Archivi tag: Responsabilità civile e penale

Violenza sui docenti, doppia denuncia dell’insegnante

Violenza docenti

Arrivano buone notizie! la mamma che ha aggredito la professoressa dovrà affrontare un doppio processo: penale e civile

Violenza sui docenti, finalmente si intravvedono le prime reazioni. Una doppia denuncia alla mamma che ha percosso l’insegnante. Ottimo epilogo!

Il fatto

Si legge sul Gazzettino di Padova: “Venerdì 8 giugno, alla fine delle lezioni, una mamma di un alunno delle scuole medie Albinoni di Caselle di Selvazzano ha preso a schiaffi l’insegnante sessantenne di inglese.
La donna lamentava che il figlio avesse preso ingiustamente un brutto voto nella sua materia, così si è scagliata contro la professoressa, che non ha ammorbidito la sua posizione nonostante l’atteggiamento intimidatorio, ribadendo che il ragazzino aveva meritato l’insufficienza. Così la mamma l’ha schiaffeggiata davanti ad altri insegnanti, facendole sanguinare un labbro. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.”

Non sono sufficienti le scuse, siamo adulti!

Qualche giorno dopo arrivano le scuse. “Chiede scusa la mamma che ha preso a schiaffi la professoressa d’inglese per un brutto voto al figlio. La donna dalle pagine della Stampa tenta dare una spiegazione a quel gesto violento. “Non so cosa mi sia successo. Ho visto mio figlio piangere per un diritto negato e ho perso la calma. La docente mi ha sfidato con lo sguardo e io ho agito d’istinto. Ho sbagliato”.
Troppo facile! Soluzione dove si è convinti che tutto può essere perdonato. Meglio: si ritiene che siano sufficienti poche parole di scusa  per risolvere ” a tarallucci e vino” l’aggressione. Nel mondo degli adulti esiste la responsabilità! Ogni atto porta a delle conseguenze.

Doppia denuncia, una bella notizia!

Ieri è arrivata una bella doppia notizia.
La mamma è stata denunciata anche dalla professoressa. L’atto segue quello d’ufficio dei carabinieri per oltraggio a pubblico ufficiale.
Si legge sul “Mattino” di Padova: “E’ quasi probabile che, oltre l’aspetto penale, la signora che ha tirato la  sberla incorra in una richiesta di danni”.
Conclusione ovvia! Molto bene!  In linea con quanto da me scritto qualche giorno fa.

Sorveglianza a scuola, una sentenza precisa e cavillosa

Sorveglianza a scuola

Una sentenza “storica” “unica” che farà molto discutere

Sorveglianza a scuola, una sentenza che farà discutere. Sicuramente alzerà il tasso d’ansia negli insegnanti per la sua natura restrittiva e “cavillosa”. Un ottimo esempio di come ragionano i giudici.

Sorveglianza a scuola, la sentenza n.2334

Il Sole 24 Ore” ha reso nota La sentenza della Cassazione, n.2334, depositata il 31 gennaio.  Sinteticamente i fatti, risalente al 1988. Una studentessa maggiorenne dell’ultimo anno di un istituto d’arte inciampava su un tappetino , lasciato incautamente sul pavimento, riportando gravi lesioni.
La sentenza consultabile sul portale Tecnicadellascuola.it risulta di difficile lettura, in quanto si caratterizza per una analisi molto puntigliosa e cavillosa dell’art. 2048 del codice civile.  Si legge:
“Il padre e la madre, o il tutore, sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei figli minori non emancipati o delle persone soggette alla tutela, che abitano con essi. La stessa disposizione si applica all’affiliante.
I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un’arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza.”
Come si evince questo consta di due commi. Bene, i giudici non ritengono  assimilabile il secondo al primo. In altri termini prospettano due situazioni diverse. Da qui ” il dovere di sorveglianza sugli alunni non cessa con il raggiungimento da parte di costoro della maggiore età, in quanto essi continuano ad essere allievi anche dopo tale momento”

Una sentenza “unica” e “storica”

La sentenza può essere definita “unica” e “storica”, in quanto aggiunge un nuovo elemento alla “Culpa in vigilando”. Questa non termina con la maggiore età, bensì prosegue, in quanto è collegata alla funzione docente.  La sentenza farà sicuramente discutere. Personalmente la equiparò ad un’altra che nel 2012 , sulla quale mi sono soffermato in un precedente articolo .

Breve riflessione   

 L’ultima sentenza  (n° 2334 ) rappresenta un ottimo esempio per comprendere il “modus pensandi” dei giudici. Questo è caratterizzato da continui riferimenti a precedenti pronunciamenti e ad  una inclinazione a cercare il cavillo, il particolare. Quando questo è individuato, allora abbiamo la sentenza che  fa “storia”. In altri termni, diventa un nuovo punto di riferimento. Come si evince dalla lettura, infine, gli elementi pedagogici sono totalmente assenti. Quindi ogni nostra considerazione in tal senso, conta zero!

Liberatoria possibile, una “Culpa in vigilando” meno stringente

Liberatoria possibile

Finalmente è possibile la liberatoria. Senza rischi per i docenti e le scuole.

Liberatoria possibile, dal Il 1° dicembre il decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148 è stato convertito definitivamente in Legge dello Stato. Il riferimento è 172/17!
Ne parlo perché contiene l’articolo che riduce l’asfittica presenza della “Culpa in vigilando”. Un modello.

Disposto normativo tanto atteso dalle scuole

 (Disposizioni in materia di uscita dei minori di 14 anni dai locali scolastici).
1. I genitori esercenti la responsabilita’ genitoriale, i tutori e i soggetti affidatari ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184, dei minori di 14 anni, in considerazione dell’eta’ di questi ultimi, del loro grado di autonomia e dello specifico contesto, nell’ambito di un processo volto alla loro autoresponsabilizzazione, possono autorizzare le istituzioni del sistema nazionale di istruzione a consentire l’uscita autonoma dei minori di 14 anni dai locali scolastici al termine dell’orario delle lezioni. L’autorizzazione esonera il personale scolastico dalla responsabilita’ connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza.

2. L’autorizzazione ad usufruire in modo autonomo del servizio di trasporto scolastico, rilasciata dai genitori esercenti la responsabilita’ genitoriale, dai tutori e dai soggetti affidatari dei minori di 14 anni agli enti locali gestori del servizio, esonera dalla responsabilita’ connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza nella salita e discesa dal mezzo e nel tempo di sosta alla fermata utilizzata, anche al ritorno dalle attivita’ scolastiche).

Implicazioni  e limiti

Quindi la liberatoria sarà possibile, auspicabile. Finora gli Istituti scolastici, quelli che avevavo utilizzato questo strumento, non erano esenti da rischi. “Scrivevo qualche mese fa : ” Di fronte a un giudice questa dichiarazione può ritorcersi contro il docente, in quanto implicitamente è un’ammissione dell’esistenza di un obbligo di vigilanza del docente nei confronti del minore. Quindi pratica inutile e pericolosa.”
Ora non è più cosi! Finalmente si dà maggiore ascolto alle ragioni pedagogiche, finalizzate a rendere autonomo il minore. Questo non significa ridurre il peso della sorveglianza e della protezione.  Queste  hanno sempre una valenza maggiore rispetto alle ragioni pedagogiche.
Ogni provvedimento, però, ha dei limiti. Anche questo non sfugge a questa costante. La natura particolare, dell’articolo, infatti, esclude una serie di eventi, inerenti l’uscita, ma non rientranti nella casistica del “termine delle lezioni”. Il problema è affrontato diffusamente dall’avv. Marco Barone in un articolo pubblicato su “OrizzonteScuola”.
Comunque il provvedimento è un passo avanti!

L’urgenza di un modello

Adesso tutto passa alle scuole. Queste devono elaborare un modello di liberatoria fondato giuridicamente. Il documento deve essere ben strutturato, evidenziando le fonti legislative e soprattutto esplicitando il criterio che l’assenza di vigilanza diretta, non si traduce in un aumento di rischi per il minore.
Il compito è facilitato dal modello proposto dall’avvocato Marco Barone nel citato articolo e che riporto di seguito:

Un modello

Io sottoscritto …… nato a ……, il …… e residente in …… e io sottoscritta …… nata a …… il …… e residente in …… rispettivamente padre e madre esercenti/e la patria potestà o affidatari/i o tutori/e dell’alunna/o …… nato a ……, il …… e residente in ……, frequentante attualmente la classe …… sezione …… della scuola ……

Visti gli gli artt. 2043, 2048 e 2047 del Codice Civile:
Visto l’art. 61 della legge n. 312 11/07/1980;
Visto l’articolo 591 del C.P.
Visto l’articolo 19 bis del DECRETO-LEGGE 16 ottobre 2017, n. 148 convertito con modificazioni dalla L. 4 dicembre 2017, n. 172 (in G.U. 05/12/2017, n. 284).
Essendo consapevoli che l’incolumità dei minori è un bene giuridicamente indisponibile;

a) dichiarano di essere impossibilitati di garantire all’uscita da scuola, al termine delle lezioni come da D.L. 148 del 2017 articolo 19 bis, la presenza di un genitore o di altro soggetto maggiorenne;

b) descrivono il tragitto casa-scuola ……………………………………………………………………………………..

e dichiarano che il minore lo conosce e lo ha già percorso autonomamente, senza accompagnatori;

e) si impegnano a dare chiare istruzioni affinché il minore rientri direttamente al domicilio ivi considerato;

f) si impegnano ad informare tempestivamente la scuola qualora le condizioni di sicurezza abbiano a modificarsi o siano venute meno le condizioni che possano consentire l’uscita da scuola del minore senza accompagnatori;

g) Nel caso di utilizzo di trasporto scolastico si esonera dalla responsabilita’ connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza nella salita e discesa dal mezzo e nel tempo di sosta alla fermata utilizzata,e al ritorno dalle attivita’ scolastiche e nel tragitto dall’uscita di scuola al mezzo di trasporto scolastico e viceversa .

Il suddetto provvedimento di autorizzazione, adottato dal Dirigente Scolastico, potrà essere revocato con atto motivato, qualora vengano meno le condizioni che ne costituiscono il presupposto.

Fonte OrizzonteScuola

    

Cyberbullismo, invariate le responsabilità, ma…

Cyberbullismo, invariate le responsabilità

Responsabilità invariate sul cyberbullismo. Non significa, però azzerare l’esistente.

Cyberbullismo, invariate le responsabilità  dei docenti e dirigenti . Questa è la posizione del Miur,  che implicitamente, però conferma quelle esistenti.

Le linee di orientamento

Nel mese scorso il Miur ha emanato le linee di orientamento. Sostanzialmente, come  ho scritto in precedenza, sono “un’espansione concettuale” della legge 71/17. Hanno però il merito di definire meglio due aspetti  trattati poco o per nulla: l’ammonimento e la responsabilità civile e penale dei docenti di fronte ai casi di cyberbullismo.
Su quest’ultimo aspetto si legge nel documento : “Ai docenti referenti, così come ai dirigenti scolastici, non sono quindi attribuite nuove responsabilità o ulteriori compiti, se non quelli di raccogliere e diffondere le buone pratiche educative, organizzative e azioni di monitoraggio, favorendo così l’elaborazione di un modello di epolicy d’istituto” ( pag.10).
In alcuni incontri tenuti con i referenti cyberbullismo, cito spesso passaggio. Sicuramente riduce le zone d’ombra sulle responsabilità. Una conferma di questa mia corretta interpretazione l’ho avuta con un articolo apparso sul quotidiano “ItaliaOggi”.
Pertanto il referente Cyberbullismo  ( art. 4 comma 2 Legge 71/17) non dovrebbe essere chiamato in giudizio per inadempienze. In altri termini: chiarito il dubbio sull’eventuale condivisione di responsabilità  con il Dirigente Scolastico.

Allora tutto bene? Resta “La culpa in organizzando”…

Cyberbullismo, invariate le responsabilità? Implicitamente, però sono  confermate quelle già esistenti. Queste si declinano nella “Culpa in organizzando” e in quella “in educando”.
La prima afferisce alla figura del Dirigente. Qualche tempo fa il Prof. De Luca ha scritto un contributo molto utile per il bullismo, ma che può essere esteso anche alla sua forma online: Si legge nel documento:  Al Dirigente Scolastico  ” non spettano, invece, compiti di vigilanza sugli alunni, ma obblighi organizzativi di amministrazione e di controllo sull’attività degli operatori scolastici e un’attività di custodia (ex art. 2043 e 2051 c.c.), ai dirigenti scolastici.. In sostanza il dirigente scolastico sarà ritenuto responsabile, ex art. 2043 c.c., nel caso in cui non abbia posto in essere tutte le misure organizzative per garantire la sicurezza nell’ambiente scolastico e la disciplina tra gli alunni (culpa in organizzando).
Ho evidenziato in grassetto la parte che maggiormente si rapporta con il fenomeno del cyberbullismo.

E quella in “educando”

Medesima responsabilità coinvolge l’insegnante di classe. Sempre nello stesso documento si trova il seguente passaggio: ” Ma, come si diceva, l’atto di bullismo a scuola non è rilevante solo per il suo autore e la sua vittima, ma si traduce in forme di responsabilità, scaturenti dall’omissione dell’obbligo di vigilanza, anche per i docenti, per gli ausiliari… ”
A conferma di quanto scritto dal professor De Luca, la giurisprudenza ha confermato   (sentenza Tribunale di Brescia numero 1955, pubblicata il 22 giugno 2017) che la presenza dello smartphone a scuola può  prevedibilmente portare ad effettuare riprese audio-video postate successivamente nel Web ( leggi precedente articolo).

 

Invariate le responsabilità sul cyberbullismo? Dalla lettura sulle linee di orientamento così sembra. Implicitamente è confermato l’esistente.