Archivi tag: Rientro a scuola

Rientro a scuola a settembre, sono molte le criticità!

Rientro a scuola a settembrere

Rientro a scuola a settembre, il Governo lo dà per certo. Tante però sono le criticità da superare

Rientro  scuola a settembre.. Mancano poche settimane all’inizio del nuovo anno scolastico e diverse sono le criticità a livello sanitario e organizzativo. Si riuscirà ad aprire con una certa efficienza e sicurezza?

Continua a leggere

Rientro a scuola, le mascherine diranno molto

Rientro a scuola con mascherine

Rientro a scuola, l’importanza del tipo di mascherina che il personale scolastico adotterà dirà molto .

Rientro a scuola, si parla tanto di banchi monoposto. Poco delle mascherine. Eppure Il tipo di Dispositivo di protezione individuale dato in dotazione al perdonale scolastico dirà molto sul grado di attenzione dell’Amministrazione nei confronti dei suoi dipendenti.

Rientro a scuola, si parla tanto di banchi monoposto

Rientro a scuola, in queste ultime settimane l’attenzione si è concentrata sulla fornitura dei banchi monoposto. Molti hanno ritenuto che nessuna azienda o  consorzio può produrre quasi tre milioni in un periodo molto breve (tre settimane) e in agosto. Ieri il Ministro Azzolina e il commissario straordinario Domenico Arcuri hanno annunciato  che il bando per la fornitura non è andato deserto. Quest’ultimo ha dichiarato: “Sono state presentate 14 offerte, un risultato ritenuto soddisfacente – spiega la nota dell’ufficio stampa del commissario straordinario – . Oltre alle imprese italiane, tra i proponenti vi sono anche aziende estere. La Commissione giudicatrice si è subito insediata e si è messa al lavoro per poter aggiudicare la gara entro il 12 agosto, come previsto dal bando”

Le mascherine diranno molto agli insegnanti

In questo contesto le mascherine hanno subìto un declassamento. A mio parere, invece, possono fornire un messaggio implicito molto chiaro agli insegnanti e in genere a tutto il personale scolastico.
La mascherina è un Dispositivo di protezione individuale (Dpi) ritenuto dal Cts non necessario per i piccolini della scuola dell’infanzia. La loro presenza, invece, è incerta per gli allievi della scuola primaria. Obbligatorio il loro uso per i gradi successivi.
Gli insegnanti e il personale scolastico, in genere, indipendentemente dal tipo di scuola nella quale lavorano, dovranno indossarlo sempre.
In questi mesi abbiamo appreso che nel nostro caso  esistono i seguenti tipi di mascherine:
1) Mascherine chirurgiche
2) Mascherine  FFP1, FFP2, FFP3)
Le prime di color azzurro sono le più diffuse, anche perché più economiche. Queste proteggono gli altri da possibili nostre infezioni. Quindi ottimo il filtraggio dell’aria in uscita, meno quello in entrata. Non a caso sono chiamate anche mascherine altruiste.
La seconda tipologia di mascherine accompagnate dalla sigla FFP (filtranti facciali per la protezione individuale) hanno un altro tipo di efficacia, Proteggono anche chi le indossa. Il numero (1,2,3) definisce il grado di protezione. Ovviamente la perfezione o quasi (98%) di copertura è offerta dall’ultima.
Fatta questa doverosa premessa, nelle linee guida generali  (28 maggio 2020) e  in quelle per i piccolissimi (0-6) si citano quelle chirurgiche (azzurre?). Il protocollo sicurezza (6 agosto 2020), invece, non le cita, limitandosi a fare riferimento alla valutazione del rischio e ai documenti del Cts.
Mi auguro che tutto il personale scolastico sia dotato delle mascherine FFP3 (massima protezione). Sarebbe un bel segnale di attenzione verso il lavoratore (D.Lg 81/08), esposto per molte ore a un possibile contagio, tenendo presente che il 33% degli insegnanti (over 55) rappresentano soggetti ad alto rischio.

 

 

Rientro a scuola, gli insegnanti i grandi dimenticati

Rientro a scuola

Rientro a scuola a settembre, si parla della sicurezza degli studenti. Ma quelli che rischiano maggiormente sono i docenti

Rientro a scuola a settembre. In presenza e tutti in classe senza sdoppiamenti. Si parla poco degli insegnanti i più esposti ai rischi sanitari e professionali.

Rientro a scuola a settembre, l’annuncio di quest’estate

Rientro a scuola a settembre. Governo, genitori lo hanno posto come la priorità di quest’estate. Lo ripete continuamente la Ministra Azzolina, nonostante oggettive difficoltà quali la mancanza di aule, di docenti (pochi i 40.000)… I Piani di rientro (l’ultimo quello per l’infanzia) rappresentano dei problemi, più che delle soluzioni. La lista dei problemi si conclude con i banchi monoposto. Ne serviranno 2,5 milioni. Tanti, troppi.
Questo breve elenco di difficoltà fa comprendere che la reiterazione dell’annuncio, divenuto impegno per il governo, sia percepito come un modo per auto-convincersi che l’obiettivo  sia possibile, a portata di mano. Staremo a vedere.

Gli insegnanti i grandi dimenticati

Da questo dibattito sono assenti gli insegnanti. Di loro si parla poco. Nessun cenno ai rischi sanitari e professionali. Scrive A. Giuliani ” Secondo la Commissione europea, ad esempio, nel 2017 oltre la metà (58%) dei docenti della scuola primaria e secondaria aveva più di 50 anni (contro il 37% nell’Ue) e il 17% superava i 60 anni (contro il 9% nell’Ue” L’OCSE è ancora più precisa: gli over 55 rappresentano il 33%. Questi saranno messi sotto stretta sorveglianza sanitaria e se la copertura immunitaria non sarà ritenuta adeguata verranno  dichiarati temporaneamente inidonei. Ottima soluzione. Intanto, però dovranno affrontare i primi giorni, le prime settimane con tutti i rischi presenti e ormai ben conosciuti.
I D.S. stanno chiedendo, attraverso i loro sindacati un aggiornamento della responsabilità civile e penale per renderle più eque e sostenibili. Sicuramente per i Dirigenti Scolastici i rischi diminuiranno, grazie al protocollo sicurezza e a quello locale. Essi dovranno solo mettere nero su bianco le diverse disposizioni.
A questo punto la palla passa ai docenti (responsabilità civile e penale). Essi dovranno far rispettare queste disposizioni. Impresa difficilissima con allievi della scuola primaria. Certamente la prevalenza del distanziamento statico su quello dinamico, lasciato quest’ultimo (forse) all’uso delle mascherine da parte degli studenti non faciliterà il compito. Per non parlare poi della gestione dei movimenti a mensa o nei corridoi.
Di fronte a questo scenario ad alto rischio denuncia da parte dei genitori degli studenti contagiati, i sindacati cosa fanno? Non si hanno notizia di richieste di tutela per i docenti. Pessima notizia.