Posted in: Scuola

Contagi e scuola, si parla tanto degli studenti. E gli insegnanti?

 

Contagi a scuola
Contagi a scuola, si parla poco del coinvolgimento sanitario dei docenti. Due ricerche preoccupano

Contagi a scuola. Le riflessioni sulle ricerche puntano i fari sugli alunni e gli studenti. Pochi sono gli studi che guardano la situazione dalla parte dei docenti.. Occorre, invece porre la stessa attenzione su di loro, tenendo conto della loro fragilità

Contagi a scuola, due ricerche presentano lo scenario docente

Contagi a scuole, esistono degli studi che focalizzano l’attenzione sul grado di diffusione dei contagi da parte degli studenti. Purtroppo non portano alle stesse conclusioni.
Pochissimi sono, invece le ricerche che presentano la situazione dalla parte dei docenti.
In tal senso risultano interessanti gli studi  gli studi di A. Ferretti  e quello pubblicato ieri da Il Corriere della Sera.
A differenza delle ricerche che trattano i contagi degli studenti, essi portano alla medesima conclusione: I docenti hanno un tasso di contagiosità maggiore rispetto alla popolazione.
Si legge nello studio di A. Ferretti, limitato alla regione Piemonte ” “la percentuale di contagi tra il personale scolastico è arrivata al 280% di quella della popolazione, il che corrisponde ad un’incidenza del contagio quasi tripla…Il fatto che l’incidenza del contagio tra il personale scolastico sia sensibilmente più alta di quella generale è indice del fatto che tale personale è più esposto al contagio rispetto alla media della popolazione. Se le scuole non fossero un luogo ove avviene il contagio, ci si aspetterebbe un’incidenza simile o inferiore a quella della popolazione. Dal momento che l’unica differenza rilevante tra il personale scolastico e la popolazione generale sta nella particolare attività lavorativa, è evidente che la causa dell’incidenza più elevata sta proprio nell’attività lavorativa stessa”
La conferma proviene dal secondo studio pubblicato dal quotidiano milanese.
” Tra gli insegnanti e il personale non docente l’incidenza è stata due volte superiore a quella osservata nella popolazione generale (circa 220 su 10 mila) perché il numero di tamponi effettuati è molto elevato. Il numero di test per istituto a settimana è infatti variato in media da 7 nella scuola materna a 18 nelle scuole medie, con diverse scuole che fanno ben oltre i 100 test in una settimana durante il tracciamento.”

Occorre capire e agire

Ovviamente serviranno altre conferme a livello regionale e nazionale. La giusta attenzione rivolta verso gli studenti, sta rischiando però di dimenticare il secondo soggetto della scuola: il personale della scuola, che mediamente risulta molto esposto al contagio Covid per ragioni anagrafiche. Secondo un comunicato Anief “La percentuale di over 55 passa da poco più il 40% tra i docenti (quasi 300 mila persone) a quasi il 60% tra gli Ata, quindi altri 150 mila lavoratori.”
Più dettagliato il report su Tuttoscuola.it  tra i docenti di ruolo erano complessivamente il 40,8%, di cui il 49,0% tra gli uomini e il 39,1% tra le donne. Nella secondaria superiore erano il 47,5%, di cui il 52,5% tra gli uomini e il 44,8%. Anche nella secondaria di I grado tra gli over 55 (media complessiva del 40,8%) la percentuale maggiore (44,5%) si trovava tra gli uomini, mentre le donne sfioravano il 40%.
Nella scuola primaria la media generale di docenti over 55 anni era del 35,2%: nella scuola dell’infanzia l’8%.
Tra il personale ATA delle scuole statali la media di età è ancora più alta: 57,2%, di cui il 59,2% tra gli uomini e il 56,3%.
La Ministra Azzolina ha sempre dichiarato che gli insegnanti non saranno lasciati soli. Lo dimostri con i fatti, attrezzandoli con mascherine PPF2 e dando loro una possibilità maggiore di essere dispensati dalle lezioni frontali per motivi sanitari. Entrambe le proposte hanno dei costi (soprattutto la seconda), ma qui siamo di fronte a delle persone  che hanno diritto alla stessa attenzione rivolta agli studenti.