Posted in: Patrizio Bianchi, Scuola

Patrizio Bianchi, proseguimento o discontinuità?

Patrizio Bianchi
Patrizio Bianchi dovrà ripartire dal lavoro di L. Azzolina, a scapito del riformismo.

Patrizio Bianchi, nuovo Ministro dell’Istruzione proseguirà il lavoro di L. Azzolina o rappresenterà un punto di discontinuità? I fatti ci diranno molto. Dovrà comunque pensare a come migliorare la convivenza del virus a scapito delle riforme.

Patrizio Bianchi, nuovo Ministro dell’istruzione

Patrizio Bianchi è il nuovo Ministro dell’Istruzione. Il suo nome circolava con una certa insistenza. Alla fine l’ipotesi è divenuta realtà. La lettura di questa nomina è semplice: l’operato di L.Azzolina non è stato ritenuto adeguato, all’altezza del compito. La violenta e improvvisa irruzione del Covid-19 nella scena mondiale, ha rimescolato le carte. Sicuramente la bolla sui banchi a rotelle costruita ad arte  da alcuni politici (Salvini, Meloni, Renzi),  organi di stampa (Il Messaggero, Il Tempo) e alcuni talk show (Rete 4) non l’aiutata. Ha commesso, indubbiamente degli errori, ma ha fatto ripartire 3/4 del sistema scolastico, proteggendolo il più possibile. Questo è avvenuto in un clima d’incertezza sui comportamenti del virus che non ha favorito valutazioni certe da parte dei virologi.

Patrizio Bianchi sarà costretto a proseguire il lavoro di L. Azzolina

Appena nominato sono partiti i “buoni consigli” al Ministro come voltare pagina rispetto alla gestione di L. Azzolina.. Questa mattina due esperti di aule scolastiche (T. Boeri e Roberto Perotti) hanno invitato P. Bianchi a definire  criteri di valutazione per gli insegnanti, finalizzati a valorizzare l’impegno dei bravi insegnanti. Ovviamente nulla viene detto sulle modalità: pacca sulla spalla? Stretta di mano? Aumenti retributivi? In quest’ultimo caso dimenticano che i nostri aumenti sono vincolati dal D. Lv.29/93.
Ieri il neo Ministro ha iniziato a rilasciare interviste. Ha dichiarato: “La scuola deve tornare nel cuore di tutti, soprattutto di chi non va a scuola“. Ovviamente il pensiero è andato ai dispersi, agli abbandoni. Altra dichiarazione, molto più articolata: “Riporto tutti in classe, quando ero assessore in Emila-Romagna le scosse fecero a pezzi centinaia di edifici scolastici. Il Covid-19 è stato come un terremoto. L’obiettivo è riaprire tutto al più presto. L’istruzione non può interessare solo agli addetti ai lavori, ma è il cardine dello sviluppo del Paese”, afferma. Poi aggiunge: “Gli investimenti saranno fondamentali, ma c’è un elemento importante e non meno decisivo che è quello dell’ascolto. L’anno scorso, come presidente della commissione di esperti chiamata dal ministro Azzolina a studiare la ripartenza della scuola dopo il lockdown, ho ascoltato davvero tutti, dai docenti di ruolo ai precari, sino ai comitati delle mamme. E nella relazione che avevamo consegnato, diventata poi anche il mio libro, ci sono tutti questi elementi”
Ovviamente capiremo meglio le intenzioni del Ministro nei prossimi giorni attraverso i primi provvedimenti.
A mio parere dovrà gestire in primis la convivenza con il virus, continuando il lavoro di L. Azzolina, correggendolo e perfezionandolo. La messa in sicurezza delle scuole, soprattutto quelle superiori richiederanno un confronto deciso con le Regioni. Occorrerà pensare, inoltre alla nuova ripartenza a settembre. A mio parere anche l’anno scolastico 2021/22 sarà emergenziale per due motivi: il proliferare delle varianti del virus che espone anche i più piccoli al contagio e la mancanza di un vaccino under 18.
Tutto questo toglierà il tempo per pensare a grandi riforme. Non è un bene, ma il Covid-19 imporrà probabilmente il suddetto percorso.

Posted in: A. Scurati

A. Scurati, il suo affondo e la mia difesa di L. Azzolina

A. Scurati
A, Scurati scrive un articolo molto critico verso L. Azzolina. Troppo facile!

A. Scurati, un articolo molto critico verso L. Azzolina. Troppo facile criticare, senza essere costretti a sporcarsi le mani. Difendo, nonostante tutto L. Azzolina.

A. Scurati, molto critico verso L. Azzolina

A. Scurati, noto scrittore e autore del fortunatissimo libro ” M. Il figlio del secolo” ha pubblicato un articolo molto critico (Corriere della Sera, 30 giugno 2020) sull’operato della Ministra Lucia Azzolina. Ha scritto: “Un eventuale avvicendamento al Ministero dell’Istruzione risolverebbe i problemi della scuola? Ovviamente no. Salverebbe però la rispettabilità di un alto ruolo istituzionale e la dignità di un’Istituzione fondamentale. Non è poco, non è affatto poco… la gestione della Ministra Azzolina è stata infima. Credo che sia esatto dire che, in estrema sintesi, si è risolta in colpevoli silenzi alternati a risibili annunci. La ministra ha taciuto a lungo, troppo a lungo, abbandonando allo smarrimento milioni di studenti, di presidi e di insegnanti. Poi quando ha parlato,ogni volta che ha parlato, è stata sistematicamente costretta a ritrarre, costrimgendo quell’esercito allo sbaraglio – esercito per numero non per natura – a passare dallo smarrimento allo sgomento.”

Troppo facile criticare L. Azzolina

Il resto dell’articolo lo lascio alla curiosità del lettore.
Qualche considerazione. Troppo facile criticare una gestione e alcune dichiarazioni della Ministra. L. Azzolina, e l’intero governo Conte 2, hanno dovuto gestire un evento straordinario, epocale, senza avere strumenti ed esperienze pregresse. La storia non li ha aiutati, mettendo a nudo i loro limiti anche caratteriali.
Il Coronavirus ha messo in crisi gli scenari ipotizzati dall’uomo.  La pandemia ha rappresentato il quarto shock (S. Maffettone 2020) della storia dell’umanità. Il primo è stato provocato da N. Copernico che ha certificato l’irrilevanza della Terra nell’universo; il secondo rimanda alla scoperta che i nostri antenati sono state le scimmie; la terza, infine, ha mostrato che non siamo padroni della nostra esistenza (S. Freud).
Per settembre  dovrà riuscire a rendere efficiente il sistema scolastico compromesso da tagli, e obbrobri organizzativi, come quello delle classi pollaio, volute da Gelmini/Tremonti e votate anche dalla Lega Nord. Impresa ardua, in quanto fortemente condizionata dal finanzcapitalismo (L. Gallino), sempre presente anche nel governo Conte 2. Ripartenza che dipenderà non solo dall’Amministrazione centrale, ma anche  dall’efficienza delle Regioni, degli Enti locali…
Sono persuaso che A. Scurati e gli altri critici, avrebbero commesso molti errori, elaborando piani imperfetti preceduti da tanta incertezza.
Quindi,  Ministra Azzolina vada avanti! Ha tutta la mia solidarietà, nonostante alcune critiche espresse nei giorni passati.