Posted in: Didattica a distanza

Didattica a distanza, una nota ministeriale inutile che fa perdere tempo

Didattica a distanza
Il Ministero dell’Istruzione propone la sua idea sulla didattica a distanza. Peccato però…

Didattica a distanza, la nota ministeriale del 17.03.20 riulta inutiel perché contiene suggerimenti e indicazioni che fanno parte da diverso tempo  del profilo professionale dei docenti.  Fa perdere tempo. Se ne consiglia il ritiro.

Didattica a distanza, un nota ministeriale “ovvia”

Didattica ministeriale, il MI (Ministero dell’Istruzione) dice la sua con una nota del 17.03.20.
Dopo averla letta si ha la sensazione di aver perso tempo. Non aggiunge nulla alla professionalità dei docenti. Sono proposte una serie di ovvietà che rimandano a degli sfondi ormai metabolizzati dai docenti.
Iniziamo. La nota offre l’ovvia lettura costituzionale e sociale della didattica a distanza : “La didattica a distanza, in queste difficili settimane, ha avuto e ha due significati. Da un lato, sollecita l’intera comunità educante, nel novero delle responsabilità professionali e, prima ancora, etiche di ciascuno, a continuare a perseguire il compito sociale e formativo del “fare scuola”, ma “non a scuola” e del fare, per l’appunto, “comunità”… Le interazioni tra docenti e studenti possono essere il collante che mantiene, e rafforza, la trama di rapporti, la condivisione della sfida che si ha di fronte e la propensione ad affrontare una situazione imprevista.
Dall’altro lato, è essenziale non interrompere il percorso di apprendimento. La declinazione in modalità telematica degli aspetti che caratterizzano il profilo professionale docente, fa sì che si possa continuare a dare corpo e vita al principio costituzionale del diritto all’istruzione”

Entrando nello specifico non cambia la musica

Quando si entra nello specifico le ovvietà proseguono, dando un pessimo segnale agli insegnanti, ritenendoli in difficoltà a comprendere alcune implicazioni pedagogiche e psicologiche. Si legge infatti “Le attività di didattica a distanza, come ogni attività didattica, per essere tali, prevedono la costruzione ragionata e guidata del sapere attraverso un’interazione tra docenti e alunni. Qualsiasi sia il mezzo attraverso cui la didattica si esercita, non cambiano il fine e i principi. Nella consapevolezza che nulla può sostituire appieno ciò che avviene, in presenza, in una classe, si tratta pur sempre di dare vita a un “ambiente di apprendimento”, per quanto inconsueto nella percezione e nell’ esperienza comuni, da creare, alimentare, abitare, rimodulare di volta in volta. Il solo invio di materiali o la mera assegnazione di compiti, che non siano preceduti da una spiegazione relativa ai contenuti in argomento o che non prevedano un intervento successivo di chiarimento o restituzione da parte del docente, dovranno essere abbandonati, perché privi di elementi che possano sollecitare l’apprendimento.

Con gli alunni in difficoltà si raggiunge “la cima”

Si raggiunge “la cima delle ovvietà” con l”esortazione contenuta nella sezione dedicata agli “Alunni in difficoltà”. Si legge: “Per quanto riguarda gli alunni con disabilità, il punto di riferimento rimane il Piano educativo individualizzato. La sospensione dell’attività didattica non deve interrompere, per quanto possibile, il processo di inclusione.
Come indicazione di massima, si ritiene di dover suggerire ai docenti di sostegno di mantenere
l’interazione a distanza con l’alunno e tra l’alunno e gli altri docenti curricolari o, ove non sia possibile, con la famiglia dell’alunno stesso, mettendo a punto materiale personalizzato da far fruire con modalità specifiche di didattica a distanza concordate con la famiglia medesima, nonché di monitorare, attraverso feedback periodici, lo stato di realizzazione del PEI. ..
Occorre dedicare, nella progettazione e realizzazione delle attività a distanza, particolare attenzione alla presenza in classe di alunni in possesso di diagnosi rilasciata ai sensi della Legge 170/2010, e ai rispettivi piani didattici personalizzati. La strumentazione tecnologica, con cui questi studenti già hanno di solito dimestichezza, rappresenta un elemento utile di facilitazione per la mediazione dei contenuti proposti.
E qui mi fermo, Altri  contributi evidenziano diverse criticità. Forse è il caso di ritirare la nota?

Posted in: Classi pollaio, Tutti gli articoli

Bes e superdotati, il Miur “armiamoci e partite”. Molto semplice!

Bes e superdotati
Bes e superdotati, nulla di nuovo dalla nota del Miur. la presenza delle classi pollaio rende tutto difficile.

Bes e superdotati, il Miur ha pubblicato una nota che conferma un principio costituzionale e arcinoto agli insegnanti. Purtroppo le classi pollaio rappresentano un impedimento alla realizzazione di una scuola inclusiva.

Bes e superdotati, la nota del Miur

Bes e superdotati, molti pensano che tra le due realtà non ci sia alcun collegamento. Il convincimento è supportato anche dalla prassi didattica, incentrata sull’elaborazione del Pdp per alunni e studenti che non rientrano nella Legge 102/92 e nello specifico nell’art. 3 comma 1 o 3.
Non è così! La diversità è la specificità di ogni persona. Lo affermava R. Gay negli anni ’70, quando scriveva che la diversità non è un tratto eccezionale appartenente ad alcune persone, ma ordinario di ogni individuo.
Pertanto non stupisce la nota del Miur del  03.04.2019, prot. n°. 562. Molte conferme di aspetti già conosciuti e messi in atto. Interessante, invece il seguente passaggio che presenta un aspetto poco praticato:”In base alle segnalazioni ricevute dalle scuole e alle comunicazioni scientifiche dei settori accademici di riferimento, emerge come fra la popolazione scolastica siano presenti bambini ad alto potenziale intellettivo, definiti Gifted children in ambito internazionale. A seguito dell’emanazione della Direttiva 27.12.2012, molte istituzioni scolastiche hanno considerato tali alunni e studenti nell’ambito dei Bisogni Educativi Speciali. Tale prassi, assolutamente corretta, attua la prospettiva della personalizzazione degli insegnamenti, la valorizzazione degli stili di apprendimento individuali e il principio di responsabilità educativa.
Anche in questo caso la strategia da assumere è rimessa alla decisione dei Consigli di Classe o Team Docenti della primaria che, in presenza di eventuali situazioni di criticità con conseguenti manifestazioni di disagio, possono adottare metodologie didattiche specifiche in un’ottica inclusiva, sia a livello individuale sia di classe, valutando l’eventuale convenienza di un percorso di personalizzazione formalizzato in un PDP.”

Il rischio che rimanga tutto sulla carta

Chi non può essere d’accordo? Purtroppo le classi pollaio rappresentano un impedimento alla realizzazione di una scuola realmente inclusiva di tutti e di ognuno. L’aberrazione pedagogica pone la scuola fuori dalla Costituzione, in quanto costringe il docente a ridurre all’osso la personalizzazione, a beneficio di una uniformità che coinvolge le strategie e i contenuti. Scriveva D. Milani “Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali“.
Il compito del Miur è quello di confermare il quadro normativo vigente, utilizzando frasi ad effetto. La gestione della complessità resta agli insegnanti.  In altri termini: “armiamoci e partite