Archivi tag: Insegnanti

La dichiarazione di M. Costanzo dice molto, anche il silenzio…

La dichiarazione di M. Costanzo

M. Costanzo ha dichiarato quello che molti pensano. Perplessità sul silenzio di chi deve difendere gli insegnanti.

La dichiarazione di M. Costanzo è illuminante e conferma il pensiero di molti. Un’ulteriore conferma proviene anche dal silenzio del Ministro, dei sindacati… Nulla di nuovo! Siamo irrilevanti!

Continua a leggere

La crisi della scuola e l’insegnante impiegato (D.Lvo 29/93)

La crisi della scuola

La crisi della scuola è la crisi degli insegnanti ridotti a impiegati. E’ possibile uscire da questa condizione, ma…

La crisi della scuola risiede anche nella trasformazione dell’insegnante a impiegato statale.
Il contributo legislativo a questa mutazione. Esiste una via d’uscita, ma comporta un impegno finanziario.
Continua a leggere

La bassa considerazione degli insegnanti non stupisce

La bassa considerazione

La scarsa considerazione degli insegnanti non stupisce, se consideriamo il Nulla che abbiamo davanti a noi.

La considerazione degli insegnanti peggiora. In caduta libera! Fino a qualche giorno l’impressione non era supportata da una percentuale. Ora è disponibile e possiamo quantificare la nostra irrilevanza. Non poteva essere diversamente, se davanti abbiamo il Nulla!

La considerazione degli insegnanti ha una percentuale!

La considerazione degli insegnanti ha una percentuale. Rimanda a un profilo demansionato. Spesso associato a quello di un parcheggiatore che deve controllare e custodire le vetture (=alunni e studenti). Si legge sul “Fattoquotidiano.it ” …la conferma arriva dalla seconda edizione del Global Teacher Status Index che ha valutato la reputazione sociale degli insegnanti dalle elementari alle superiori in 35 Paesi. Lo status dei docenti in Italia è fra i peggiori nel mondo: siamo fanalino di coda in Europa e, nella classifica generale, solo IsraeleBrasile si collocano più in basso. Il nostro Paese, infatti, è al 33° posto su 35. Rispetto all’indagine condotta nel 2013 la situazione è anche più preoccupante. Il nuovo rapporto conferma che qualcosa sta cambiando e non certo in meglio. Diminuisce il rispetto nei confronti dei docenti: solo il 16% degli italiani intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti (cinque anni fa erano il 20%). Si tratta del sesto dato più basso e del più basso in assoluto tra le grandi economie europee. Un altro mondo, è il cado di dirlo, quello dei paesi asiatici: in Cina, per esempio, l’81% degli intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti“.

Tutto parte dalla morte dell’uomo

La percentuale e il posto occupato dagli insegnanti sono il risultato di un contesto che considera l’istruzione uguale a zero. Come al solito, voliamo alto, seguendo il consiglio di F. Hegel ” Non osservare l’albero, ma la foresta!”.
Perché l’istruzione dovrebbe contare, quando davanti ha il Nulla che si declina nella morte di Dio (F. Nietzsche)? Si legge nella Gaia Scienza “Dove se n’è andato Dio? – gridò – ve lo voglio dire! Siamo stati noi ad ucciderlo: voi e io! Siamo noi tutti i suoi assassini! Ma come abbiamo fatto questo?” Questo “congedarsi da Dio” apre un inquietante scenario: il Nulla sul quale l’oltreuomo (simbolo, più che una persona fisica) deve costruire il suo “stare sulla terra” (nichilismo attivo) abbandonando le illusioni del pensiero giudaico-cristiano . Il suo imperativo è “la fedeltà alla terra”, accettando lo spirito dionisiaco, come paradigma dell’esistenza oltre Dio.
L’impresa è risultata fallimentare, aprendo lo scenario non previsto da Nietzsche della conseguente morte dell’uomo. Egli è diventato un ente, perdendo la prospettiva dell’Essere (M. Heidegger).  L’uomo è rimasto solo di fronte al Nulla!

Se il Nulla è la prospettiva, l’istruzione non ha senso

Siamo di fronte a una prospettiva che ha “ucciso”, tra l’altro, anche l’esser-ci (l’uomo come progetto aperto), e quindi la dimensione del futuro, riducendo tutto a un presente onnicomprensivo. Quindi all’interno di questo scenario dominato dalle passioni tristi (B. Spinoza)  che senso ha parlare di formazione dell’uomo e del cittadino? Quale significato può avere ancora l’educazione se il futuro è stato espulso, diventando insignificante? Il tramonto dell’educazione, ovviamente favorisce anche la percezione degli insegnanti, come soggetti “fuori storia”, consegnandoli all’irrilevanza e quindi alla scarsa considerazione. E’ una lettura “alta” della nostra condizione! Ovviamente, non esaustiva per comprendere la “nostra retrocessione”.

Operazione recupero docenti…

188537-thumb-full-300414_renzi_madia_sara_contenta
A ridosso del Referendum Costituzionale, il governo ha accelerato l’operazione recupero docenti.
Questa esigenza parte da un dato di fatto: il Pd ha “perso  la scuola”. La pessima legge, definita con un aggettivo inappropriato “Buona”, nata da un accordo di Palazzo e con qualche Fondazione, ma non con il coinvolgimento dei docenti ; il contratto fermo da sette anni e il peggioramento delle condizioni di lavoro dei docenti ( classi pollaio, superpollaio, aumento degli adempimenti burocratici… ) hanno rappresentato le condizioni ottimali per un divorzio non consensuale tra il governo di “sinistra”, ( ormai è rimasto il nome e comunque lasciamo perdere il “centro” ) e una componente essenziale della sua base elettorale.
Quindi il governo corre ai ripari con il bonus dei 500€ e la proposta di un aumento medio contrattuale di 85€.
Entrambi hanno un elemento in comune: sono proposti a ridosso del 4 dicembre.
I docenti dovevano avere in tasca la quota del nuovo bonus a settembre dopo le opportune verifiche da concludere entro agosto. E invece, la data di consegna delle certificazioni di pagamento è aggiornata “stranamente”  al 15 ottobre. Mossa strategica o esigenze organizzative? Difficile dirlo. E’ un fatto che la procedura per avere il Bonus è  attivata proprio  a ridosso del Referendum.
Il sospetto esiste anche per il contratto. Dormiente finora, nonostante una sentenza della Corte Costituzionale ( giugno 2015 )  che ha definito non più praticabile il blocco contrattuale. Sospetto che aumenta perché non sì è capito da dove escono gli 85€ di aumento medio ( quindi per tutti, ma questo contrasta con la legge Brunetta che stabilisce una premialità per alcuni ), con la cifra stanziata nella non ancora Legge di Stabilità 2017.  Per coprire i tre anni di rinnovo contrattuale occorrerebbero 11 miliardi ( sindacato Anief- Cisal ), cifra molto distante da quella prevista nella nuova proposta di legge di  Stabilità 2017. Infatti si legge nel testo:  è prevista “l’istituzione di un Fondo per il pubblico impiego, con una dotazione di 1,48 miliardi di euro per il 2017 e 1,39 miliardi di euro a decorrere dal 2018”
Quindi sicuramente il combinato Bonus e ipotesi contratto possono far perdere di lucidità i docenti, da anni in regime di “vacche magre”.  E’ come dare una fiaschetta d’acqua ad una persona assetata che ha percorso un buon tratto di deserto. Quindi attenzione a non esultare!
Al momento le carte sono coperte. Quelle importanti ( = contratto ), intendo. Le scopriremo solo dopo il 4 dicembre.