Archivi tag: Politica

Assunzioni docenti, la correttezza formale del Mef, rimangono però…

Assunzioni docenti

Assunzioni docenti, corretta la decisione del Mef. Spetta alla politica abolire, migliorare le leggi…

Assunzioni docenti, meno rispetto alle richieste del Miur. Decisione corretta del Mef, che applica le disposizioni di legge  che hanno formalizzato le classi pollaio. Solo il Parlamento ha funzioni legislative. Quindi la responsabilità è politica.

Assunzioni docenti, la correttezza formale del Mef

Assunzione docenti, il Mef ne ha autorizzate 53.627. Il Miur ne aveva richieste cinquemila in più. Si legge nel comunicato stampa n°144 del 29.07.2019: ” Al riguardo, il MEF ha più volte evidenziato quanto previsto dal DPR 20 marzo 2009, n. 81 e, in particolare, che le dotazioni organiche complessive e la distribuzione delle stesse tra le regioni sono definite specificamente in base al grado di densità demografica e alla previsione dell’entità e della composizione della popolazione scolastica.”
Decisione quindi formalmente corretta e rientrante tra i suoi doveri di rispettare e applicare la normativa vigente. E qui mi riferisco a quella citata dal comunicato (D.P.R.81/09) che discende dalla legge 133/08. Entrambi i provvedimenti voluti dal duo Gelmini-Tremonti che hanno formalizzato il taglio di 87.000 docenti e l’innalzamento di un punto in percentuale del rapporto numero alunni per classe. Dal suddetto combinato sono nate le classi pollaio.

Il Miur ci ha provato inutilmente, tocca al Parlamento abolire le classi pollaio

Il Miur ha provato a chiedere quasi lo stesso numero di docenti assunto per l’anno scolastico 2017-18 (57.322). Purtroppo il tentativo non ha avuto esito positivo. Si legge nel suddetto comunicato che la richiesta del Miur non considerava  “la marcata riduzione delle iscrizioni degli alunni, registrata specie nell’ultimo biennio, connessa con il calo della natalità“.
E’ indubbio che il personale docente in più avrebbe contribuito a ridurre il fenomeno delle classi pollaio. Scontro tra le esigenze pedagogiche e quelle legate alle compatibilità economiche? Sicuramente. Ribadisco, però che il Mef non ha una funzione legislativa.
Solo il Parlamento può abrogare una legge, migliorarla… In altri termini la responsabilità è politica.
A breve sapremo se  la proposta di legge- Azzolina sarà inserita nella prossima legge di bilancio. La maggiore opposizione  alla proposta è di tipo economico.
Per ovviare al rilievo il Presidente della commissione Cultura On. Luigi Gallo ha dichiaratoAbbiamo presentato un progetto di legge per affrontare nel complesso classi pollaio. Sappiamo che ha bisogno di molte risorse e infatti, stiamo lavorando ad una rimodulazione per intervenire sulle problematiche principali, dove il fenomeno si presenta più forte. Intervenire sulle emergenze e con cifre non elevatissime”.
Staremo a vedere se la politica porrà un’attenzione concreta al disagio che esiste in molte classi, dovute al loro sovraffollamento.

La previsione ottimistica del Ministro è stata smentita

Ministro

Il Ministro smentito? Non eviterà, pare, il contributo per le riforme-spot

Il Ministro aveva dichiarato, quasi sperando, che l’istruzione sarebbe rimasta fuori dall’inevitabile “tsunami” fatto di risparmi e tagli per coprire le riforme-spot. E invece, come era facilmente prevedibile, la scuola si conferma un bancomat.

La dichiarazione ottimistica del Ministro

Scrivevo qualche settimana fa: “Il Ministro Bussetti ha dichiarato a M. Giannini:”Credo proprio che tagli alla pubblica istruzione non ce ne saranno“. La suddetta dichiarazione però, a differenza di altre, presenta una prospettiva: nessun taglio per l’istruzione! Punto… È sicuramente una buona notizia, se teniamo conto dello “tsunami economico” che l’amministrazione pubblica subirà, per finanziare flat tax, reddito di cittadinanza e riforma della legge Fornero.”

Una speranza delusa

L’auspicio purtroppo è rimasto tale. Le riforme-spot (Reddito di cittadinanza, Riforma della legge Fornero e flat tax), in presenza di un debito pubblico superiore al 100%, non possono essere indolori nei costi. Queste potranno essere realizzate grazie al mix di risparmi e tagli. Inevitabilmente i destinatari sono anche i Ministeri e in generale la Pubblica Amministrazione. Tra questi ovviamente c’è anche il Miur.
Pare che il comparto Istruzione dovrà contribuire con un taglio di 110 milioni di €, che riguarderà il dimezzamento delle ore di alternanza, la riduzione del 20% della carta docente e  del Fondo di finanziamento degli istituti

Il commissariamento del Miur 

Lo avevo previsto! “La manovra del popolo” avrà ricadute negative sulla scuola. Il Miur sarà commissariato dal Mef. Non potrà spendere, effettuare investimenti e attuare riforme costose. Un esempio: le classi pollaio! La loro abolizione ha dei costi crescenti, così come riportato dal relativo disegno di legge. All’art. 1 si legge: ” 338.500.000 euro per l’anno 2019, a 1.180.000.000 di euro per l’anno 2020, a 1.715.100.000 euro per l’anno 2021 e a 2.130.000.000 di euro a decorrere dall’anno 2022
Considerato quindi il contesto, il Ministro Bussetti si limiterà a proporre soluzioni a costo zero. E l’approccio del “cacciavite” alle riforme risulta coerente con la situazione. Si effettuano aggiustamenti che non comportano costi.

Una breve considerazione

Se queste ipotesi saranno confermate nella legge di Bilancio 2019, allora potremo affermare che la scuola continuerà a contare poco. Come al solito! Nonostante i tanti moniti, anche autorevoli. L’ultimo in ordine di tempo del governatore Visco.
Si potrà dire che questo governo guarda molto al “futuro politico”, che ha uno sviluppo temporale di cinque anni. Al termine del quale, deve esibire i risultati prodotti. La formazione, invece, ha tempi più lunghi. Il suo futuro prevede una prospettiva più lunga che non coincide con la durata di una legislatura.
Il “#cambioverso”  risulterà un hashtag vuoto, ma utile per la campagna elettorale. Cosa ci rimane? Un pugno di mosche!