Archivi tag: PD

Classi pollaio, l’alleanza ormai naturale tra FI e PD

Classi pollaio

Classi pollaio, la conferma della “strana coppia”

Classi pollaio, bene ha fatto l’On. Lucia Azzolina a ricordare le responsabilità di FI. In clima di par condicio aggiungo anche quelle del Pd. L’On. Ascani ha confermato recentemente la perfetta sintonia della “strana coppia” tra FI e PD.

Classi pollaio, ottimo l’affondo di Lucia Azzolina

Classi pollaio, sono chiare le posizioni. Da una parte la Proposta di legge Azzolina si pone l’obiettivo di riportare la scuola nell’alveo costituzionale. Dall’altra invece, abbiamo la “strana coppia” (spiegherò più avanti la determinazione) composta da FI e Pd che fanno muro.
Bene ha fatto l’On. Azzolina a evidenziare le responsabilità di FI. In una recente intervista alla provocazione  “Aprea spiega inoltre che l’automatismo che farebbe sdoppiare la classe in presenza del venticinquesimo alunno costerebbe alcuni miliardi che non ci possiamo permettere e che le classi con pochi alunni piacciono tanto ai prof ma non agli studenti”, ha replicato “La proposta di legge indubbiamente comporta un impegno economico: Forza Italia parla di costi perché il loro approccio con la scuola è sempre stato quello di un settore dal quale andare a reperire risorse, per noi del MoVimento 5 Stelle è un investimento necessario e utile per la nostra società e la nostra economia, ripeto. Non ricordo che la deputata Aprea si sia preoccupata così tanto degli 8 miliardi che dieci anni fa l’allora ministra Gelmini sottrasse alla scuola.”

FI e PD, la “strana coppia”

La risposta è incompleta. Non poteva essere diversamente, considerando il meccanismo generale dell’intervista che non consente divagazioni. Quindi assumo il compito di integrare i fatti presentati da L. Azzolina.
L’avvio della discussione della Proposta di legge-Azzolina ha confermato l’esistenza della strana coppia: FI e PD. L’alleanza dei due partiti è storicamente innaturale. Da una parte la Destra ha sempre rivendicato il diritto allo studio formale (art. 34 “la scuola aperta a tutti”) e nello stesso tempo l’esigenza di un’apertura del sistema scolastico alla competizione, al mercato. Da queste premesse si comprendono le scelte del governo Berlusconi II (2001-2006) che ha inaugurato la politica dei tagli ( meno insegnanti, meno ore di lezioni). Il punto più alto è stato raggiunto dalla destra con la riforma Gelmini/Tremonti (2008-09).
Storicamente la sinistra, invece ha sempre difeso i diritti sociali come l’istruzione, avendo come punto di riferimento l’art. 3 comma 2 della Costituzione. Questo posizionamento ha generato “la stagione del diritto sostanziale all’istruzione” con la nascita della scuola media unica (1963), della scuola materna statale, ora dell’infanzia (1968), l’avvio della sperimentazione del tempo pieno (1971) e la formalizzazione del principio della diversità come caratteristica di ogni persona (1977)

PD, la scelta di rinnegare la propria identità

Bene, dopo lo sciagurato annuncio di W. Veltroni (2007) di un partito aperto, il Pd si è liquefatto, tradendo la sua identità storica. Gradualmente ha assunto il finanzcapitalismo come nuovo paradigma.
L’ultimo esempio è rappresentato dall’intervento dell’On. Ascani che, invece di difendere il diritto sociale dell’istruzione, conferma la posizione di V. Aprea (FI) sulla insostenibilità economica dell’abolizione delle classi pollaio. L’esponente del Pd, infatti ha dichiarato:” Per affrontare l’argomento, sarebbe più utile se la Commissione impiegasse uno strumento diverso, ad esempio una risoluzione per impegnare il Governo a trovare rimedio al problema delle classi sovraffollate: e preferibilmente dopo aver effettuato uno studio di fattibilità preventivo che verifichi l’attuabilità, in termini di risorse non solo
finanziarie ma anche umane e strumentali, della riduzione del numero di alunni
per classe” .
“Era già tutto previsto” (R. Cocciante).  Non poteva provenire un messaggio diverso da un partito che non si è mai preoccupato di superare la Riforma Gelmini/Tremonti (dichiarazione recente  della stessa Gelmini). Anzi l’ha aggiornata in peggio, istituendo le classi super-pollaio (Legge di stabilità art.1 comma 333). Quest’ultima decisione ha dato concretezza a quanto scriveva il filosofo ultra-marxista E. Bloch : “Per far passare le peggiori riforme della destra. è sufficiente colorarle di rosso, storicamente il colore della sinistra”.

Il corteggiamento degli insegnanti un’arma spuntata e pericolosa

Il corteggiamento degli insegnanti

Il corteggiamento degli insegnanti è una strategia inefficace. Pericolosa per la democrazia.

Il  corteggiamento degli insegnanti è ripreso. I risultati concreti, però rivelano l’uso strumentale dell’approccio politico. E’ in gioco la partecipazione! Senza questa, la democrazia salta. Non è una bella prospettiva!

 

Continua a leggere

Nicola Zingaretti e l’ambiguità del termine “aumento”

Nicola Zingaretti

“Aumenterò lo stipendio agli insegnanti”Una dichiarazione inutile di Nicola Zingaretti,

Nicola Zingaretti ha iniziato al sua campagna elettorale. L’obiettivo è divenire il nuovo segretario del Pd. Ovviamente si rivolge agli insegnanti, utilizzando l’espressione “aumento” in modo ambiguo e senza tener presente il contesto.

Continua a leggere

Cyberbullismo a scuola. Finalmente abbiamo un’informazione certa,ma…

Cyberbullismo a scuola

Cyberbullismo a scuola. il Ministero è in grave ritardo!

Cyberbullismo a scuola. Il Miur finalmente esce dalle dichiarazioni vaghe, fatte di luoghi comuni e proclami di vario genere. Per certo sappiamo che siamo ancora ai nastri di partenza. Eppure la legge 71/17 prevede un cronoprogramma molto serrato.

Cyberbullismo a scuola. L’intervista del Ministro

Nelle settimane precedenti ho pubblicato alcuni articoli (  La legge antiCyberbullismo, la legge è fatta!   , Cyberbullismo, il solito copione del Miur , Audizione, il cenno… ) attraverso i quali chiedevo al Miur notizie sull’applicazione della legge 71/17 ( tavolo tecnico, linee guida…).
Finalmente, attraverso La Rivista online “Il Paese delle donne” abbiamo un’informazione.
Alla domanda “È soddisfatta della normativa attuale per contrastare il bullismo? Cosa può concretamente fare la scuola?”, il Ministro risponde ” Sì, sono soddisfatta. Anche se naturalmente possiamo e dobbiamo sempre fare di più. Il provvedimento mette al centro la tutela delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi, in un’ottica di prevenzione, a partire dalla scuola che deve essere il luogo principale di formazione, inclusione e accoglienza. Per questo, in attuazione della legge, a breve convocheremo il tavolo tecnico interistituzionale che dovrà realizzare un piano condiviso. Siamo, inoltre, al lavoro per la stesura delle linee guide di contrasto al cyberbullismo e per realizzare una mappatura di tutte e tutti i docenti referenti per il bullismo nelle istituzioni scolastiche.          

La peggiore delle conferme

Applicando i criterio della velocità, tanto cara a M. Renzi, è possibile affermare che la macchina abilitata per contrastare il cyberbullismo è ancora ferma. Non è una buona notizia! E’ vero che tra la pubblicazione di un articolo e  l’intervista (in questo caso) i tempi possono essere variamente lunghi. Questo vale per il cartaceo. “Il Paese delle donne” è una rivista online e l’intervista è datata 19 settembre 2017. Pertanto i tempi sono sicuramente più brevi. Comunque, rispetto al cronoprogramma siamo in ritardo.
Cosa prevede la legge 71/17, pubblicata in G.U. il 18 giugno?
Tavolo tecnico : “Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri,
da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, è istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, il tavolo tecnico per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo…”

Linee guida ” Per l’attuazione delle finalità di cui all’articolo 1, comma 1, il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, sentito il Ministero della giustizia – Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge adotta linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo nelle scuole, anche avvalendosi della collaborazione della Polizia postale e delle comunicazioni, e provvede al loro aggiornamento con cadenza
biennale.”

Una breve riflessione

Cosa dire? Solo sconcerto e tanta rabbia! Considerata la posta in gioco: il futuro dei nostri figli! Esagerato, qualcuno obietterà! Non credo, la politica quando vuole decide rapidamente ( salvataggio banche, legge Fornero…). E’ la prova che alla politica, quella che deve applicare le leggi, è distratta da altre priorità, diverse dalla cura per i nostri figli. Eppure il Ministro, nella suddetta intervista risponde ” Sì, sono soddisfatta. Anche se naturalmente possiamo e dobbiamo sempre fare di più” . Seguono poi le mancate e veloci applicazioni. E qui il Ministro, probabilmente dimentica che il suo Ministero ha “la pistola in mano” per sparare il colpo che faccia partire la macchina- anticyberbullismo.