Archivi tag: Saggezza digitale

Formare l’identità digitale, la grande sfida!

identità digitale

La formazione dell’identità digitale non si riduce alla conoscenza di algoritmi. Rimanda alla sfera dell’educazione.

Formare l’ identità digitale , la grande sfida per la scuola e non solo. Diversa da quella fisica, anche se collegata. E’ un’opportunità per dare senso e sistematicità a tanti progetti. Gli aspetti significativi di questo profilo liquido, ma immortale.

L’identità digitale stenta ad affermarsi

Da sempre il conseguimento dell’identità fisica ha rappresentato un elemento di certezza! Quasi sempre definita, anche se “in progress”. E’ costituita da esperienze, riflessioni, che quasi sempre necessitano del corpo per raggiungere il loro scopo comunicativo.
Oggi a questa si affianca quella digitale, che sfugge sistematicamente alle attenzioni della scuola, della famiglia. Uno dei motivi deriva dalla concezione strumentale che accompagna molti progetti di informatica. Quasi sempre l’aspetto formativo, quello profondo non emerge, lasciando lo spazio ad una certa frammentarietà e riduzione del tutto ad un insieme di procedure.

L’identità digitale è la vera sfida

L’attenzione e il perseguimento di questo mega-obiettivo permette di andare oltre l’algoritmo, necessario ma non sufficiente a caratterizzare l’approccio educativo della scuola. La costruzione di un’identità digitale costruttiva si coniuga perfettamente con l’orizzonte  delineato dalla “saggezza digitale” (M. Presky). Questa si definisce tra l’altro, come la consapevolezza del valore aggiunto delle tecnologie ad “aumentare la mente”, step intermedio per la formazione, mai chiusa, dell’identità digitale.

Il ruolo della comunicazione scritta  per la formazione dell’identità digitale

Il fondamento di questo profilo 2.0 è la comunicazione multimediale. Questa, pur caratterizzata dalla simultaneità di linguaggi, conferma la centralità dello scritto. Questo posizionamento strategico è dato dalla prevalente assenza dei metamessaggi del corpo ( intonazioni e inflessioni della voce, postura, sguardi…). Da qui la necessità che la comunicazione scritta sia formalmente corretta. Nello stesso tempo  occorre essere consapevoli  che la parola nel web è eterna e raggiunge un pubblico molto più ampio, contribuendo significativamente alla costruzione di un’identità che si basa, in assenza del corpo,  sulle sensazioni.

 Necessaria anche un’adeguata riflessione

A questo aggiungo che l’identità digitale si basa sulla riflessione delle scelte che rifuggono dal comportamento compulsivo di cliccare “I like” e che prima di condividere e commentare  post ne verificano la fondatezza culturale, scientifica. La creazione e la diffusione  di fake news comporta conseguenze che possono compromettere anche in un tempo lungo  la reputazione online di una persona, fino ad arrivare di compromettere chiamate di lavoro. Ovviamente la stessa cura deve riguardare anche foto e video che devono essere coerenti con l’avatar e le notizie della propria biografia. Non ultima anche la saggia riflessione di cosa condividere di sé con il grande pubblico silenzioso, ma attento lettore e osservatore,  del Web.

I rischi esterni per la costruzione di un’identità digitale

Fin qui le azioni che afferiscono al soggetto e che rimandano al concetto più generale della “cura”. Lo stesso approccio occorre porre di fronte ai pericoli esterni: furto di identità, cyberbullismo… Da qui la necessità di acquisire una’adeguata consapevolezza dei rischi che possono compromettere l’identità digitale, attivando una serie di protezioni ( aggiornamenti del S.O. presenza di un antivirus ricco di funzioni, password complesse…), rifiutando “la richiesta di connessione” (=amicizia)…
Potrei continuare, ma ritengo di aver dato un’idea dell’impegno complesso che comporta la costruzione di un’identità digitale, che la scuola e la famiglia non possono ignorare. E’ in gioco il futuro dei nostri figli, categoria che rimanda necessariamente all’identità.

 

GDPR, il problema non è il consenso del minore

GDPR

Il problema non è il consenso, ma l’impegno a curare la propria identità.

Il GDPR ( regolamento europeo sulla protezione dei dati) e il decreto di adeguamento (101/18) legittimano il consenso del minore al trattamento dei dati personali. L’atto comporta un impegno per il futuro.

Il GDPR e il decreto danno fiducia al minorenne

Il GDPR e il decreto nazionale di adeguamento al trattamento dei dati personali(101/18), esprimono un atto di fiducia verso il minore. In altri termini, egli entra nella maggiore età, perché può gestire autonomamente la propria identità digitale, esprimendo il consenso al trattamento dei propri dati personali.
Si legge nel GDPR (art. 8 comma 1):”per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale.”
Il decreto di adeguamento nazionale fissa in quattordici anni l’inizio della maggiore età digitale, uniformando il GDPR al codice penale ( art. 97)  e alla legge per il contrasto al cyberbullismo (L.71/17).

Il consenso è facile, “il bello viene dopo”

Ora Il consenso non comporta difficoltà. E’ sufficiente leggere le condizioni “della società dell’informazione” (Facebook, Instagram, WhatsApp…) e firmare. E’ necessario, invece, che il ragazzo divenga consapevole che il  consenso comporta un impegno nella cura della sua identità integrata. Questa infatti è costituita da un mix di reale e virtuale. I due profili non sono separati. Sempre più ibridi (ancora per poco?), si “contaminano” frequentemente. Non a caso L. Floridi sostiene che il nostro esser-ci ( M. Heidegger) sia “.onlife”
A differenza di quella reale, la nostra identità virtuale è immortale. I nostri dati personali rimarranno nel Web. Per sempre!  Fisseranno il nostro profilo! Non potremmo cambiarli, anche se nel frattempo la vita nel suo divenire ci farà essere “altro”, rispetto al nostro passato. Ad esempio, “questa documentazione” depositata nel Web  potrà favorire o compromettere le nostre possibilità lavorative (già oggi molte aziende fanno ricerca nel Web, prima di assumere).

“La saggezza digitale” del ragazzo

M. Prensky parla sempre più di “saggezza digitale”. Usa sempre meno l’altra sua espressione di “nativo digitale”. Nel caso specifico per il ragazzo l’entrata nella maggiore età digitale, deve comportare un cambio di prospettiva temporale.  E’ necessario che egli sia  capace saggiamente di anticipare il futuro, curando la propria immagine digitale immortale con puzzle ( immagini, video, testi…), che già oggi possono confermare i rapporti “de visu” e un domani essere utili per il lavoro.  Il   riversamento  nella realtà,  risulterà sicuramente positivo e proficuo se la  percezione del  profilo digitale  si avvicinerà  all’essere della persona. Non dimentichiamo che ogni relazione, soprattutto quella virtuale, si basa essenzialmente sul sentire. Solo l’approfondimento, che ancora oggi avviene “occhi negli occhi”, può svelare la profondità del nostro essere. Questo momento però, non può essere imposto.

La “saggezza digitale” una “mission impossible”?

Non è difficile comprendere che l’impresa per un quattordicenne è quasi una “mission impossible”. E qui entra in gioco il ruolo  dell’adulto, che dovrà ricoprire il compito di guida (il futuro)  e di compagno (il presente come contesto che anticipa il futuro).

 

GDPR, il consenso “italiano” del minore

GDPR

GDPR dal consenso “europeo” del minore a quello “italiano”. Un adeguamento alla legislazione vigente

Il GDPR entrato in vigore dal 25 maggio 2018 conferma alcune regole. Ne stabilisce, però, delle nuove. Tra queste ultime, possiamo inserire il consenso del minore. Prima “europeo” e poi “italiano”

Il GDPR e il consenso del minore al trattamento dei suoi dati personali

Si legge nel GDPR e precisamente all’art. 8 comma 1:
Qualora si applichi l’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), per quanto riguarda l’offerta diretta di servizi della società dell’informazione ai minori, il trattamento di dati personali del minore è lecito ove il minore abbia almeno 16 anni. Ove il minore abbia un’età inferiore ai 16 anni, tale trattamento è lecito soltanto se e nella misura in cui tale consenso è prestato o autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale. 
Tale direttiva è stata ripresa nelle prime indicazioni del garante della Privacy (Febbraio 2018).  “Il consenso dei minori è valido a partire dai 16 anni (il limite di età può essere abbassato fino a 13 anni dalla normativa nazionale); prima di tale età occorre raccogliere il consenso dei genitori o di chi ne fa le veci.”
Il comma stabilisce la nuova maggiore età del ragazzo (16 anni). Se vogliamo usare l’espressione di M. Prensky il sedicenne  consegue la saggezza digitale (wisdom digital), perlomeno entra in questa nuova fase della vita dove è richiesto un “uso avveduto della tecnologia per migliorare le nostre capacità”

Lo schema legislativo e il parere del Garante della Privacy

Compito del governo è stato quello non di abolire il Decreto legislativo 196/03, bensì di armonizzarlo con le direttive del GDPR. Da qui lo Schema di decreto legislativo (approvato l’8 agosto 2018) “recante disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento”. Sul testo è stato sentito anche il parere non vincolante del Garante della Privacy. Ecco il risultato per quanto riguarda il consenso del minore, richiesto dalle società dell’informazione (Facebook, Instagram…) : “Con riferimento, poi, al consenso del minore in relazione ai servizi della società dell’informazione il Garante non condivide il limite dei 16 anni contenuto nell’art. 2-quinquies del Codice come modificato dallo schema di decreto, poiché tale limite non appare coerente con altre disposizioni dell’ordinamento che individuano, invece, a quattordici anni il limite di età consentito per esercitare determinate azioni giuridiche. Si pensi, fra le tante, alle disposizioni in materia di cyberbullismo che consentono al minore ultraquattordicenne di esercitare i diritti previsti a propria tutela contro atti di cyberbullismo nei suoi confronti (v. art. 2, c. 1, l. n. 71 del 2017).
Conclusione, i quattordici anni costituiranno il limite del “consenso italiano” richiesto al minore per il trattamento dei suoi dati personali.