Archivi tag: La buona scuola

La legge di stabilità 2019, il banco di prova del governo

La legge di stabilità 2019

La legge di stabilità 2019 rivelerà le reali intenzioni di questo governo sulla scuola.

La legge di stabilità 2019, rappresenterà il banco di prova del governo per la scuola. Dal mega-provvedimento capiremo quanto si intende realizzare #ilcambioverso per la scuola.

Un inizio “deboluccio”

Finora il Ministro Bussetti è stato poco produttivo. In altri termini, poco è cambiato per la scuola! L’unico provvedimento significativo ha riguardato l’abolizione della chiamata diretta, con qualche ambiguità. Libero Tassella ha rilevato, infatti, la permanenza della titolarità di ambito e la durata triennale. Aggiungo, il provvedimento  è a costo zero. Quindi semplice da firmare.
Il resto sono chiacchiere, interviste.

Gli unici documenti importanti

In mezzo a questo “fiume di parole” emergono due interventi importanti fatti davanti alle commissioni scuola del Senato e della Camera dei deputati. Mi riferisco alle le linee programmatiche (11 luglio 2018) e all’audizione del 1° agosto.
Dal primo emerge l’intenzione di non abrogare “La Buona Scuola”, ma solo di applicare “la tecnica del cacciavite” (Fioroni). Ha dichiarato il Ministro: “come ha anche assicurato il Presidente del Consiglio, reputo che i nodi emersi in questi anni di applicazione vadano affrontati e sciolti completamente, in modo condiviso: quello che propongo è un riallineamento complessivo che ottimizzi un impianto normativo ormai operativo da qualche anno.”
Interessante la parte sulla scuola inclusiva. Molto formale, ma di scarsa sostanza. Non si dice nulla sull’abolizione delle classi pollaio.

Un’audizione inquietante, ma non tanto

La dimenticanza è stata superata dall’audizione del 1° agosto. Lascia perplessi! Non tanto, però, se pensiamo che il Ministro Bussetti è rappresentante di un movimento che nel 2008-2009 faceva parte del Governo Berlusconi IV. Quindi firmatario dei provvedimenti che hanno dato vita alla Riforma Gelmini (prelievo forzoso di 8 miliardi, abolizione delle compresenze del tempo pieno e formalizzazione delle classi pollaio…). Ha dichiarato il Ministro ” la media classi/alunni, a livello nazionale, è di 21,1 alunni per classe. In qualche caso  si sono verificate situazioni per le quali, vuoi per iscrizioni avvenute anche dopo i termini previsti, vuoi per taluni indirizzi di studio particolarmente specializzanti, e al solo fine di accontentare il più possibile le famiglie e gli alunni, potrebbe essersi verificato il caso della costituzione di singole classi numerose”
Da questa dichiarazione emerge l’approccio ragionieristico e l’intenzione di giustificare la presenza delle classi pollaio, come una conseguenza di un venir incontro alle esigenze delle famiglie. Sconcertante.

La legge di stabilità, conferma o superamento del profilo attuale?

Se il buongiorno, si vede dal mattino, allora siamo messi male! Anzi malissimo!
La prossima legge di Stabilità 2019 ci dirà molte cose. Capiremo meglio il “peso” della scuola. In altri termini, saranno svelate le reali intenzioni di questo governo sulla scuola. Le speranze sono poche! Direi ridotte al lumicino. Del resto il Ministro Bussetti ha parlato di “obiettivi realmente perseguibili”. Ora l’abolizione delle classi pollaio comportano un costo. Medesimo discorso  vale per qualunque altro elemento della Riforma Gelmini, voluta per sottrarre risorse finanziarie alla scuola. Se poi pensiamo che le poche risorse disponibili saranno destinate per la Flat tax, il reddito di cittadinanza, la riformulazione della Riforma Fornero, allora non ci resta che rassegnarci. Resta la domanda: ” Dopo questo governo su chi o cosa possiamo affidare le nostre speranze di cambiamento della scuola?

 

 

Scuola inclusiva, attendiamo i primi “provvedimenti costituzionali”

Scuola inclusiva

Ottima partenza. ma la partita vera si giocherà sull’inclusione

Scuola inclusiva, formalmente esiste, sostanzialmente è stata compromessa. Attendiamo i provvedimenti che permetteranno all’istituzione formativa di “rientrare nella Costituzione”

Ministro Bussetti, ottima partenza, ma…

Il governo ha iniziato a muoversi! Bene e coerentemente con il Contratto di governo che prevede l’abolizione della chiamata diretta. Si legge nel contrattoUn altro dei fallimenti della c.d. “Buona Scuola” è stato determinato dalla possibilità della “chiamata diretta” dei docenti da parte del dirigente scolastico. Intendiamo superare questo strumento tanto inutile quanto dannoso” .
Non si comprende la meraviglia dell’on. Malpezzi, che presenta uno scenario tutto da certificare. Dichiara, infatti, il deputato ” Dispiace che il primo atto del governo sia stato quello di cancellare non già la chiamata diretta che non è mai esistita ma la chiamata per competenze che era uno strumento importante più nelle mani dei docenti che dei dirigenti per scegliere la scuola più adatta alle proprie competenze professionali. Inoltre, la chiamata per competenze era anche un modo per offrire agli studenti docenti motivati e non quelli assegnati attraverso una graduatoria ”
Ribadisco, la partenza è ottima! Ha un solo limite: non costa nulla all’erario!

La scuola inclusiva, questa sarà la vera partita!

La vera partita si giocherà, quando il governo proverà a far “rientrare la scuola nella Costituzione” con provvedimenti  che comporteranno dei costi economici. Mi riferisco all’abrogazione delle classi pollaio, al ripristino delle compresenze  e del tempo pieno nella scuola primaria. Provvedimenti voluti dal governo Berlusconi ( 2009) e confermati dai quelli seguenti che hanno certificato l’entrata a “gamba tesa” del finanzcapitalismo (L. Gallino), allergico a spendere per la scuola.
Solo questo “ritorno alla Costituzione” ( ” E’ compito della Repubblica…” “La scuola è aperta a tutti”) sostanzierà la parte del  del contratto di governo che recita” Una scuola che funzioni realmente ha bisogno di strumenti efficaci che assicurino e garantiscano l’inclusione per tutti gli alunni, con maggiore attenzione a coloro che presentano disabilità più o meno gravi, ai quali va garantito lo stesso insegnante per l’intero ciclo. Una scuola inclusiva è, inoltre, una scuola in grado di limitare la dispersione scolastica che in alcune regioni raggiunge percentuali non più accettabili. A tutti gli studenti deve essere consentito l’accesso agli studi, nel rispetto del principio di uguaglianza di tutti i cittadini.”
Se l’attuale governo deciderà di riaffermare  il primato della “scuola della Costituzione”, allora sarà possibile affermare il “#cambioverso” annunciato da Renzi, ma rimasto lettera morta!

 

M.Pittoni, ritocchi a costo zero o quasi

M.Pittoni

Impegni troppo orientati verso i docenti. Occorre pensare anche agli alunni/studenti.

M. Pittoni è stato eletto Presidente della Commissione istruzione del Senato. Figura di punta della Lega. Gli obiettivi, sono interessanti, ma quasi tutto a costo zero. Non è un buon segnale per la scuola.

M. Pittoni, il suo programma

M. Pittoni è il nuovo Presidente della commissione Istruzione del Senato. Non è una persona qualunque. All’interno della Lega è molto ascoltato. Ha praticamente scritto il programma della scuola.
Quasi tutti i punti sono stati confermati, come impegni da realizzare.
In particolare:
alternanza scuola/lavoro di qualità
precariato
Diplomi magistrali
reclutamento docenti su base regionale
superamento (abolizione?) della chiamata diretta
bonus premiali ai docenti

I limiti degli impegni

Interessanti elementi per depotenziare gli effetti negativi della Legge 107/15. Hanno però il difetto di essere orientati verso i docenti. E soprattutto di essere a costo zero o quasi.
La scuola necessita anche di altri interventi più radicali e costosi, orientati verso l’allievo/studente, come l’abolizione delle classi pollaio, l’azzeramento di alcuni aspetti della riforma Gelmini/Tremonti riguardanti il tempo pieno, le compresenze.

Nuovo Miur, attendiamo i fatti, ma…

 

Nuovo Miur

Tanti auguri, con qualche speranza e molti dubbi!

 

Nuovo Miur, dopo Marco Bussetti ( Ministro), abbiamo Fioramonti e Giuliano ( sottosegretari). Attendiamo i fatti, ma le nomine non ci tranquillizzano.

Dubbi sull’abolizione della Legge 107/15

Dichiarava il nuovo Ministro Bussetti (Insegnante, Dirigente Scolastico e Dirigente dell’Usr Lombardia)   ” è un’ottima legge che ha permesso di cominciare a ragionare con un sistema integrato tra mondo del lavoro e scuola“. Noto il percorso professionale di A. Giuliano  (Dirigente Scolastico) che lo ha visto collaboratore del Ministro Giannini fino al 2016. A questo si aggiunge il suo sostegno alla “Buona Scuola”, certificata dalle seguenti dichiarazioni : “Difendo la legge con forza” e “La Buona Scuola non va abolita, ma migliorata“. Questi due tecnici sono affiancati dall’economista L. Fioravanti (un altro tecnico). Al momento è difficile cogliere la relazione tra il suo CV e il ruolo assunto all’interno del Miur.
Detto questo, preoccupa la posizione ambigua dei primi due   sulla “Buona Scuola” che in campagna elettorale l’on. L. Di Maio aveva dichiarato di voler abolire “senza se e senza ma”

E gli insegnanti? 

A questo occorre aggiungere la totale assenza di un docente nella cabina di regia. Eppure esisteva una candidata:  Bianca Laura Granato! E’ stata confermata, purtroppo, la regola che gli insegnanti sono ritenuti inadeguati a gestire la complessa macchina  organizzativa del Miur ( v. articolo)
Dopo queste prime decisioni che costituiscono dei “fatti”, attendiamo le prossime mosse. Sicuramente si poteva fare altro. E questo preoccupa!