Archivi tag: Regionalizzazione

Marco Bussetti sempre più Ministro leghista

Marco Bussetti

Marco Bussetti sempre più Ministro leghista dell’istruzione.

Marco Bussetti Ministro dell’istruzione persegue la sua riforma. Meglio quella della sua parte politica. Senza problemi dimentica altri aspetti del contratto di governo che riguardano il mostro della Riforma Gelmini.

Marco Bussetti e il suo sostegno al progetto leghista

Marco Bussetti si sta dimostrando sempre più un Ministro di parte. Sostiene e amplifica quelle parti del contratto di governo più vicine al sentire leghista. La regionalizzazione ne è l’ultimo esempio. Da subito il Ministro ha espresso il suo appoggio alla cosiddetta autonomia differenziata, limitata per ora a tre regioni (Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna). Ha dichiarato al quotidiano La Stampa : L’autonomia può essere un’opportunità. se ci sono territori che pensano di poter utilizzare meglio le risorse nazionali, e di poter aggiungere risorse proprie per migliorare il settore dell’Istruzione, perchè impedirlo”
Pur con maggiore freddezza, traspare il medesimo appoggio nella dichiarazione riportata dal portale ScuolaInformaIl tavolo sull’autonomia non è saltato, assolutamente – ha assicurato il ministro Bussetti. ‘Alcune Regioni chiedevano, proprio per dare le stesse possibilità a tutti in tutti i territori, anche in quelli disagiate, di riqualificare al meglio la propria istruzione e legare alla scuola i propri docenti. Di qui – spiega Bussetti all’Ansa – la possibilità eventuale di incentivi per i docenti che svolgono il loro lavoro in zone disagiate, per incentivare la permanenza; lo spirito è questo, poi discuteremo i dettagli, non c’è alcuna volontà di differenziare gli stipendi”

Marco Bussetti sempre più Ministro della Lega

Ha ragione il leader di Sinistra Italiana Nicola Frantoianni quando dichiara che il Ministro Bussetti ha gettato la maschera. In realtà, come da me più volte scritto, il Ministro Bussetti raramente ha nascosto il suo orientamento politico. Si leggano gli articoli  ” Ministro Bussetti nel suo elenco manca…il Ministro strizza l’occhio alla Lega” , “Il Ministro ha dimenticato la regionalizzazione“.
In sintesi, Il ministro Bussetti sta perseguendo gli obiettivi della sua parte politica, ignorando il mostro della Riforma Gelmini  (2008-09) votata anche dalla Lega di U. Bossi.

 

Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione?

Intesa governo sindacati sulla regionalizzazione

Intesa Governo-sindacati, arriva la prima smentita. La regionalizzazione riprende il suo cammino

Intesa Governo-sindacati, arriva la smentita sulla regionalizzazione. Era prevedibile, considerando la data dell’accordo. Ed ora i sindacati come reagiranno?

Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione

Intesa Governo-sindacati. Il documento che aveva sancito la pax, o quanto meno la tregua tra i protagonisti, sembra ricevere il primo colpo basso. Ha dichiarato il vice premier e ministro dell’interno M. Salvini  sul progetto dell’autonomia differenziata:”Indietro non si torna!”
La dichiarazione mette fine alla pax elettorale. Il tema era stato accantonato. Troppo divisivo e condizionante il voto europeo.
L’intesa del 23 aprile tra il governo e i sindacati deve probabilmente essere letta come un esempio di questa pax.  Si leggeIl Governo si impegna a salvaguardare l’unità e l’identità culturale del sistema nazionale di istruzione e ricerca, garantendo un sistema di reclutamento uniforme, lo status giuridico di tutto il personale regolato dal CCNL, e la tutela della unitarietà degli ordinamenti statali, dei curricoli e del sistema di governo delle istituzioni scolastiche autonome.”
Dichiarazione chiara e nello stesso tempo ambigua. Conferma l’unità dello Stato, ma non dice nulla sull’autonomia differenziata o regionalizzazione! Non poteva essere diversamente. In un ambito diverso, conferma quanto previsto dall’art. 5 della Costituzione: “La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi e i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento”
Ed ora cosa faranno i sindacati che hanno sottoscritto l’accordo? Attendiamo, ma con maggiore sfiducia verso i  suoi rappresentanti. Cui prodest?

Marco Bussetti ha dimenticato la regionalizzazione, ma…

Marco Bussetti

Marco Bussetti dimentica la regionalizzazione. Non sorprende!

Marco Bussetti ha dimenticato il tavolo della regionalizzazione. Era facilmente prevedibile. La sua strategia è chiara. Il suo tiepido rapporto con la questione delle classi pollaio  certifica il suo impegno di parte.

Marco Bussetti ha dimenticato un tavolo

Marco Bussetti inizia a muoversi per applicare l’accordo con i sindacati. Ma dimentica un tavolo. Si legge sul portale di Professione Insegnante: “Il Ministro leghista afferma che in quell’ accordo gli obiettivi raggiunti sono  stati tre. Più  risorse per il rinnovo del  Contratto, lo vedremo in autunno con il 28 miliardi da recuperare per non aumentare l’IVA. Soluzioni mirate, usa questo aggettivo per il precariato; in effetti si tratta di prolungare la fase transitoria  con nuove procedure riservate a categorie appunto mirate. La problematica sui dirigenti scolastici. I dirigenti vogliono essere equiparati alla dirigenza pubblica, una vecchia  battaglia dell’Anp e sappiamo come la lega e un Ministro D.S.sia sensibile ai “problemi” dei D.S.” Libero Tassella, autore dell’articolo scrive ” Per Il ministro Leghista della Regionalizzazione della scuola non si deve neppure  parlare.

Marco Bussetti è un Ministro leghista, quindi…

La dimenticanza era facilmente prevedibile. Bussetti è un ministro leghista. Quindi porta avanti i contenuti del suo Movimento. Prevenuto? Forse. Come sempre, però, supporto la mia posizione con i fatti.
Nel contratto di governo, riguardante la scuola, si legge ” In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. “Buona Scuola”, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. “classi pollaio”, dell’edilizia scolastica, delle graduatorie e titoli per l’insegnamento.”
Ho più volte evidenziato, come nel suddetto documento sia evidente la priorità di abolire l’obbrobrio pedagogico delle classi pollaio. Invenzione del duo Gelmini/Tremonti (2008).
Bene il Ministro Bussetti si è dimostrato tiepido per la sua abolizione. Non ne parla mai! Ignora il Disegno di legge-Azzolina (luglio 2018). Il motivo è semplice: la Lega faceva parte del Governo Berlusconi che  approvò la legge 133/08 e il D.M. 81/09. Quindi perché meravigliarsi se il Ministro si dimostra interessato ai temi leghisti?

Il Ministro Bussetti, continua a parlare…

Il Ministro Bussetti

Il Ministro continua a straparlare. Modalità comunicativa efficace solo politicamente.

Il Ministro Bussetti, continua a rilasciare interviste. Purtroppo queste risultano contraddittorie, rispetto ai suoi comportamenti. E’ la conferma di una modalità comunicativa vuota e incoerente.

Continua a leggere