Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

“Blue Whale”. Parlarne, non parlarne? Ne parlo… con la Polizia Postale


L’altro giorno ho scritto quello che penso sul fenomeno idiota – dal nostro punto di vista –  e inquietante – per i ragazzi – della “Balena blu”  (“Blue Whale”) . Ho evidenziato il vuoto educativo lasciato dai genitori, occupato immediatamente da altri soggetti, tenendo presente che i nostri ragazzini, nel processo di desatellizzazione ( autonomia psicologica, affettiva, relazionale… dalla famiglia ) chiedono con modalità diverse e distanti da quelle tradizionali una guida, un punto di riferimento, mosso dal suo bisogno di diventare un “io” solido, un’identità definita.
Bene, qualcuno mi ha invitato di non parlarne troppo, oppure ha evidenziato la probabile bufala del fenomeno, smentita quest’ultima dalla presa di posizione della Polizia postale
Personalmente sono convinto che sia necessario parlarne, senza eccessi e sensazionalismi, perché ritengo che la comunità educante – in primis i genitori – debba pedagogicamente “riprendersi i propri figli”, liberarli dalla solitudine nella quale si trovano di fronte alle diverse situazioni. E’ necessario essere presenti in modo “arioso”, non asfissiante, per favorirne l’autonomia, che diventa comportamento responsabile solo dopo aver fornito loro gli strumenti e i mezzi per “camminare nel mondo”.
E il primo passo di questo riavvicinamento è il presentare le situazioni, indicandone le responsabilità e le soluzioni. Lo stesso comportamento ho adottato per il cyberbullismo, il grooming ( adescamento sessuale online )…
Detto questo,  propongo le regole pubblicate dalla Polizia postale per gestire il fenomeno della “Blue Whale”, non dimenticando di ricordare che è necessario che i genitori diventino una guida informatica autorevole,  che rimanda ad un bagaglio conoscitivo e procedurale profondo.
PER I RAGAZZI

  • Ricordate che nessuna sfida con uno sconosciuto può mettere in discussione il valore della vostra vita: segnalate sul sito www.commissariatodips.it chi cerca di indurvi a farvi del male;
  • Se anche vi siete lasciati convincere, non siete obbligati a proseguire: parlatene con qualcuno e chiedete aiuto;
  • Se un vostro amico dice di essere una balena blu (o una “blue whale”) o di essere un “curatore” per lo stesso “gioco”, parlatene subito con un adulto;
  • Se siete stati aggiunti su gruppi sui social che parlano di questo gioco, segnalatelo ai vostri genitori o sul sito www.commissariatodips.it.

PER I GENITORI  

  • Informatevi su che cos’è la Balena Blu;
  • Aumentate e migliorate il dialogo con i vostri figli su questo tema, ma anche sul tema della sicurezza in rete;
  • Fate attenzione ai cambiamenti d’umore che potrebbero avere i vostri bambini: dal rendimento scolastico alla capacità relazionale, al ritmo sonno veglia. Guardate se sul corpo compaiono delle lesioni e ricordate che alcune prove prevedono di svegliarsi alle 4,20 del mattino per vedere video horror e ascoltare musica triste. Se pensate che vostro figlio sia vittima di questo “gioco” potreste pensare di controllare le sue attività a quell’ora;
  • Se avete dei sospetti, parlate senza esprimere dei giudizi ma cercando di capire cosa stia succedendo ai vostri figli;
  • Se vostro figlio vi racconta che c’è un compagno che partecipa alla sfida o che fa il curatore, parlatene alla famiglia, oppure recatevi all’ufficio di Polizia, o segnalate sul sito www.commissariatodips.it.