Posted in: Opinioni

“Professione insegnante”, 12 proposte dalla scuola

"Professione Insegnante
Dodici punti che partono dall’aula, dal lavoro quotidiano del docente…

“Professione Insegnante intende dare un proprio contributo propositivo a chi governerà nella prossima legislatura, proponendo 12 punti, per superare le storture delle precedenti riforme e migliorare la scuola pubblica.”

12 punti della scuola, dalla scuola

“Professione Insegnante” dopo diverse riforme calate dall’alto, dagli “esperti” senza aula ( Legge 107/15 e precedenti ) propone  12 punti per ridare “fiato” e dignità al lavoro dell’insegnante i.

Abolizione delle classi pollaio e della pessima riforma  Gelmini

Si percepisce  la presenza dell’aula nelle proposte. Ad esempio quando si legge” Ridurre il numero di alunni per classe in ogni ordine e grado di scuola (no alle “classi pollaio”, max 25 alunni e max 20 alunni improrogabilmente in presenza di alunni con disabilità), ripristinare il modulo alla primaria (con un tempo scuola di almeno 27 o 30 ore e il relativo ripristino delle compresenze) e istituire il tempo pieno laddove viene richiesto dalle scuole (soprattutto  nelle regioni meridionali e in particolar modo nelle aree disagiate, a rischio, con un contesto sociale ad alta criminalità e, comunque, con un forte degrado sociale). Il modulo è stato abolito dalla riforma Gelmini. Tutti gli insegnanti della primaria sono concordi sugli effetti deleteri di tale abolizione.”

Il burnout, un pericolo costante

A questo si aggiunge la costante attenzione prima di tutto alla persona e poi al professionista, quando si legge ” Rivedere i criteri per i pensionamenti, max 60 anni o quota 100 (perché è un lavoro altamente usurante, in ogni ordine e grado di scuola – chi vuole restare oltre potrà essere impegnato part-time). Nonché, prevedere su richiesta altro tipo di mansione come tutoraggio o potenziamento, infine, riconoscere il burn out per salvaguardare la salute degli insegnanti, garantendo la loro sicurezza nelle classi nell’esercizio della loro funzione.”

Contro l’aridità delle prove Invalsi

Concludo, ponendo attenzione al superamento del modello americano, che riduce tutto a prestazione, alla “superficie dell’apprendimento”, rinunciando alla profondità. Mi riferisco alle prove Invalsi. Si legge: “Le  prove INVALSI, d’altra parte, hanno contribuito a impoverire la didattica, snaturando e condizionando le attività educativo-didattiche. Da strumento si sono imposte come fine da raggiungere, gerarchizzando, standardizzando, infine, generando una didattica finalizzata solo alla prestazione finale (come in un quiz a premi) e asservita alla valutazione delle competenze, per queste ragioni vanno indicate come attività totalmente facoltativa.”
Documento importante e strategico e continuamente aggiornato   che il nuovo governo dovrà tener conto.