Archivi tag: Renzi

M. Renzi e P. Savona, la strana convergenza

M. Renzi e P. Savona, la strana convergenza sull’euro. La moneta è sostanzialmente un “marco mascherato”

Il pensiero di P. Savona

Ecco il pensiero del possibile nuovo Ministro dell’Economia ( ometto le sue convinzioni si Putin che ritengo ardite)
La Germania non ha cambiato la visione del suo ruolo in Europa dopo la fine del nazismo, pur avendo abbandonato l’idea di imporla militarmente. Per tre volte l’Italia ha subito il fascino della cultura tedesca che ha condizionato la sua storia, non solo economica, con la Triplice alleanza del 1882, il Patto d’acciaio del 1939 e l’Unione europea del 1992. È pur vero che ogni volta fu una nostra scelta. Possibile che non impariamo mai dagli errori?»
La Merkel è stata il miglior leader tedesco. Non è europeista perché il suo elettorato non lo è”
“Non esiste un’Europa, ma una Germania circondata da pavidi”

Il pensiero di M. Renzi

Scriveva M. Renzi, sul suo blog , non più raggiungibile:
Le regole dicono che il surplus commerciale della Germania non può essere superiore al 6%, oggi è intorno al 9%. Si tratta di una violazione delle regole che fa male a tutta l’Europa. E che la indebolisce a favore dei soli amici tedeschi. Più volte abbiamo posto il tema in modo ufficiale, nei tavoli di discussione: vogliamo rispettare le regole. Ma dobbiamo farlo tutti. Anche la Germania. La filosofia dei due pesi e due misure è sbagliata.”

M. Renzi e P. Savona, la strana convergenza

In altri termini. entrambi concordano sulla germanizzazione economica dell’Europa.  L’euro è “il marco tedesco mascherato”. E’ una moneta che favorisce unicamente la Germania. E Renzi questo lo sa, anche quando sembra meravigliarsi dell’eccessivo surplus tedesco, naturale  conseguenza  di una moneta, basata sul cambio fisso tra paesi disuguali economicamente. Per inciso, l’ammissione di un eccedenza tollerata al 6% è una dichiarazione di per sè della “germanizzazione” dell’Euro.   Ora l’adozione di un cambio fisso   e’ un argine alla svalutazione competitiva, che un tempo favoriva i nostri prodotti… “fino al 2001 il nostro Paese, grazie alle diverse svalutazioni competitive aveva un surplus commerciale superiore alla Germania. Questa posizione privilegiata del nostro Paese si è azzerata negli anni successivi all’entrata nella moneta unica, a tutto vantaggio della Germania, che invece ha visto il proprio surplus crescere. Come scrive l’economista A. Bagnai, un paese forte se non rivaluta, sostanzialmente svaluta, attirando sui suoi prodotti l’interesse dei consumatori.” .

M. Renzi, “tra il dire e il fare” c’è l’oceano

Tornando all’esternazione di Renzi, purtroppo l’ex Premier ha fatto poco per modificare questo quadro. Ha applicato la regola della svalutazione interna, che si traduce nel congelamento o riduzione dei salari.  In altri termini, ha  confermato l’impianto bifronte dell’ Euro rispondendo nell’unico modo possibile in un regime di cambio fisso, e quindi allineandosi senza stonature  al pensiero di M. Draghi. Il Governatore  della Bce ha dichiarato che per salvare l’Euro   e quindi l’inflazione al 2% occorre tenere i salari bassi.

Classi pollaio, gli annunci poco convincenti di Renzi

Classi pollaio

La credibilità si fonda sul nesso tra il dire e il fare.

Classi pollaio, questa campagna elettorale si sta caratterizzando per le promesse. Molte rimarranno sulla carta. Soprattutto se si adotta il metodo di ripetere senza poi attuarle, quando si poteva.

Classi pollaio, la dichiarazione di M. Renzi

Matteo Renzi ha dichiarato  a Rtl (13.02.18); “il suo Governo ha investito tanto nel settore, ha approvato una riforma importante, la Legge 107/15, ma ha raccolto pochissimo. Soprattutto in fatto di consensi. Perchè, ha detto, il 97% dei docenti ce l’ha con loro. Il segretario del Pd, però, vuole fare tesoro degli errori. Promettendo agli elettori che non li ripeterà e che i fondi investiti per la Conoscenza, se tornerà a governare l’Italia, non potranno che aumentare. In particolare per dire basta alle classi pollaio e diventare più concreti” ( tecnicadellalscuola.it).

I fatti presentano un’altra realtà

La promessa di porre rimedio, ad esempio, al problema delle classi-pollaio, è interessante. Chi mi segue sa qual è la mia posizione; sono un’aberrazione. Ma la promessa è poco credibile. Dipende dall’interlocutore.  Dalla sua coerenza tra il formale e il sostanziale. In altri termini, tra il dire e il fare.
Purtroppo Matteo Renzi mi deve ancora convincere del nesso tra il suo  annunciare e le sue azioni.
I fatti.
Ha avuto cinque anni per rimediare all’aberrazione pedagogoca, voluta dal suo Gelmini-Tremonti ( Governo Berlusconi, 2008-11) E non l’ha fatto! Anzi ha “partorito” qualcosa  di peggio: le classi superpollaio! Con la legge di stabilità 2015 art. 1 comma 333 ha imposto il divieto di nominare il supplente il primo giorno di assenza del titolare. Risultato: in alcuni giorni della settimana le classi si “gonfiano” fino ad arrivare a 32-33 e oltre.

Disuguaglianza tra i bambini, parole, parole!

Proseguo. Sul “Sole 24 Ore” del 23 aprile 2017 si legge: “Se il 30 aprile 2017 o dopo vincerò la sfida per la segreteria, la prima iniziativa sarà dedicata alla scuola: ho intenzione di ripartire da un tema dove il dente duole…Dobbiamo ripartire dal tema della disuguaglianza tra bambini: quando nascono i bambini in alcuni luoghi, c’è chi mi dice si può prevedere che fine fanno nove di loro su dieci. E questo non è accettabile”. Messaggio pervenuto! M. Renzi è divenuto segretario!  Degli atti, però,  non ho traccia! Non ho notizie di atti finalizzati a migliorare l’inclusione, vista anche  la conferma della presenza delle classi pollaio.

Ottimo suggerimento di P. Gomez

In questi giorni è uscito il libro di P. Gomez.: “Il vecchio che avanza” (Chiarelettere, Milano, 2018) Programmi, programmi, programmi. Lasciateli perdere. Intanto non saranno realizzati, soprattutto questa volta. Tutti fanno promesse. Non tenetene conto. Guardate invece alle persone, alla loro storia, a quello che hanno detto prima e fatto poi. E a qualche numero indispensabile. Solo così possiamo avere gli elementi…” per valutare i politici.

 

Sindacato Cgil, operazione firma contratto

Sindacato Cgil

Parole, parole, parole. Paradigma del contesto postmoderno

Il sindacato Cgil  ha iniziato l’operazione di metabolizzazione del contratto. Il discorso non è certo rivolto a loro. Gli interlocutori da convincere sono gli operatori della scuola.

La “liquidità” verbale, una pessima scelta

Il sindacato Cgil  conferma il carattere liquido delle dichiarazioni. In altri termini, le parole sono Nulla. Hanno perso la loro “solidità” che rimanda all’affidabilità, consegnandole al frullatore post-moderno del Nulla, cioè alla loro insignificanza. Da qui ne discende la frattura nei rapporti sociali, la solitudine della persona, alimentate dalla diffidenza e dal sospetto che l’altro ti “vuole fregare”. E’ la versione “brutale”, ma reale, del detto hobbesiano “Homo homini lupus”

Il sindacato Cgil, un amaro esempio

Un esempio basato sui fatti, meglio sulla parola è dato dalla Cgil.
A settembre commentavo questa dichiarazione
“85 euro sono una cifra modesta in particolare considerando la durata del blocco contrattuale, non solo per i docenti ma per tutto il personale del comparto istruzione e ricerca. Per questo chiediamo innanzitutto che siano messi tutti sul tabellare. Li consideriamo un punto di partenza per sedere al tavolo della trattativa che accompagneremo con azioni di mobilitazione per ottenere risorse aggiuntive. rispetto a quelle previste (e non ancora confermate) dall’accordo del 30 novembre 2017″
L’altro giorno sul portale Tecnicadellascuola   il segretario confederale della Cgil, Franco Martini, ha aggiornato la “cifra modesta” in “risultato apprezzabile”

Brevissima considerazione

Che dire? Ultimo esempio dell’inconsistenza, dell’insignificanza della parola, sideralmente lontana dal detto evangelico “Il Verbo si è fatto carne”. Il piano formale, perfettamente allineato al contesto postmoderno, è coerente con la strategia comunicativa del preparare gli operatori della scuola ad accettare “obtorto collo” il pessimo contratto. Oggi, come nel 2009. La storia si ripete! Saranno utilizzate espressioni di un “contratto che avviato un processo, una fase… “E’ un contratto di svolta…”
Ma la ripartenza, sarà accostabile al “ritornare al via” ( Monopoli) per ripetere il percorso già intrapreso nel 2009 e 2018.

 

Matteo Renzi, Ministro Valeri, leggete l’articolo di M. Boscaino

Matteo Renzi, Ministro Valeri, leggete l'articolo di M. Boscaino

Un contributo “quasi asciutto”, carico di date, fatti e dichiarazioni.


Matteo Renzi,Ministro Fedeli, se volete comprendere il malessere della scuola, leggete l’ottimo articolo di M. Boscaino. Poche chiacchiere, zero insulti, tante date, molti fatti e dichiarazioni. Un esempio di un Web come luogo virtuale di approfondimento. Un esempio contro le fake news, i turpiloqui…

La strategia comunicativa di “questa politica”, la sua fine

Spesso i nostri politici esprimono stupore, meraviglia di fronte alle  reazioni negative prodotte da un “buon” provvedimento. E’ il caso della L.107/15.
Ha dichiarato M. Renzi ” Sulla scuola abbiamo messo sette miliardi e mezzo, ma il 97% degli insegnanti ha aderito allo sciopero: quando succede una cosa simile, qualche domanda uno se la deve fare”
L’approccio è confermato dal V. Fedeli: “Non si può avere investito risorse e assunto 100mila persone e avere tutto il mondo della scuola contro: evidentemente qualcosa dobbiamo avere sbagliato ”
Una breve considerazione. Quando la politica, questa politica ammette che esiste un corto circuito con i suoi referenti, confermando percentuali altissime di opposizione ad un provvedimento, allora esiste un problema. Se non è risolto, allora si pongono le condizioni per il suo tramonto, la sua fine. Purtroppo l’esito può compromettere l’affermazione della “buona politica” di cui abbiamo tanto bisogno.

Matteo Renzi, Ministro Valeri, leggete questo contributo

Comunque se i nostri politici intendono realmente comprendere i motivi del malessere della scuola, devono leggere l’ottimo articolo di M. Boscaino. 
Il contributo si caratterizza per la presenza di date, fatti e dichiarazioni che hanno il pregio di smontare le balle” di M. Renzi e le tante non-verità dei politici.
Ovviamente questo ha un costo. L’articolo è lungo! Non poteva essere altrimenti, se si intende riportare in modo puntiglioso gli eventi a supporto di una tesi. 

Lo riconosce la stessa autrice “So di essere stata lunga, e me ne rammarico. Ma alla cogitabonda e perplessa ministra – finalmente (ma quanto sinceramente?) cauta – che si chiede se qualcosa non sia andato come doveva, valeva la pena di rinfrescare la memoria e chiarire le idee.”
Un bell’esempio di giornalismo, contro la post-verità dove i fatti sono sostituiti spesso da frasi ad effetto o ad alto tasso emotivo.
Grazie M. Boscaino!