Archivi tag: reputazione digitale

Sicurezza online. Un video del Garante protezione dati personali


L’ho digitato più volte, il Web offre un immenso database di informazioni, contenuti, video, immagini… Permette la condivisione di materiali, la collaborazione e altro ancora.
Purtroppo anche il Web ha il suo lato oscuro, fatto di rooming ( adescamento sessuale online ), cyberbullismo,  furti d’identità, atti di ingegneria sociale… Molto spesso questi pericoli sono favoriti dall’assenza di conoscenze, abilità e competenze nella navifazione. E non solo.
Il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato un ottimo video, dove sono illustrati i maggiori pericoli nella frequentazione dei media sociali. Sintetico, ma efficace!
Ribadisco che  questo ed altri contributi informativi devono essere seguiti da proposte formative profonde, finalizzate all’acquisizione di “Bussole di navigazione” ( competenze ) che permettano nel tempo una navigazione critica e sicura.
Video Garante

Cyberbullismo. L’utilità del progetto dopo gli incontri


La Polizia di Stato e in particolare quella Postale e delle Comunicazioni sta intensificando i suoi incontri nelle scuole per arginare i fenomeni del grooming ( adescamento sessuale nel web ) e del cyberbullismo. Vanno ringraziati per questo impegno!
Stesso apprezzamento lo rivolgo anche ai tanti formatori e docenti che organizzano questi momenti.
Questi incontri, possono, però, risultare inefficaci nel tempo. Mi spiego. Nel mio “preregrinare”  tra le scuole constato spesso che non esistono progetti di informatica e quindi i laboratori sono chiusi e le Lim utilizzate solo come videoproiezione. In questi deserti formativi gli incontri rappresentano delle interessanti parentesi. Niente più!
In altri termini, l’informazione, pur necessaria, non potrà mai trasformarsi in formazione. Sono necessarie capacità e tempo per conseguire la necessaria competenza per navigare in modo sicuro, consapevole e critico nel Web.
Da qui la necessità di un progetto.   Etimologicamente il termine ha il piano inclinato verso il futuro. Lo stesso M. Heidegger, definisce l’esser-ci ( noi ) come un pro-getto ( gettato avanti, esposto al futuro ).
Quali devono essere gli elementi di questo progetto?
In questo ci aiuta Il World Economic Forum che ha stilato un elenco di otto competenze digitali che i nostri ragazzi devono avere.
Nel nostro caso è necessario che il progetto faccia riferimento alle seguenti:
a) Gestire la propria presenza online connessa con la  reputazione  ( Digital Indentity )
b) Individuare ed evitare i rischi dell’adescamento sessuale, del cyberbullismo… ( Digital Safety )
c) Riconoscere le attività dell’ hacking e dell’ ‘ingegneria sociale ( social engineering ), le tante truffe online e attivare  comportamenti adeguarti per evitare che i propri dispositivi ne siano coinvolti ( Digital Security )
d) Prolungare la propria intelligenza emotiva anche nel web ( Digital emotional intelligence )
e) Essere in grado di collaborare online utilizzando ad esempio la Suite Google… ( Online Collaboration  )
f) Acquisire un’adeguata consapevolezza dei diritti digitali che fanno riferimento alla privacy, al copyright e all’oblio.
Il progetto non può riguardare solo gli studenti, ma anche i docenti. In particolare se si realizza la seconda condizione, è possibile costituire una struttura permanente in grado di dare autonomia e continuità progettuale all’Istituto scolastico. A questo si aggiunge che la realizzazione del progetto   conferma l’attenzione della scuola verso il piano alto costituito dalla formazione. Solo la presenza di quest’ultima giustifica la presenza della scuola nella società liquida. Diversamente è preferibile decretarne la chiusura!

Nuova Ecdl. Online Collaboration e IT Security. Il valore aggiunto


Sono diversi anni che propongo nel mio Istituto Corsi di preparazione agli esami Ecdl.
Fino alla versione Syllabus 5.0 i moduli erano scarsamente aperti e  problematici. In altri termini,  si confrontavano poco con gli scenari e i problemi legati alla proliferazione dei media sociali, delle diverse piattaforme e del moltiplicarsi dei dispositivi mobili, ( gli anglofoni li chiamano device ).
Bene, la nuova Ecdl, è un cambio di passo, rappresenta una discontinuità rispetto al passato. E’ stato eliminato il modulo relativo ad Access, assemblato il modulo teorico con quello di Windows, ma soprattutto sono stati inseriti due moduli: Online collaboration e IT Security ( aggiornato recentemente alla versione 2.0 ).
Il primo modulo mette le basi per la promozione della competenza relazionale online
. Ovviamente sta al formatore, uscire dalle fredde procedure relative alla navigazione nella Suite Google o dei media sociali per proporre ai ragazzi i vantaggi e le opportunità di un lavoro a distanza e in gruppo – nell’immediato e non aumenteranno le piattaforme e-learning – le strategie comunicative efficaci da adottare per una comunicazione online e collaborativa…
Il secondo modulo offre una seria riflessione sulle distrazioni procedurali dei nativi digitali, offrendo loro diverse soluzioni ( password complesse, firewall, antivirus, gestione più attenta  alla privacy…  ) che nell’immediato rappresentano un argine ai  fenomeni della pedopornografia e del cyberbullismo e in prospettiva crei la condizione per la presenza di figure preposte alla sicurezza di reti e di sistemi variamente complessi.

Cyberbullismo. III° Municipio. Il mio impegno continua…


Il 25 gennaio sono stato convocato dalla Commissione delle politiche sociali ( III° Municipio – Roma ). L’oggetto del mio intervento riguardava il fenomeno del cyberbullismo. Ho posto il problema, mettendo in evidenza quanto si dimostra sprovveduto e superficiale il “nativo digitale”.
L’intervento è stato molto apprezzato!
La conferma l’ho avuta dalla nuova convocazione ( lunedì 20 febbraio – Commissione politiche scolastiche ) per parlare del problema ai Dirigenti Scolastici degli I.C. del Municipio. 
Presenterò il mio progetto per una navigazione sicura nei social media.
Progetto