Posted in: Opinioni

L’insegnamento, una passione per il futuro che però dovrebbe…

 

L'insegnamento una passione
L’insegnamento è una passione che guarda oltre.

L’insegnamento è una vocazione? La risposta laica a una provocazione pericolosa, avvilente e minimale che tanto ha contribuito a marginalizzare il docente. Preferisco un’altra espressione che pone la cura del futuro come atteggiamento pervasivo di tutta la società.

L’insegnamento è una passione per il futuro 

L’insegnamento si fonda su una chiamata proveniente da Dio? Ogni tanto torna questo luogo comune. L’ultima dichiarazione è del sottosegretario L. Azzolina: “l’insegnamento deve essere una vocazione e non una scelta di ripiego”.
Mi trovo d’accordo sulla seconda parte, per niente sull’origine divina della chiamata.
Personalmente preferisco l’espressione passione per il futuro, declinata nella cura verso i bambini  e i ragazzi.  Il tratto dovrebbe essere essere la cifra del nostro tempo che, invece dopo aver ucciso  Dio (F. Nietzsche), sta decretando anche la morte dell’uomo attraverso la dis-attenzione verso i più indifesi.
La nostra società dovrebbe essere pensata e organizzata  a misura dei soggetti che esprimono un pro-getto (M. Heidegger), un esser-ci rivolto verso il futuro.  Quindi penso ai politici che dovrebbero proporre e votare leggi  per il ben-essere dei piccoli e dei ragazzi; penso ai genitori che offendono e aggrediscono gli insegnanti, destabilizzando la crescita dei più piccoli; penso sempre ai genitori che al ristorante o in pizzeria invece di dialogare con i figli, li consegnano a un tablet o a uno smartphone per intrattenerli; penso agli adulti che si propongono come cattivi maestri, perché quello che affermano è contraddetto dai loro comportamenti; penso ai mass-media, ai commentatori e agli intellettuali che hanno rimosso il futuro e quindi i giovani, concentrando la loro attenzione solo sul presente, dimenticando l’avamposto del futuro: la scuola!
Questi pochi esempi certificano che siamo un paese per vecchi che ha dimenticato  la profondità orizzontale e la verticalità, curvo  solo ad esaltare con la sua volontà di potenza (la tecnica) lo spazio breve tra le spalle e il naso.