Posted in: Tutti gli articoli

M.E. Boschi e le tante parole sulla scuola in emergenza sanitaria

M.E.Boschi
M.E.Boschi un’intervista fatta di tante belle parole che non aggiungono nulla alla riflessione.

M.E. Boschi è stata intervistata da OrizzonteScuola. Pochi sono i punti che si possono condividere. Un ottimo esempio di comunicazione politica piena di ovvietà e luoghi comuni.

M. E. Boschi e la sua intervista

Maria Elena Boschi, “renziana doc” e fino a dicembre 2016 figura di rilievo nel panorama politico, ha rilasciato una lunga intervista a OrizzonteScuola.it  sui problemi che la scuola sta affrontando in questo periodo. Condivido poco di quello che ha dichiarato, in quanto come molti  politici infarcisce il contenuto con luoghi comuni e ovvietà che nulla aggiungono alla riflessione. Ci sono, inoltre alcuni  passaggi che denotano l’inesperienza d’aula. Nonostante questo si propone di emettere sentenze su quanto è fatto a scuola.
Ma andiamo con ordine. Riprendo alcuni passaggi che accompagnerò con qualche interrogativo o riflessione (in grassetto).

L’intervista, le mie domande o considerazioni

Tenere le scuole chiuse  “la più grande sconfitta, come ho avuto modo di dire anche in parlamento al presidente Conte. Altri Paesi come Germania, Francia e UK anche nei momenti più duri, hanno salvaguardato la scuola. ( Chi non è d’accordo? Il Coronavirus però ha messo in risalto le criticità della scuola, confermate da M. Renzi (2014-2016).  Un esempio le classi pollaio, peggiorando la situazione con quelle superpollaio (Legge di Bilancio 2015 art. 1 comma 333).
Già a inizio aprile, infatti, abbiamo chiesto di riaprire le scuole in sicurezza per ragazzi, docenti e tutto il personale scolastico, venendo criticati da tutti ( La scuola è già in sofferenza ora con tutto quello che è stato deciso in estate, si immagini O. Boschi come poteva gestire la ripartenza ad aprile)
Servivano sanificazioni, più che banchi a rotelle. Più soldi e organizzazione sul trasporto pubblico locale, risorse e poteri speciali ai sindaci per riorganizzare le scuole durante le chiusure. E poi tamponi rapidi e più informazioni alle famiglie e agli insegnanti. (On. Boschi dimentica che lei sostiene questo governo e le sue decisioni. )
Per me la didattica a distanza è un incubo, non un sogno.(Non credo che lei On. Boschi abbia mai fatto Dad!)
La scuola deve essere meritocratica, deve spingerti a coltivare i tuoi talenti, anche insegnarti delle nozioni, certo. La scuola deve garantire il diritto fondamentale all’istruzione” (Torna la “Buona scuola”, che l’ha allontanata dalla Costituzione. La nostra Carta parla di formazione dell’uomo e del cittadino.)
Sono terrorizzata dalle scuole chiuse” ( Moltissimi docenti anche in piena pandemia hanno lavorato tanto con la dad, garantendo una continuità didattica e quindi una sorta di scuola aperta).
“In molti casi la scuola non è solo il luogo in cui molti ragazzi consumano l’unico vero pasto della giornata, ma è anche l’unico luogo in cui un adulto li ascolta.” (
Mi fa piacere che apprezzi il nostro lavoro. Era meglio farlo concretamente, abolendo le classi pollaio e aumentando gli stipendi degli insegnanti. Nessuna delle due cose sono state fatte dal governo Renzi ).
“Come ha confermato anche in questi giorni il CTS, la scuola ha un ruolo marginale nella curva dei contagi. Per i bambini sotto ai 10 anni il rischio di infettare peraltro è piuttosto basso”. (On. Boschi G.Rezza -Coordinatore Malatie infettive Ministero Salute- dichiara il contrario. A. Crisanti conferma la mancanza di dati)
C’è molto altro sul quale non essere d’accordo, ma lascio il compito al lettore.

Posted in: Riapertura delle scuole

Rientro a scuola, le prevedibili conferme di un esperto in sicurezza

Rientro a scuola
Rientro a scuola a settembre. I pareri autorevoli sono tutti concordi: molta prudenza con tanti accorgimenti.

Rientro a scuola, conosciamo “il pensiero” dei virologi e degli immunologi. T. Barone ci fornisce il punto di vista “a discendere” di un esperto in sicurezza nel posto di lavoro e in particolare nella scuola. Poche le novità rispetto a quello che già conosciamo.

Rientro a scuola, la conferma piena di attenzioni  di un esperto in sicurezza

Rientro a scuola a settembre, conosciamo il punto di vista medico, improntato alla massima prudenza e attenzione: Da qui i  suggerimenti: distanziamento fisico, frequenti sanificazioni, riorganizzazione degli spazi e della didattica…
Tutte le soluzioni sono riprese (previsione prevedibile) con qualche  integrazione non fuori luogo (didattica blended) da T. Barone, esperto in sicurezza nel posto di lavoro  in particolare nelle scuole che ha rilasciato un interessante intervista a Skuola.net.

Alcune indicazioni

Riporto qualche passaggio, lasciando poi al lettore la lettura integrale.
Si studiano soluzioni per il rientro in classe a settembre, per il nuovo anno scolastico. Quali sono gli eventuali problemi che potrebbero rivelarsi al momento del rientro a scuola?
I problemi sono connessi alla complessità delle soluzioni di cui ai “Protocolli di sicurezza” implementati dal Governo centrale e dalle Regioni, applicabili nella scuola. Mi riferisco alla lettura della temperatura corporea degli studenti, nonché del personale della scuola, all’ingresso del plesso scolastico, che non deve superare i 37,5 °C. Continuo con la possibilità di garantire la “distanza sociale di 1 m” in relazione alle dimensioni degli spazi scolastici e quindi la possibilità di variare gli orari scolastici e la rimodulazione del layout interno. Passando all’acquisto di detergenti classificati come “presidi medico chirurgico” e poi alla sanificazione dei luoghi. Continuando con l’installazione di “corner igienizzati” dove trovano posto: gel igienizzanti; fazzoletti di carta; bidoni chiusi per lo smaltimento igienico dei fazzoletti utilizzati. Per non parlare del problema più grosso e da non sottovalutare, quello della raccolta differenziata dei dispositivi di sicurezza indossati a protezione personale, come guanti e mascherine filtranti…
Nelle scuole dell’infanzia o primarie potrebbe essere difficile garantire la sicurezza di bambini e docenti in presenza. Lei cosa ne pensa a riguardo?
Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia e primaria, si uniscono due problemi. Il primo è l’età del personale scolastico impiegato, che è il più alto d’Europa. I dati epidemiologici (INAIL, aprile 2020) mostrano chiaramente una maggiore fragilità nelle fasce di età più elevate della popolazione, soprattutto in presenza di alcune tipologie di malattie cronico degenerative. In tale ottica potrebbe essere introdotta la “sorveglianza sanitaria eccezionale” che verrebbe effettuata sui lavoratori con età maggiore di 55 anni o su lavoratori al di sotto di tale età ma che ritengano di rientrare, per condizioni patologiche, in questa condizione anche attraverso una visita a richiesta. In assenza di copertura immunitaria adeguata (utilizzando test sierologici di accertata validità), si dovrà valutare con attenzione la possibilità di esprimere un giudizio di “inidoneità temporanea” o limitazioni dell’idoneità per un periodo adeguato, con attenta rivalutazione alla scadenza dello stesso.

La didattica blended è la soluzione migliore

“Una possibile proposta per la ripartenza delle scuole?
La mia proposta per un tempo sufficientemente lungo di osservazione della curva pandemica è di implementare la formazione in modalità blended, che alterna DaD (partendo dall’assioma “squadra che vince non si cambia”) e momenti in aula attrezzata per la didattica applicata (laboratori), quando possibile, mantenendo rigorosamente il distanziamento sociale, lavorare per classi aperte. Inoltre assolutamente non cambiare gruppo di lavoro (team), questo perché in caso di “conteggio” acclarato è facile da parte delle autorità sanitarie individuare tutti gli altri soggetti con cui si è venuti in contatto e porre in essere un cordone di contenimento efficace”