Archivi tag: Parlamento

Assunzioni docenti, la correttezza formale del Mef, rimangono però…

Assunzioni docenti

Assunzioni docenti, corretta la decisione del Mef. Spetta alla politica abolire, migliorare le leggi…

Assunzioni docenti, meno rispetto alle richieste del Miur. Decisione corretta del Mef, che applica le disposizioni di legge  che hanno formalizzato le classi pollaio. Solo il Parlamento ha funzioni legislative. Quindi la responsabilità è politica.

Assunzioni docenti, la correttezza formale del Mef

Assunzione docenti, il Mef ne ha autorizzate 53.627. Il Miur ne aveva richieste cinquemila in più. Si legge nel comunicato stampa n°144 del 29.07.2019: ” Al riguardo, il MEF ha più volte evidenziato quanto previsto dal DPR 20 marzo 2009, n. 81 e, in particolare, che le dotazioni organiche complessive e la distribuzione delle stesse tra le regioni sono definite specificamente in base al grado di densità demografica e alla previsione dell’entità e della composizione della popolazione scolastica.”
Decisione quindi formalmente corretta e rientrante tra i suoi doveri di rispettare e applicare la normativa vigente. E qui mi riferisco a quella citata dal comunicato (D.P.R.81/09) che discende dalla legge 133/08. Entrambi i provvedimenti voluti dal duo Gelmini-Tremonti che hanno formalizzato il taglio di 87.000 docenti e l’innalzamento di un punto in percentuale del rapporto numero alunni per classe. Dal suddetto combinato sono nate le classi pollaio.

Il Miur ci ha provato inutilmente, tocca al Parlamento abolire le classi pollaio

Il Miur ha provato a chiedere quasi lo stesso numero di docenti assunto per l’anno scolastico 2017-18 (57.322). Purtroppo il tentativo non ha avuto esito positivo. Si legge nel suddetto comunicato che la richiesta del Miur non considerava  “la marcata riduzione delle iscrizioni degli alunni, registrata specie nell’ultimo biennio, connessa con il calo della natalità“.
E’ indubbio che il personale docente in più avrebbe contribuito a ridurre il fenomeno delle classi pollaio. Scontro tra le esigenze pedagogiche e quelle legate alle compatibilità economiche? Sicuramente. Ribadisco, però che il Mef non ha una funzione legislativa.
Solo il Parlamento può abrogare una legge, migliorarla… In altri termini la responsabilità è politica.
A breve sapremo se  la proposta di legge- Azzolina sarà inserita nella prossima legge di bilancio. La maggiore opposizione  alla proposta è di tipo economico.
Per ovviare al rilievo il Presidente della commissione Cultura On. Luigi Gallo ha dichiaratoAbbiamo presentato un progetto di legge per affrontare nel complesso classi pollaio. Sappiamo che ha bisogno di molte risorse e infatti, stiamo lavorando ad una rimodulazione per intervenire sulle problematiche principali, dove il fenomeno si presenta più forte. Intervenire sulle emergenze e con cifre non elevatissime”.
Staremo a vedere se la politica porrà un’attenzione concreta al disagio che esiste in molte classi, dovute al loro sovraffollamento.

Classi pollaio, le sentenze non possono abolirle

Classi pollaio

Classi pollaio. Solo il Parlamento può abolirle!

Classi pollaio, sono numerose le sentenze che sanciscono le criticità costituzionali della legge 133/08 e quindi del conseguente D.P.R. 81/09. Purtroppo non hanno la forza di legge! Non resta che attendere che il Parlamento abroghi le classi pollaio.

Continua a leggere

Abolizione classi pollaio, finalmente si comincia ma in salita

Abolizione delle classi pollaio

Finalmente si parte. Il cammino è lungo e difficile. Tanti gli oppositori!

Abolizione classi pollaio, finalmente la proposta di legge ( prima firmataria  l’On. Lucia Azzolina) ha “lasciato il parcheggio”. Le posizioni politiche sono chiare. Il problema sarà “stanare” gli oppositori.

Abolizione classi pollaio, è iniziato l’iter parlamentare

Abolizione classi pollaio, finalmente un segnale di vita. E’ iniziato l’iter parlamentare che dovrebbe concludersi con l’espulsione dal sistema formativo della più significativa entrata a gamba tesa del “finanzcapitalismo” (L. Gallino). L’impresa non sarà facile! Lo ha dichiarato la stessa Onorevole Azzolina: Sarà una dura lotta ridurre il numero degli alunni per classe, ma con caparbietà e passione ci proveremo nel corso di questa legislatura. L’avversario è culturale e si basa sulla convinzione che la formazione di qualità non è una priorità per il nostro Paese. E’ un discorso da salotto, confinato nei convegni, corsi di aggiornamento. La totale separazione rispetto a un contesto scolastico complesso  (= aula), ci restituiscono un concetto insignificante.

Continua a leggere

Classi pollaio, finalmente qualcosa si muove!

Classi pollaio

Finalmente abbiamo un disegno di legge parlamentare. Si faccia presto!

Classi pollaio, finalmente  è stato presentato un disegno di legge da parte del M5S. Non sarà facile farlo approvare! Esiste, però una soluzione!

Classi pollaio una proposta di legge

Classi pollaio, dopo tante discussioni e una uscita infelice del Ministro Bussetti (audizione del 1 agosto 2018), abbiamo un disegno di legge. Preoccupa che la proposta sia stata firmata da alcuni deputati del M5S e non sia di iniziativa governativa. La conferma di un certo disinteresse da parte del governo e del Ministro Bussetti?
In sintesi: si prevedono classi con 22-23 alunni senza diversamente abile. In caso di sua presenza si scende a 20 alunni. E’ sostanzialmente la proposta L.I.P.!
L’elemento interessante della proposta di legge è la quantificazione dei costi: “338.500.000 euro per l’anno 2019, a 1.180.000.000 di euro per l’anno 2020, a
1.715.100.000 euro per l’anno 2021 e a 2.130.000.000 di euro a decorrere dall’anno 2022” Seguono le indicazioni per le coperture.
Sarà un cammino lungo e difficile, tenendo presenti i costi anche se coperti. Purtroppo Il Parlamento non è sempre propenso a votare provvedimenti di spesa, quando si tratta dell’istruzione!

Un suggerimento per un rapida approvazione

Aggiungo: perché non inserirla nella legge di Bilancio (proposta Anief) come fece la Gelmini con la sua riforma? Questa, infatti, costituì una parte di una legge importante (L.133/08), divenendo in tempi brevi norma dello Stato italiano. La decisione, inoltre, esprimerebbe la volontà, soprattutto del governo,  di realizzare un punto importante del suo programma per la scuola.