderanno alla legge di bilancio 2019 che rivelerà “i pensieri nascosti del nuova politica” verso la scuola. Facilmente potremo applicare il criterio della proporzionalità diretta. Il valore zero si declinerà nell’invarianza di spesa, improvvidamente auspicata dal Ministro. Il conseguente stato di quiete o di calma piatta  danneggerà ulteriormente la scuola, dopo anni di prelievo forzoso (Riforma Gelmini, riduzione del MOF e quindi dellla sottovoce FIS, sospensione della copertura contrattuale…), decretandone la conclusione dell’attuale forma storica. Probabilmente quella seguente sarà caratterizzata da assistenzialismo, ben nascosto dietro qualche attività didattica di basso profilo. Pessima prospettiva!