Archivi tag: Istruzione educazione

La bassa considerazione degli insegnanti non stupisce

La bassa considerazione

La scarsa considerazione degli insegnanti non stupisce, se consideriamo il Nulla che abbiamo davanti a noi.

La considerazione degli insegnanti peggiora. In caduta libera! Fino a qualche giorno l’impressione non era supportata da una percentuale. Ora è disponibile e possiamo quantificare la nostra irrilevanza. Non poteva essere diversamente, se davanti abbiamo il Nulla!

La considerazione degli insegnanti ha una percentuale!

La considerazione degli insegnanti ha una percentuale. Rimanda a un profilo demansionato. Spesso associato a quello di un parcheggiatore che deve controllare e custodire le vetture (=alunni e studenti). Si legge sul “Fattoquotidiano.it ” …la conferma arriva dalla seconda edizione del Global Teacher Status Index che ha valutato la reputazione sociale degli insegnanti dalle elementari alle superiori in 35 Paesi. Lo status dei docenti in Italia è fra i peggiori nel mondo: siamo fanalino di coda in Europa e, nella classifica generale, solo IsraeleBrasile si collocano più in basso. Il nostro Paese, infatti, è al 33° posto su 35. Rispetto all’indagine condotta nel 2013 la situazione è anche più preoccupante. Il nuovo rapporto conferma che qualcosa sta cambiando e non certo in meglio. Diminuisce il rispetto nei confronti dei docenti: solo il 16% degli italiani intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti (cinque anni fa erano il 20%). Si tratta del sesto dato più basso e del più basso in assoluto tra le grandi economie europee. Un altro mondo, è il cado di dirlo, quello dei paesi asiatici: in Cina, per esempio, l’81% degli intervistati ritiene che gli alunni rispettino i propri insegnanti“.

Tutto parte dalla morte dell’uomo

La percentuale e il posto occupato dagli insegnanti sono il risultato di un contesto che considera l’istruzione uguale a zero. Come al solito, voliamo alto, seguendo il consiglio di F. Hegel ” Non osservare l’albero, ma la foresta!”.
Perché l’istruzione dovrebbe contare, quando davanti ha il Nulla che si declina nella morte di Dio (F. Nietzsche)? Si legge nella Gaia Scienza “Dove se n’è andato Dio? – gridò – ve lo voglio dire! Siamo stati noi ad ucciderlo: voi e io! Siamo noi tutti i suoi assassini! Ma come abbiamo fatto questo?” Questo “congedarsi da Dio” apre un inquietante scenario: il Nulla sul quale l’oltreuomo (simbolo, più che una persona fisica) deve costruire il suo “stare sulla terra” (nichilismo attivo) abbandonando le illusioni del pensiero giudaico-cristiano . Il suo imperativo è “la fedeltà alla terra”, accettando lo spirito dionisiaco, come paradigma dell’esistenza oltre Dio.
L’impresa è risultata fallimentare, aprendo lo scenario non previsto da Nietzsche della conseguente morte dell’uomo. Egli è diventato un ente, perdendo la prospettiva dell’Essere (M. Heidegger).  L’uomo è rimasto solo di fronte al Nulla!

Se il Nulla è la prospettiva, l’istruzione non ha senso

Siamo di fronte a una prospettiva che ha “ucciso”, tra l’altro, anche l’esser-ci (l’uomo come progetto aperto), e quindi la dimensione del futuro, riducendo tutto a un presente onnicomprensivo. Quindi all’interno di questo scenario dominato dalle passioni tristi (B. Spinoza)  che senso ha parlare di formazione dell’uomo e del cittadino? Quale significato può avere ancora l’educazione se il futuro è stato espulso, diventando insignificante? Il tramonto dell’educazione, ovviamente favorisce anche la percezione degli insegnanti, come soggetti “fuori storia”, consegnandoli all’irrilevanza e quindi alla scarsa considerazione. E’ una lettura “alta” della nostra condizione! Ovviamente, non esaustiva per comprendere la “nostra retrocessione”.

P.Crepet una conferma del nostro demansionamento

P. Crepet

L’intervista del noto psichiatra prospetta un preoccupante demansionamento dell’insegnante

P.Crepet noto psichiatra e molto presente nel talk-show. Con sconcertante sintesi, senza qualche ambiguità conferma il nostro ruolo nella società dell’iperconnessione. Ne usciamo male!

P. Crepet, l’intervista-verità

Su “Notizie” (Diocesi di Carpi) P. Crepet ha rilasciato un’intervista che esprime una convinzione  diffusa, anche se non sempre esplicitata, della nuova funzione del docente nella società 2.0 e iperconnessa. Ha dichiarato: “Siamo tutti impotenti di fronte a certe situazioni. Il fallimento della scuola nasce anche da questo. Non serve a niente sospendere gli studenti, mandarli a casa o bocciarli. Bisogna educarli, non mandarli a spasso quindici giorni. Gli insegnanti devono tornare a fare gli educatori, non gli istruttori – afferma lo psichiatra I ragazzi vanno educati, non istruiti. La scuola deve tornare a produrre educazione, perché l’istruzione si può avere anche studiando a casa o in qualsiasi altro posto. La scuola negli ultimi tempi è sembrata privilegiare unicamente la sua funzione di centro d’istruzione. L’educazione prevede delle regole. Se queste saltano, salta l’intero impianto. 

Il ruolo deprimente del docente

Diversi sono i messaggi! Fra tutti il demansionamento del docente, ridotto a educare senza istruzione. Se quest’ultima dimensione è assente, rimane solo la proposizione di un sistema di valori etici, ritenuti adeguati a definire il profilo del “bravo e onesto cittadino”. Caratteristiche ritenute un l’argine contro le barbarie dell’ego senza limiti. E chi meglio dei docenti, quasi sempre accostati al mondo del libro “Cuore”, può assolvere questo compito?
Questo approccio  leggero, privo di contenuti, è favorito dalla percezione storica di soggetti (=i docenti)  incapaci di trasmettere efficacemente istruzioni e abilità o dalla convinzione che l’istruzione sia un “bagaglio culturale” a bassa complessità. Quindi qualunque agenzia è in grado di trasmetterli. Da qui l’inutilità della scuola come soggetto che “forma l’uomo e il cittadino”
P. Crepet. probabilmente senza saperlo, cade nella “legge del pendolo” che ha caratterizzato la scuola, soprattutto quella primaria dal 1861 al 1985. In sintesi, le riforme e i programmi hanno oscillato sempre tra due estremi: istruzione ed educazione. L’uno escludeva l’altro e viceversa, in una contrapposizione che vedeva l’altro polo quasi “come un male assoluto”. L’intervista di P. Crepet, però va oltre la tradizione,  indicando l’educazione come dimensione pervasiva di tutto il ciclo scolastico, e non solo come “fondamento e coronamento” della scuola primaria.

Contrapposizione inutile e superata 

Lo sviluppo della psicologia costruttivistica (P. Ausubel) ha da tempo superato questa contrapposizione, individuando una  sintesi tra le due realtà.
In altri termini, “tutto è educazione”. Il compito della scuola non è quello di puntare all’educazione a 360°. All’istituzione scolastica è affidata una parte “di questa torta” alla quale deve dare una forma attraverso la proposizione di modelli  in grado di leggere e sviluppare l’umano e interagire con la realtà circostante. E’ sempre stato così. Mi auguro che lo sia in futuro. Diversamente è consigliabile “chiudere la scuola”!