Archivi tag: Legge 107/05

On. Francesco Boccia e il pentimento costruttivo sulla L.107/15

On. Francesco Boccia

L’On. Francesco Boccia conferma che il Pd ha compreso la lezione. Occorrono fatti, però, non parole.

L’On. Francesco Boccia e qualche giorno fa  il governatore del Lazio Nicola Zingaretti hanno avviato l’operazione recupero del mondo della scuola. Un pò tardiva e sospetta. Le parole stanno a zero, servono i fatti.

Continua a leggere

Ministro Bussetti, tavoli utili solo per gli esperti

Ministro Bussetti

Il Ministro Bussetti apre undici tavoli. Servono solo a distrarre.

Il Ministro Bussetti “apre un nuovo cantiere” costituito da 11 tavoli. Modalità di consultazione utile solo per la passerella di personalità. Raramente, infatti hanno prodotto qualcosa. Tattica per distrarre dal clima di bonaccia?

Continua a leggere

On. Malpezzi

On. Malpezzi, dimentica le promesse elettorali di Bersani

 

L’On Malpezzi, insiste nell’errore. L’insuccesso della “BuonaScuola” e nel mancato coinvolgimento dei docenti. In altri termini, la comunicazione non è stata efficace. Errore culturale ed espressione di una mancanza di autocritica.

L’intervista di Malpezzi

L’antefatto. Pasquale Almirante ha scritto ” In altri termini il Pd ha fatto proprio, mascherandolo con gli ambiti territoriali, un provvedimento della destra; provvedimento che Malpezzi, di sinistra, rimpiange senza tenere in conto che era già all’epoca inviso alla stragrande maggioranza dei suoi ex colleghi di scuola, contrastato dai suoi ex “compagni” di partito e odiata dal sindacato.”
Le parole del redattore di tecnicadellascuola.it , ch possono essere estese a tutta la riforma, confermano quanto da me scritto in alcuni articoli (ad esempio: “Governo Renzi… “).
L’on. Malpezzi risponde all’articolo di P. Almirante, ripetendo il medesimo spartito, fatto  proprio anche da M. Renzi (probabilmente l’ordine è inverso). Non abbiamo coinvolto gli insegnanti, che devono essere guidati, parafrasando Lenin,  da un’avanguardia illuminata. E il solito errore della sinistra, sintetizzata nella sua presunta superiorità intellettuale. Profilo ben analizzato dal sociologo L. Ricolfi in “Perché siamo antipatici…

L’on. Malpezzi dimentica…

Intendo integrare le fondate riflessioni di P. Almirante con la seguente osservazione: L’on Malpezzi dimentica le promesse elettorali  di P. Bersani (2013), tradite poi dal Governo Letta e Renzi.
Si prometteva ” i fiori all’occhiello , i gioielli della scuola italiana del tempo pieno a 40 ore e del modulo a 30 ore ( scuola primaria ) saranno rimessi in vetrina” In questo programma non c’é traccia della “Buona Scuola”, un aggiornamento del progetto Aprea (FI) e suggerita da un’associazione professionale (Treelle).
Il risultato? Gli insegnanti che votavano Pd si sono sentiti traditi e quindi lo hanno abbandonato!

Nuovo Miur, attendiamo i fatti, ma…

 

Nuovo Miur

Tanti auguri, con qualche speranza e molti dubbi!

 

Nuovo Miur, dopo Marco Bussetti ( Ministro), abbiamo Fioramonti e Giuliano ( sottosegretari). Attendiamo i fatti, ma le nomine non ci tranquillizzano.

Dubbi sull’abolizione della Legge 107/15

Dichiarava il nuovo Ministro Bussetti (Insegnante, Dirigente Scolastico e Dirigente dell’Usr Lombardia)   ” è un’ottima legge che ha permesso di cominciare a ragionare con un sistema integrato tra mondo del lavoro e scuola“. Noto il percorso professionale di A. Giuliano  (Dirigente Scolastico) che lo ha visto collaboratore del Ministro Giannini fino al 2016. A questo si aggiunge il suo sostegno alla “Buona Scuola”, certificata dalle seguenti dichiarazioni : “Difendo la legge con forza” e “La Buona Scuola non va abolita, ma migliorata“. Questi due tecnici sono affiancati dall’economista L. Fioravanti (un altro tecnico). Al momento è difficile cogliere la relazione tra il suo CV e il ruolo assunto all’interno del Miur.
Detto questo, preoccupa la posizione ambigua dei primi due   sulla “Buona Scuola” che in campagna elettorale l’on. L. Di Maio aveva dichiarato di voler abolire “senza se e senza ma”

E gli insegnanti? 

A questo occorre aggiungere la totale assenza di un docente nella cabina di regia. Eppure esisteva una candidata:  Bianca Laura Granato! E’ stata confermata, purtroppo, la regola che gli insegnanti sono ritenuti inadeguati a gestire la complessa macchina  organizzativa del Miur ( v. articolo)
Dopo queste prime decisioni che costituiscono dei “fatti”, attendiamo le prossime mosse. Sicuramente si poteva fare altro. E questo preoccupa!