Posted in: Rientro a scuola

Rientro a scuola, gli insegnanti i grandi dimenticati

Rientro a scuola
Rientro a scuola a settembre, si parla della sicurezza degli studenti. Ma quelli che rischiano maggiormente sono i docenti

Rientro a scuola a settembre. In presenza e tutti in classe senza sdoppiamenti. Si parla poco degli insegnanti i più esposti ai rischi sanitari e professionali.

Rientro a scuola a settembre, l’annuncio di quest’estate

Rientro a scuola a settembre. Governo, genitori lo hanno posto come la priorità di quest’estate. Lo ripete continuamente la Ministra Azzolina, nonostante oggettive difficoltà quali la mancanza di aule, di docenti (pochi i 40.000)… I Piani di rientro (l’ultimo quello per l’infanzia) rappresentano dei problemi, più che delle soluzioni. La lista dei problemi si conclude con i banchi monoposto. Ne serviranno 2,5 milioni. Tanti, troppi.
Questo breve elenco di difficoltà fa comprendere che la reiterazione dell’annuncio, divenuto impegno per il governo, sia percepito come un modo per auto-convincersi che l’obiettivo  sia possibile, a portata di mano. Staremo a vedere.

Gli insegnanti i grandi dimenticati

Da questo dibattito sono assenti gli insegnanti. Di loro si parla poco. Nessun cenno ai rischi sanitari e professionali. Scrive A. Giuliani ” Secondo la Commissione europea, ad esempio, nel 2017 oltre la metà (58%) dei docenti della scuola primaria e secondaria aveva più di 50 anni (contro il 37% nell’Ue) e il 17% superava i 60 anni (contro il 9% nell’Ue” L’OCSE è ancora più precisa: gli over 55 rappresentano il 33%. Questi saranno messi sotto stretta sorveglianza sanitaria e se la copertura immunitaria non sarà ritenuta adeguata verranno  dichiarati temporaneamente inidonei. Ottima soluzione. Intanto, però dovranno affrontare i primi giorni, le prime settimane con tutti i rischi presenti e ormai ben conosciuti.
I D.S. stanno chiedendo, attraverso i loro sindacati un aggiornamento della responsabilità civile e penale per renderle più eque e sostenibili. Sicuramente per i Dirigenti Scolastici i rischi diminuiranno, grazie al protocollo sicurezza e a quello locale. Essi dovranno solo mettere nero su bianco le diverse disposizioni.
A questo punto la palla passa ai docenti (responsabilità civile e penale). Essi dovranno far rispettare queste disposizioni. Impresa difficilissima con allievi della scuola primaria. Certamente la prevalenza del distanziamento statico su quello dinamico, lasciato quest’ultimo (forse) all’uso delle mascherine da parte degli studenti non faciliterà il compito. Per non parlare poi della gestione dei movimenti a mensa o nei corridoi.
Di fronte a questo scenario ad alto rischio denuncia da parte dei genitori degli studenti contagiati, i sindacati cosa fanno? Non si hanno notizia di richieste di tutela per i docenti. Pessima notizia.

Posted in: Opinioni

La dichiarazione di M. Costanzo dice molto, anche il silenzio…

La dichiarazione di M. Costanzo
M. Costanzo ha dichiarato quello che molti pensano. Perplessità sul silenzio di chi deve difendere gli insegnanti.

La dichiarazione di M. Costanzo è illuminante e conferma il pensiero di molti. Un’ulteriore conferma proviene anche dal silenzio del Ministro, dei sindacati… Nulla di nuovo! Siamo irrilevanti!

Posted in: Opinioni

La crisi della scuola e l’insegnante impiegato (D.Lvo 29/93)

La crisi della scuola
La crisi della scuola è la crisi degli insegnanti ridotti a impiegati. E’ possibile uscire da questa condizione, ma…

La crisi della scuola risiede anche nella trasformazione dell’insegnante a impiegato statale.
Il contributo legislativo a questa mutazione. Esiste una via d’uscita, ma comporta un impegno finanziario.

Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

La bassa considerazione degli insegnanti non stupisce

La bassa considerazione
La scarsa considerazione degli insegnanti non stupisce, se consideriamo il Nulla che abbiamo davanti a noi.

La considerazione degli insegnanti peggiora. In caduta libera! Fino a qualche giorno l’impressione non era supportata da una percentuale. Ora è disponibile e possiamo quantificare la nostra irrilevanza. Non poteva essere diversamente, se davanti abbiamo il Nulla!

La considerazione degli insegnanti ha una percentuale!

La considerazione degli insegnanti ha una percentuale. Rimanda a un profilo demansionato. Spesso associato a quello di un parcheggiatore che deve controllare e custodire le vetture (=alunni e studenti). Si legge sul “Fattoquotidiano.it ” …la conferma arriva dalla seconda edizione del Global Teacher Status Index che ha valutato la reputazione sociale degli insegnanti dalle elementari alle superiori in 35 Paesi. Lo status dei docenti in Italia è fra i peggiori nel mondo: siamo fanalino di coda in Europa e, nella classifica generale, solo IsraeleBrasile si collocano più in basso. Il nostro Paese, infatti, è al 33° posto su 35. Rispetto all’indagine condotta nel 2013 la situazione è anche più preoccupante. Il nuovo rapporto conferma che qualcosa sta cambiando e non certo in meglio. Diminuisce il rispetto nei confronti dei docenti: solo il 16% degli italiani intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti (cinque anni fa erano il 20%). Si tratta del sesto dato più basso e del più basso in assoluto tra le grandi economie europee. Un altro mondo, è il cado di dirlo, quello dei paesi asiatici: in Cina, per esempio, l’81% degli intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti“.

Tutto parte dalla morte dell’uomo

La percentuale e il posto occupato dagli insegnanti sono il risultato di un contesto che considera l’istruzione uguale a zero. Come al solito, voliamo alto, seguendo il consiglio di F. Hegel ” Non osservare l’albero, ma la foresta!”.
Perché l’istruzione dovrebbe contare, quando davanti ha il Nulla che si declina nella morte di Dio (F. Nietzsche)? Si legge nella Gaia Scienza “Dove se n’è andato Dio? – gridò – ve lo voglio dire! Siamo stati noi ad ucciderlo: voi e io! Siamo noi tutti i suoi assassini! Ma come abbiamo fatto questo?” Questo “congedarsi da Dio” apre un inquietante scenario: il Nulla sul quale l’oltreuomo (simbolo, più che una persona fisica) deve costruire il suo “stare sulla terra” (nichilismo attivo) abbandonando le illusioni del pensiero giudaico-cristiano . Il suo imperativo è “la fedeltà alla terra”, accettando lo spirito dionisiaco, come paradigma dell’esistenza oltre Dio.
L’impresa è risultata fallimentare, aprendo lo scenario non previsto da Nietzsche della conseguente morte dell’uomo. Egli è diventato un ente, perdendo la prospettiva dell’Essere (M. Heidegger).  L’uomo è rimasto solo di fronte al Nulla!

Se il Nulla è la prospettiva, l’istruzione non ha senso

Siamo di fronte a una prospettiva che ha “ucciso”, tra l’altro, anche l’esser-ci (l’uomo come progetto aperto), e quindi la dimensione del futuro, riducendo tutto a un presente onnicomprensivo. Quindi all’interno di questo scenario dominato dalle passioni tristi (B. Spinoza)  che senso ha parlare di formazione dell’uomo e del cittadino? Quale significato può avere ancora l’educazione se il futuro è stato espulso, diventando insignificante? Il tramonto dell’educazione, ovviamente favorisce anche la percezione degli insegnanti, come soggetti “fuori storia”, consegnandoli all’irrilevanza e quindi alla scarsa considerazione. E’ una lettura “alta” della nostra condizione! Ovviamente, non esaustiva per comprendere la “nostra retrocessione”.