Archivi tag: recensione

La “Buona Scuola”. La convinzione di Renzi


Tratto spesso del tema della “Buona Scuola”. Prima di esprimere un giudizio, Sono abituato a leggere i documenti, a reperire le fonti. Non amo le intermediazioni, che si declinano nei pensieri di terzi.

Questo approccio l’ho attuato anche con Renzi. In particolare con il suo libro “Avanti”
(versione digitale).

Dopo averlo letto sono stati preso da due sentimenti contrastanti: delusione per aver speso quasi dieci €, in parte stemperata dalla soddisfazione di aver capito il personaggio pubblico.  
Detto questo il libro veicola decisamente lo storytelling renziano. Lui e il suo gruppo sono dalla parte del giusto, gli altri da quella sbagliata. Renzi e company  sono stati chiamati a salvare il Paese dalla lentezza, dalla burocrazia…Le riforme sono tutte giuste. Non c’è mai un’autocritica sui contenuti, bensì sul metodo.
Di un certo interesse il capitolo ” I mille giorni”. All’interno è presentato un sottocapitolo dal titolo ” Quarto punto, negativo: la scuola”. La sottolineatura critica è fuorviante, perché Renzi si astiene dallo scrivere che la “Buona Scuola” è una pessima legge. Se la cava scrivendo ” Che cosa abbiamo sbagliato? E’ ancora presto per una verifica puntuale”… “Sui temi oggetto della riforma della Buona Scuola  si è combattuta una battaglia talvolta ideologica”[= da parte degli insegnanti. L’aggiunta è mia]
Il tono e soprattutto la convinzione di non aver sbagliato caratterizza tutto il sottocapitolo. Questa  è resa palese quando scrive” La mia impressione è che, al netto di tutto quello che è discutibile nel merito della riforma, ciò che ha dato più fastidio sia stato il metodo”
Alcune considerazioni. Il titolo del libro “Avanti” è coerente con la “Buona Scuola”. Non si torna indietro! Semmai si riparte dalla Legge 107/15 e si procede. Nessun ripensamento sullo tsunami berlusconiano, caratterizzato da un prelievo forzoso di 24 miliardi di €, e neanche degli otto promessi in restituzione ( 2009 ). Nessun ripristino del tempo pieno secondo la 820/71 con la reintroduzione  delle compresenze, così utili per favorire l’inclusione. Nel libro si parla genericamente di potenziamento di questo tipo di organizzazione. Niente più!
Renzi sorvola su   due errori: il mantenimento delle classi pollaio e l’istituzionalizzazione di quelle superpollaio, quest’ultime introdotte con la legge di stabilità del 2015 che impedisce ai Dirigenti Scolastici di nominare il supplente in caso di assenza di un giorno del titolare.  
Ioltre nel libro si parla sempre di somme, mai di quanto va in tasca al singolo docente. Penso ai compensi irrisori dei commissari d’esame per il concorso-scuola, all’esigua cifra netta percepita dai meritevoli e per finire ai tanti incarichi gratuiti ( Animatori Digitali, team dell’innovazione…).
Concludo. La “Buona Scuola”  è interamente inserita nella logica berlusconiana, che la sinistra ha gradualmente accolto, grazie a D’Alema e Veltroni (1995-2000). Renzi non fa che raccogliere i frutti di questa svolta a destra della sinistra. E il suo libro non poteva che confermarla, anche se il lavoro contiene un capitolo dedicato al “Futuro della sinistra”, caratterizzato da tante belle parole, contraddette  dai provvedimenti e dalle conferme ” a destra”del suo governo.

Radar su due testi: Flip, coding e…

9788809826021.1000_0     68130k

Due testi da tener d’occhio. Personalmente ancora non li ho a disposizione. Sono fiducioso sulla qualità dei lavori, considerato l’editore ( Giunti  ), punto di riferimento per la didattica. Da sempre
Comunque posto  due presentazioni( ( Scuola Store – Giunti ). In fondo propongo un link che rimanda a un estratto ( ebook ) del coding.  C’è la possibilità di frequentare il corso gratis, tenuto dal Prof Bogliolo ( autore del relativo testo ).


Da alcuni anni negli Stati Uniti, in Italia e nel mondo in parecchi si sono resi conto di come la stereotipata struttura “lezione frontale – compito a casa – verifica” sia davvero inadeguata per promuovere a scuola la maturazione di competenze disciplinari e trasversali negli studenti. Per far fronte a questa problematica, insegnanti e ricercatori stanno sperimentando l’uso della didattica capovolta, di quel metodo cioè che consente di modificare, invertendoli, gli ambienti d’apprendimento. A casa ci si prepara all’argomento del giorno mentre a scuola si lavora attivamente. La centralità dello studente e la conseguente costruzione di un ambiente per l’apprendimento piuttosto che per l’insegnamento stanno alla base di questa esperienza che, per esprimere tutta la sua carica innovativa, va collegata ai caratteri originali di una rivoluzione più profonda: scardinare il tempo e lo spazio di un modello educativo non più adeguato agli studenti e neppure a una società veloce e in perenne trasformazione, specchio dei tempi in cui viviamo. Sono già molte anche in Italia le scuole che stanno sviluppando questa esperienza.

Come si realizza un’idea? Come si passa dall’intuizione alla soluzione di un problema? Il pensiero computazionale è proprio questo, la capacità di elaborare procedimenti costruttivi a supporto della fantasia e della creatività. Il Coding permette di sviluppare il pensiero computazionale in modo coinvolgente e intuitivo a qualsiasi età. Non si parla di tecnologia, ma di pensiero. Il Coding non è una disciplina, ma una pratica che può essere applicata in ogni ambito.Questo libro parla in modo appassionato e diretto agli insegnanti per guidarli a introdurre il coding in classe, subito, senza prerequisiti, e con qualsiasi mezzo.
In appendice lo starter kit CodyRoby, un gioco di carte fai da te per fare Coding senza computer.

Estratto Coding in your classroom

Corso gratis Coding ( Prof A. Bogliolo

Recensione: ” Malascuola”

10166606._UY346_SS346_

“ Se io fossi il ministro dell’istruzione raddoppierei lo stipendio degli insegnanti”. Così recita il sottotitolo del lavoro di C. Cremaschi. Uomo di scuola, impegnato da diverso tempo nel sindacato, ritiene che questa soluzione, unita alla riduzione del personale scolastico e alla loro valorizzazione e differenziazione della carriera, possa contribuire all’efficienza ed efficacia del sistema formativo.
Il primo obiettivo si può conseguire in modo indolore, grazie al pensionamento nei prossimi anni di duecentomila docenti; il secondo, invece, attraverso la riduzione degli sprechi e il reinvestimento totale delle risorse nella scuola. Quest’ultimo principio, più volte ribadito dall’autore, si discosta significativamente dalle ultime politiche scolastiche dei governi didestra e di sinistra che hanno utilizzato i risparmi per risanare i conti pubblici o finanziare iniziative esterne alla scuola.
Quali sono allora gli sprechi o gli elementi critici, che se risolti, possono liberare risorse significative? C. Cremaschi li individua nelle “ore di cinquanta minuti” pagate per sessanta minuti, nella compressione del calendario scolastico, nell’eccessivo numero di materie e progetti che richiedono un “surplus” di docenti, nell’esistenza di plessi che accolgono pluriclassi, nell’organizzazione della scuola primaria che prevede – prevedeva – le compresenze tra i maestri…
Quest’analisi è seguita da una “pars costruens”, che differenzia questo lavoro da altri, quasi sempre scritti da “ giornalisti tuttologi”, che proprio nelle proposte evidenziano limiti e difficoltà nel capire “il sistema scuola”.
Con un linguaggio esente da inutili tecnicismi, dal politichese e sindacalese, C. Cremaschi argomenta come il compenso effettivo di cinquanta minuti, una distribuzione del calendario scolastico su quaranta settimane, mantenendo l’attuale monte-ore annuale, l’essenzializazione del curricolo e altro ancora possono portare a risparmi significativi.
Tutte queste soluzioni, puntano a modificare radicalmente il sistema-scuola, liberando contemporaneamente risorse da investire in una reale “professionalizzazione” del docente, basata su un diverso percorso di formazione/aggiornamento, sulla valutazione del lavoro didattico, sull’articolazione della carriera molto simile a quella proposta nel Disegno di Legge di V.Aprea.. La contropartita per questo nuovo profilo è il significativo riconoscimento economico per il docente. Ma i tempi sono maturi per questa svolta? Forse si, dipenderà tutto dagli attori coinvolti: l’amministrazione pubblica e i docenti, senza però intermediari.
Gianfranco Scialpi

E-book gratis sulla gestione di DSA, ADHD, oppositivi…

sd
Nel mio girovagare nel Web ho trovato questo sito che offre e-book gratis molto interessanti per gestire diverse situazioni in aula. Le sezioni sono tre: famiglia, psicologi, docenti.
Per usufruire di questi e-book è sufficiente compilare un modulo.
Sono presenti anche utili video.
” Consigliatissimo” il download
Indirizzo sito