Archivi tag: PNSD

Gli “occhi spenti” del cyberbullo

 

Gli "occhi spenti" del cyberbullo

Occorre “aprire” nuovamente gli occhi per far entrare le persone dentro di noi.

 

Gli “occhi spenti” del cyberbullo. L’alfabetizzazione emotiva, l’empatia passa attraverso gli occhi. E’ necessario guardarsi “occhi negli occhi” per accorgersi che esiste un mondo fuori, oltre il nostro io. E tutto questo manca spesso ai nostri ragazzi. Sicuramente al cyberbullo!

Alfabetizzazione emotiva, l’importanza degli occhi

 Si legge nell’interessante lavoro “Dalla balena blu al cyberbullismo  ( Imprimatur, 2017) “Il cyberbullo manca di empatia in misura ancora maggiore rispetto al bullo tradizionale, e questo a causa di uno specifico processo fisiologico… Diversi studi hanno mostrato che gli occhi contengono proiezioni nervose in grado di condurre gli stimoli direttamente alla corteccia orbifrontale, un astruttura cerebrale chiave per quanto riguarda la capacità di provare empatia e di condividere le emozioni degli altri. Prestandoattenzione all’altro, guardandolo attentamente, si attivano i cosidetti neuroni specchio, che stimolano in noi emozioni simili a quelle dell’interlocutore”
In sintesi, i nostri occhi guardano un monitor, un  display, ma sono “spenti”, incapaci di cogliere sensazioni, affetti…

Cosi vicini, ma così lontani

Ogni giorno, ora e istante incontriamo persone connesse, catapultate nel mondo viruale. Sono fisicamente presenti nel mondo reale, ma assenti come persone.  La loro componente cognitiva, emotiva, affettiva sociale è da un’altra parte. Immersa in una dimensione dove tutto è facilitato (ricerca di informazioni, relazioni poco impegnative…)  I corpi sono involucri vuoti, privi di umanità. I sensi sono “spenti”. Non si percepisce l’odore dell’altro, non si coglie fonicamente le loro emozioni, non si “cattura” la loro mimica facciale.

 

Il cyberbullo ” è un nostro figlio”

Da qui non è difficile capire che il cyberbullo è ” un nostro figlio”. Egli è incapace di “sentire”, percepire l’altro.  E’ “il risultato” di un contesto che preferisce uscire da questo mondo, “staccare ogni contatto” (=morire) con la complessità della vita. Si preferisce un contesto virtuale dove il narcisismo  è alimentato constantemente. L’altro è solo uno strumento per verificare l’area colonizzata dal nostro io. Il “cogito ergo sum” (R. Descartes) potrebbe essere declinato oggi in “I like, ergo sum”. In una recente pubblicazione V. Paglia” ha parlato del ” Crollo del noi“. Ogni mezzo è perseguito, anche quello lacerante, distruttivo per l’altro, per soddisfare i nostri impulsi egoici, autocentrati.  Un individualismo leggero, privo della componente umana  e quindi esposto al Nulla, logicamente preferisce relazioni liquide, disimpegnate attraverso un monitor, un display. In questo modo si contrae la nostra capacità di “sentire” ( favorita dai nostri sensi) l’umanità dell’altro. Non meravigliano frasi dei cyberbulli, quando colti dalla Polizia Postale: ” Non pensavo di far male! “, “Era solo un gioco!”.

Tornare ai “nostri sensi”, soprattutto ai nostri occhi

Molto utili gli incontri sulle procedure da evitare nella navigazione nel Web. Negli incontri che tengo, ricevo la conferma di quanto siano sprovveduti i nostri “nativi digitali”.  Questi però devono essere integrati da una ” ripresa della componte socio-affettiva” da parte dei genitori e della scuola. Tradotto: rimettere al centro i nostri sensi come “porte ” da tenere sempre aperte per far entrare l’altro. E’ necessario ridare valore all”alfabetizzazione emotiva espressa molto bene dal testo di Panella (“Gli occhi negli occhi”). Questo è inserito nella splendida Aria di R. Cocciante (Opera popolare “Giulietta e Romeo), dove con i dovuti distinguo, sono rimessi al centro i sensi, vie obbligate per la “risurrezione dell’altro”.
Cercare gli occhi con gli occhi e dentro gli occhi cercare
il primo amore da fare e farlo come lo sai
che con lo sguardo lo fai tra gli occhi e gli occhi suoi
Con l’occhio nudo di chi non ha prudenza di se
e dice tutto com’è, la sofferenza e la gioia
e la distanza si fa immensa intimità
Li vedi gli occhi con gli occhi
negli occhi ma…
Ma poi non bastano gli occhi e non ti basta il pensiero
e vuoi la voce all’orecchio e vuoi toccare con mano
e vuoi vedere che vedi ad occhi chiusi tu
Li vedi gli occhi con gli occhi
negli occhi ma…
Cercare gli occhi con gli occhi e dentro gli occhi cercare
il primo amore da fare e farlo come lo sai che con lo sguardo lo fai tra gli occhi e gli occhi suoi”

   

 

Ottimizzazione, ora tocca al contratto giuridico

Ottimizzazione

Ottimizzazione una parola per nascondere la dura realtà


Ottimizzazione, è un termine molto utilizzato. Spesso per nascondere la realtà.

L’espressione rimanda ad una doppia situazione: migliorare la produttività aumentando i carichi di lavoro, lasciando invariato o quasi il compenso dei lavoratori. Il copione rischia di ripetersi anche sul prossimo contratto per la scuola.

Ottimizzazione è già una realtà

Ho più volte scritto che l’entrata a scuola dell’economia finanziaria, ha portato solo problemi al sistema formativo. La”Metafisica della economia finanziaria” (Settis) si declina con alcune espressioni. Ottimizzazione è la parola più utilizzata. Il fine è quello che di nascondere la cruda realtà: conseguire il massimo dei risultati, massimizzare l’utilizzo delle risorse umane e  contenendo i costi per il personale.
Bene, come ho scritto sopra, questa realtà è già presente nella scuola, attraverso le figure dell’Animatore digitale, del Team per l’innovazione, del referente Cyberbullismo,  del commissario per il concorso-Scuola…

Dopo il contratto economico, tocca a quello giuridico

Questo modello si sta “impadronendo” anche del C.C.N.L. La prima “vittima” è il contratto economico che propone un aumento (difficile condividere il senso di questo termine), un adeguamento stipendiale, fermo da otto anni. 
Ma per concludere il processo di ottimizzazione occorre intaccare anche il secondo polo: le risorse umane.
L’altro giorno su diversi siti, come Orizzontescuola.it, è comparsa la netta opposizione della Gilda ad un aumento dell’orario di servizio (= massimizzazione delle risorse umane). 
Sul portale Tecnicadellascuola.it si può leggere la seguente dichiarazione di R. Di Meglio:
è stato un primo incontro introduttivo, ma il nostro sindacato ha voluto mettere subito in chiaro che ci opporremo strenuamente a qualunque tentativo di aumentare l’orario di lavoro dei docenti che già sono costretti a trascorrere molto tempo a scuola senza ottenere alcun riconoscimento professionale né retributivo
Altre  sorprese sono possibili da parte di un governo di sinistra che ha deciso di portare avanti politiche di destra. Scriveva l’ultra marxista E. Bloch che la destra per portare avanti le sue politiche deve solo colorarle di rosso. 

Una difficile trattativa, occorre un sindacato propositivo

Da quest’ ultima dichiarazione si ha la conferma di quanto sarà dura e difficile la trattativa. Non si arriverà a breve alla firma. Ma per questo risultato occorre un sindacato propositivo e battagliero che faccia gli interessi dei lavoratori L’impresa è diventata difficile, dopo la firma dell’intesa del 30 novembre che ha formalizzato la “mancetta” degli 85€ lordi nel triennio e non per tutti ( si legga parte 3 lettera c dell’intesa) . Eppure il sindacato può ancora tornare indietro ed evitare un contratto non dignitoso per la categoria. Semplicemente alzandosi dal tavolo e abbandonare la trattativa. Purtroppo alcuni segnali, provenienti soprattutto dalla Cisl non fanno ben sperare. Ha dichiarato M. Gissi, segretario generale della Cisl ” Dopo dieci anni di attesa si è finalmente avviata la trattativa per il rinnovo del contratto della scuola. Puntiamo a chiudere l’intesa, se possibile, entro Natale, partendo dall’ accordo del 30 novembre, per noi imprescindibile”. Che dire? 

 

 

Gli smartphone. Tra il Garante e il Ministro c’è la “Culpa in vigilando”

Gli smartphone a scuola

Gli smartphone a scuola


Gli smartphone in classe. Il Ministro sembra abbia deciso. Questo però pone dei problemi di gestione per gli insegnanti. Essi devono tener conto delle indicazioni del garante della Privacy. Come sempre loro dovranno conciliare le posizioni. E dovranno farlo con molta attenzione e professionalità.

Gli smartphone. La dichiarazione del Ministro

Valeria fedeli ha rilasciato un’intervista al quotidiano “La Repubblica“, riguardante gli smartphone a scuola” È uno strumento che facilita l’apprendimento, una straordinaria opportunità che deve essere governata. Se lasci un ragazzo solo con un tablet in mano è probabile che non impari nulla, che s’imbatta in fake news e scopra il cyberbullismo. Questo vale anche a casa. Se guidato da un insegnante preparato, e da genitori consapevoli, quel ragazzo può imparare cose importanti attraverso un media che gli è familiare: internet. Quello che autorizzeremo non sarà un telefono con cui gli studenti si faranno i fatti loro, sarà un nuovo strumento didattico” ( ho evidenziato le parti più significative)

La posizione del Garante

” L’utilizzo di telefoni cellulari, di apparecchi per la registrazione di suoni e immagini è in genere consentito, ma esclusivamente per fini personali, e sempre nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali delle persone coinvolte (siano essi studenti o professori) in particolare della loro immagine e dignità.
Le istituzioni scolastiche hanno, comunque, la possibilità di regolare o di inibire l’utilizzo di registratori, smartphone, tablet e altri dispositivi elettronici all’interno delle aule o nelle scuole stesse.
Gli studenti e gli altri membri della comunità scolastica, in ogni caso, non possono diffondere o comunicare sistematicamente i dati di altre persone (ad esempio pubblicandoli su Internet) senza averle prima informate adeguatamente e averne ottenuto l’esplicito consenso.
Si deve quindi prestare particolare attenzione prima di caricare immagini e video su blog o social network, oppure di diffonderle attraverso mms o sistemi di messaggistica istantanea. Succede spesso, tra l’altro, che una fotografia inviata a un amico o a un familiare venga poi inoltrata ad altri destinatari, generando involontariamente una comunicazione a catena dei dati personali raccolti.
Tale pratica può dar luogo a gravi violazioni del diritto alla riservatezza delle persone riprese, e fare incorrere in sanzioni disciplinari, pecuniarie e in eventuali reati” ( ” A scuola a prova di Privacy“)

…In mezzo gli insegnanti e la “Culpa in vigilando”

Alcune considerazioni. La suddetta dichiarazione del Ministro “aggiorna” la circolare Fioroni ( 15 marzo 2007), superandola anche nel passaggio dove si prevedevano delle sanzioni disciplinari. E’ un passo avanti? Indubbiamente l’Istituzione scolastica deve fare i conti con il moltiplicarsi dei dispositivi alternativi al Pc Desktop  o al Laptop (Notebook).
I problemi sono due: l’impreparazione tecnologica e formativa dei docenti e la “Culpa in vigilando”.
Per quanto riguarda il primo aspetto l’introduzione degli smartphone porrà dei problemi di gestione educativa del dispositivo. Il moltiplicarsi dei dispositivi (device), infatti, non è stato accompagnato da una formazione profonda dei docenti. In questo caso Il PNSD è l’ultimo esempio di una fiducia miracolistica verso i dispositivi.
Occorre chiedersi: qual è la relazione tra il loro utilizzo e i processi cognitivi? Su quali aspetti formativi occorre puntare? Quale configurazione di persona vogliamo realizzare? A queste domande occorre aggiungere anche il dato preoccupante che tra gli insegnanti ( e non solo) si registra un preoccupante anafabetismo informatico (conoscenza di procedure).
Quest’ultimo apre al secondo elemento di discussione: la relazione il cyberbullismo e la “culpa in vigilando” ( 2048 Codice civile).
La Legge 71/17 ( 18 giugno) ha il grande pregio di aver introdotto nel nostro ordinamento il profilo del cyberbullo, gli impegni dei diversi soggetti coinvolti e le sanzioni.
E’ una buona legge che tiene presente l’art. 2048  e le disposizioni del Garante. “L’armonia giuridica” verrà sicuramente alterata con il moltiplicarsi esponenziale dei rischi, inerenti le foto o i video privati fatti a scuola dagli studenti minorenni e inviati nel Web. Per gli insegnanti distratti le possibilità di incorrere nella “Culpa in vigilando” aumentano in modo significativo ( ricreazione, cambi di presenza, bagni…), tenendo presente anche il profilo duale del nativo digitale che ritiene lecito, normale,  offendere in Rete ( Ricerca dell’università La Sapienza-Roma) in quanto manca la fisicità, che invece caratterizza le relazioni quotidiane.
Concludendo. Altri impegni, nuovi e vecchi rischi caratterizzeranno l’attività del docente.