Archivi tag: Poteri forti

La “rana bollita” la metafora del nostro tempo

"La rana bollita"

L’adattarsi a lungo andare non paga.

“La rana bollita”, il principio che caratterizza il nostro tempo. Si declina in adattamento, in un accontentarsi, chiudendo la prospettiva del futuro. E quando all’uomo togli l’orizzonte lungo, la prospettiva, egli è un “Walking dead”( “un morto che cammina”)

“La rana bollita”

Immaginate un pentolone pieno d’acqua fredda nel quale nuota tranquillamente una rana. Il fuoco è acceso sotto la pentola, l’acqua si riscalda pian piano. Presto diventa tiepida. La rana la trova piuttosto gradevole e continua a nuotare. La temperatura sale. Adesso l’acqua è calda. Un po’ più di quanto la rana non apprezzi. Si stanca un po’, tuttavia non si spaventa. L’acqua adesso è davvero troppo calda. La rana la trova molto sgradevole, ma si è indebolita, non ha la forza di reagire. Allora sopporta e non fa nulla. Intanto la temperatura sale ancora, fino al momento in cui la rana finisce – semplicemente – morta bollita.
Se la stessa rana fosse stata immersa direttamente nell’acqua a 50° avrebbe dato un forte colpo di zampa, sarebbe balzata subito fuori dal pentolone.❞

La metafora del nostro tempo

A volte la complessità del nostro tempo, si rivela più semplice. Ci sono delle metafore, principi che riescono a sintetizzarla perfettamente. E’ il caso  della “rana bollita”.
Viviamo in un tempo caratterizzato dalle “passioni tristi” ( B. Spinoza”), dalla presenza di “monadi senza finestre”( T. Hobbes”), da esistenze inautentiche caratterizzte dal “si dice” ( M. Heidegger). Tutti questi scenari hanno un punto di sintesi, declinato nella capacità di adattarsi, di accettare l’ immutabilità della realtà, la sua irreversibilità. Nessuno ci impone direttamente questo scenario, ma attraverso impercettibili novità a “sottrazione di diritti”, il potere impersonale colonizza le nostre menti, il nostro linguaggio; Le emozioni, i sentimenti  diventano liquidi, perché privati della pesantezza della fisicità. Il punto terminale è la morte dell’uomo, la perdita della sua identità.

M. McLuhan, grande anticipatore del disagio dell’uomo 

Scrive Marshall McLuhan, noto studioso degli effetti della comunicazione: ” Archimede disse una volta:’ datemi un punto di appoggio e solleverò il mondo’. Oggi ci avrebbe indicato i nostri mezzi di comunicazione elettronici dicendo ‘Mi appoggerò ai vostri occhi, alle vostre orecchie, ai vostri nervi e al vostro cervello, e il mondo si sposterà al ritmo e nelal direzione che sceglierò io. Ma una volta che abbiamo consegnato i nostri sensi e i nostri sistemi nervosi alle manipolazioni di coloro che cercano di trarre profitti prendendo in affitto i nostri occhi, le orecchie e i nervi, il risultato è che noi non avremo più diritti

Eppure…

Ritengo ancora non conclusa l’avventura umana, irretita da un opprimente onnipresente, che morfinizza ogni “altrimenti”, “oltre”. Ma questa energia carsica deve divenire movimento collettivo.
In tal senso deve essere letto quanto scrive P . Coelho:
Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni. P. Coelhio)

 

Scioperi continui. Uno soluzione purtroppo non più proponibile

 

 

Scioperi

Grande stagione di scioperi, manifestazioni, astensione dalle operazioni degli scrutini. Mi riferisco alla firma dello storico contratto 1988-90 ( v. Report) Oggi quello scenario è improponibile.

Il contesto

Parliamo di un periodo ormai consegnato alla storia. Con i suoi 27-29 anni possiamo affermare che ci riferiamo a un momento lontano, non solo nel tempo, ma anche nelle condizioni. Innanzitutto, mi riferisco al contesto culturale. L’istruzione era ancora considerata una risorsa personale e sociale. La scuola era tenuta in giusta considerazione. Il Parlamento, il governo erano a fianco della scuola. Molti suoi esponenti esprimevano una cultura pedagogica, ancora non compromessa dai dettami del finanzcapitalismo ( L. Gallino). Alcuni esempi. Furono emanati per la scuola primaria (allora si chiamava elementare) i Nuovi programmi didattici (D.P.R. 104/85). Ci lavorarono docenti e veri esperti quali C. Pontecorvo, Ida Magli, T. De Mauro, M. Pellerey… Fu avviata una sperimentazione dei nuovi ordinamenti, formalizzati poi  nella legge 148/90 che recepì molte indicazioni di inclusione  contenuti nella L.517/77 ( numero alunni per classe, insegnanti di sostegno, classi aperte). Confermò, inoltre, la legge 820/71 istitutiva il tempo pieno… Nel 1991 furono approvati i nuovi Orientamenti per la scuola dell’infanzia    …
Dal punto di vista sindacale e della protesta, tutto era molto più facile. Non esisteva ancora la legge 146/90 che regolamentava il diritto di sciopero, voluta tacitamente dai confederali e chiamata poi “Anti cobas”. 

I cambiamenti

Il 1990 fu l’anno di svolta in senso peggiorativo per la scuola. Alla già citata legge antisciopero, occorre aggiungere un evento che rappresentò uno spartiacque politico, sociale e culturale: Tangentopoli. Da qui si crearono le condizioni per la legge Finanziaria di G. Amato ( Dicembre ’92) che doveva allontanare il rischio bancarotta per l’Italia. Nel 1993 fu emanato il decreto 29/93  che sostituì gli scatti biennali con quelli settennali, introdusse il criterio della “moderazione salariale” e soprattutto vincolò gli aumenti contrattuali al tasso di inflazione programmata e non più a quella reale. Per finire nel 1995 fu approvata la legge Dini che formalizzò il metodo contributo nella determinazione delle pensioni. Il resto è storia recente o quasi

Le due crisi

Prima di arrivare alle conclusioni occorre evidenziare altri elementi che hanno determinato la “crisi della scuola” e in particolare del valore-istruzione.
Innazitutto la progressiva affermazione della globalizzazione e dell’economia finanziaria che come afferma ripetutamente il filosofo marxiano e gramsciano Diego Fusaro, sta “polverizzando” tutti i diritti sociali ( lavoro, salute, scuola…), lasciando sul campo solo quelli individuali  La tesi del filosofo è confermata anche  da  studiosi  come L. Gallino.
Nel nostro Paese questo scivolamento verso la sponda liberista si è avuta con il “berlusconismo” ( individualismo, il successo facile, l’edonismo, il valore denaro, il disprezzo per le regole sociali) con la complicità di Veltroni ( il partito deve parlare alla società) e di M. D’alema che hanno preparato la strada al renzismo, e quindi alla definitiva delegittimazione del sindacato. Quest’ultimo si è dimostrato incapace di pensare altrimenti il solito scioperetto, depotenziato dalla legge 146/90, finendo per consolidare uno stato di progressivo impoverimento e marginalizzazione del ceto medio.

Conclusioni

Come ho scritto in premessa, lo scenario del 1997-2000 non è più possibile. Per tutti gli elementi presentati sopra, tra i quali spicca la legge 146/90 che ha fortemente depotenziato il diritto allo sciopero e all’astensione dagli scrutini, e il cambio di percezione del lavoro del pubblico  pubblico impiego spesso presentato come “fannullone”, “mantenuto”…
Occorre essere realisti, tener conto delle diverse gabbie normative, sociali e  culturali nelle quali ci troviamo. E’ necessario  evitare  ogni “chiamata alle armi”, che non porterebbe a nulla. E’ indispensabile proporre delle soluzioni all’interno della legalità che non sia la “puntura di spillo” dello “scioperetto” di un giorno che fa male solo alle nostre tasche. Ma per fare questo occorre “rompere” quella condizione di solitudine, di separazione nella quale ci troviamo e ben espressa dal detto “Divide et impera”. E “conditio sine qua non” dobbiamo essere supportati socialmente da un nuovo sindacato libero e quindi non compromesso.

 

 

 

 

 

Profilo docente. Tre messaggi eloquenti


Ho scritto più volte che il nostro lavoro è continuamente caratterizzato da pacche sulla spalla, ringraziamenti e iperbole. Quasi sempre queste hanno lo scopo di confonderci, di far calare la nebbia su quello che realmente pensa su di noi il contesto sociale.
A mio parere occorre, invece soffermarsi su queste situazioni, grazie alle quali emerge il nostro reale profilo.
1) L’altro giorno su La 7 si parlava di scuola. Erano stati invitati diverse personalità. Non erano presenti insegnanti.
2) La cronaca ci propone situazioni dove gli insegnanti sono contestati per i giudizi scritti sulle schede di valutazione, per i compiti assegnati nel weekend e altro ancora. A questi fatti occorre aggiungere anche una tipologia di genitore che si sente autorizzato a dire la sua sulla didattica.
3) Dopo otto anni di vacanza contrattuale il governo propone alla scuola (e non solo) un aumento (indecente) medio lordo di non meno  85€ nel triennio.
Da qui ne consegue l’immagine reale dei docenti.
Concludo questo mio breve intervento con le parole di T. De Mauro ( l’ultimo vero Ministro  competente del Miur) che aveva compreso il valore  strategico del docente (ne riporto un’immagine)

Sarà un contratto punitivo!

In queste ore già iniziano a girare le prime voci riguardanti gli atti di indirizzo che il governo consegnerà all’Aran per il confronto sul contratto economico e giuridico.
Su entrambi gli aspetti tira un’aria pesante! Ho l’impressione che si vogliano “punire” i docenti e non solo, riducendo i loro privilegi ( stipendio alto rispetto alla loro prestazione, permessi, ferie…). Andando oltre le dichiarazioni di circostanza e molto fastidiose  ( “eroi, “baluardo della democrazia”, “figura strategica”…), spesso sono presentati come privilegiati ( tre mesi di ferie in estate…) , poco produttivi, lavoratori a metà grazie al loro particolare orario di servizio, assenteisti, sfaticati…
Tutto questo giustifica il misero onere finanziario per i contratti, che rischia di essere  più esiguo, perché ad oggi la cifra stanziata (si parla di 2.400 milioni di €) non riuscirà a coprire la “promessa” di almeno 85€ lordi nel triennio, formalizzata nell’Intesa del 30 novembre 2016.
E’ l’ultimo attacco al sistema scuola (e non solo) da un contesto economico-finanziario  che non ama la formazione di persone dotate di pensiero critico!
Ha dichiarato La Uil-scuola, (la “presa in giro” sul T.U. “Madia” è opportunatamente nascosta): La direttiva generale del Governo che dovrebbe essere propedeutica all´avvio dei contratti, secondo le indiscrezioni che girano sui mass media, se confermata nella realtà, segnerebbe un notevole passo indietro rispetto all’accordo del 30 novembre e non favorirebbe la chiusura dei contratti del pubblico impiego bloccati da otto anni, anche se dobbiamo correttamente dire che ci sono aspetti positivi di cui tener conto”. “Per evitare ogni equivoco  c’è una sola condizione per concludere i contratti per noi della UIL ed è il rispetto integrale dell’accordo del 30 novembre e non le sue interpretazioni negative”.
Dichiarazione di circostanza che probabilmente non inciderà sull’esito finale: la firma del contratto più irrispettoso e non dignitoso dopo il 1990.
Ma le sorprese non finiranno qui. Si parla di rivedere in peggio, quelli che tanti considerano i nostri privilegi: i permessi orario, i giorni di salute anche in presenza di gravi patologie… Azzardo un’ipotesi: ci proporranno un orario di servizio aumentato a parità di stipendio.
Se queste sono le premesse ne vedremo di belle a settembre. A meno che il governo non voglia chiudere la vertenza contrattuale ad agosto e quindi imporre alla ripresa autunnale il nuovo contratto al mondo della scuola.  Che dire? Siamo messi male, anche solo pensando  chi metterà la firma sul documento: il sindacato!