Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

“Blu Whale”. La conferma di una preoccupante assenza!


In quest’ultimo periodo sempre più si parla dell’ultima follia “Blu Whale“. La pratica è definita da qualcuno gioco. Lo è con la differenza che il provare i propri limiti nel tentativo di superarli – motivazione che sta alla base di ogni gioco –   porta al suicidio!
Nasce in gruppi chiusi o segreti dei social, guidati da tutor. Le reclute sono inserite attraverso la pratica dell’adescamento, favorite dal vuoto educativo e dalla “superficialità” procedurale, che costituiscono la nuova condizione di solitudine dei nostri ragazzi -spiegherò più avanti chi sono in primis i responsabili di questa situazione.  In pratica gli incauti o i consapevoli ragazzi devono superare 50 prove, fino ad arrivare a quella estrema: il proprio suicidio!
E’ l’ultimo esempio dell’idiozia umana, espressione del Thanatos freudiano che può rivolgersi anche contro se stessi  e che diventa un unicum con il bisogno del ragazzo di riconoscersi in un “io”, grazie all’attenzione che qualcuno gli rivolge. E questo riconoscimento oggi avviene spesso   nel Web. In questo gli ” i like” svolgono un ruolo importante. Mutuando il cogito cartesiano si potrebbe affermare oggi che “I like” fanno essere. Il Web, declinato nei media sociali, nei servizi di IM, assume le caratteristiche di ambiente virtuale, dove nel gioco di mascheramento-smascheramento del proprio  “io”, inteso come unità psicosomatica,  il ragazzo trova “protezione” e  “rifugio”   a quello reale, spesso aspro, complesso, impegnativo, foriero di  sofferenze e di solitudine.
In questa situazione si registra una grande assenza: i genitori! Il fenomeno dell’idiozia “Blu Whale” ne è una prova! Dove sono i genitori-educatori di quei ragazzi/ni che entrano in questo  meccanismo perverso e autodistruttivo?
Essi sono gli unici responsabili di questa situazione! E tutto questo inizia, consegnando loro lo smarthphone a 9-10 anni. La Rete ha una responsabilità secondaria, indiretta, favorita da questa assenza. La sua navigazione richiede una patente, costituita da conoscenze e abilità informatiche “profonde”. Nelle mie conferenze lo dichiaro spesso: ” Dareste la vostra auto a un non patentato?”  Essi sono i primi responsabili (“patria genitoriale”) delle “cretinate” informatiche dei propri figli, perché lasciati soli a gestire la loro navigazione nel Web, in quanto anch’essi (i genitori) sono privi di quel profilo informatico competente. 
Ne consegue che i ragazzi “compilano la la loro patente di navigazione” attraverso i tam tam della Rete, le conversazioni, le “dritte” degli amici reali. Con buona pace dei genitori!

Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Cyberbullismo. Aprile/Maggio: i mesi dello smartphone!


Tra aprile e maggio la vendita degli smartphone aumenta. Il motivo: le prime Comunioni!
Il dispositivo, evoluzione del cellulare, è l’oggetto del desiderio dei bambini! E i genitori, la maggior parte di loro sostiene questo desiderio, indirizzando spesso il parente all’acquisto.
E poi? Da quel momento il bambino vive un momento di iniziazione o di maggiore presenza nel Web e dintorni.
Tra media sociali e servizi di messaggistica istantanea (IM ) e altro inizia o si accentua la sua separazione dalla vita reale, creandosi falsi o reali profili. Il tutto in perfetta solitudine, grazie all’assenza dei genitori, i quali consegnano questo “coltellino svizzero” ( smartphone ) agli ignari figli che  gradualmente si formano al suo uso, ascoltando i consigli e i suggerimenti degli “esperti quasi coetanei”.
In mano ai bambini lo smartphone diventa un  oggetto pericoloso perché li espone alla lettura, alla visione di tanti spettatori, spesso silenziosi. Non si è mai soli nel Web! la nostra presenza può avere una significativa platea!  La probabilità che   ci siano cyberbulli o adescatori sessuali online ( fenomeno del grooming ) è molto alta. E’ necessario ricordare che tra questi spettatori potrebbero esserci molti abitanti del “dark Web”, costituito da ambienti virtuali pedopornografici, o che incitano alla violenza fisica, al razzismo…
E’ necessario che i genitori riprendano le redini dell’educazione, intesa come indirizzo, guida alla navigazione sicura nel Web. Per conseguire questo, dopo aver consegnato loro il dispositivo, è indispensabile che si mettano accanto ai propri figli, fornendo loro le mappe e la bussola del virtuale. Ovviamente nulla si improvvisa! La presenza del genitore, deve essere sostenuta da un bagaglio di conoscenze informatiche e procedurali adeguate alla navigazione sicura.
Del resto chi farebbe guidare ad una persona senza patente una macchina?

Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Il selfie. Il contesto narcisista e…


Il selfie ( l’autoscatto ) spesso è associato al narcisismo.
L’affermazione ha un suo fondamento. le persone che amano farsi l’autoscatto in modo compulsivo, lo fanno spesso  per mostrare un’altra immagine di sé, evidenziando una certa insofferenza per il loro reale aspetto fisico o tratto psicologico. Operano una manipolazione della realtà.
Ora, il selfie può supportare anche il desiderio di apparire “uno, nessuno,centomila”. Il titolo del romanzo di L. Pirandello si declina  nel nostro contesto liquido con l’espressione “personalità multiple”. Chi opera in questo modo decide di “postare” immagini di sé, diverse, in alcuni casi contraddittorie, variabili dipendenti del gruppo o  media sociale di destinazione. Pertanto egli si presenta in versione “dark”, “hard” o “soft”… in rapporto ai potenziali spettatori. Nel gioco degli specchi  mente anche a se stesso, rappresentando  una realtà falsificata. Queste istantanee servono per nascondere il vuoto che avverte dentro di sé. In questo contesto il narcisista porta a livelli preoccupanti il suo desiderio di apparire e di essere accettato. La stima  continuamente ricercata, infatti , è consolidata dal numero dei “like” registrati o dai commenti postati. Se una determinata foto non produce gli effetti desiderati, è sostituita con un’altra nella speranza di ottenere le dovute attenzioni. E così via.
Fortunatamente non tutti i selfie esprimono questa personalità. Ci sono anche, i documentaristi. Essi puntano ad un album fotografico che racconti i momenti più significativi della loro esistenza (festa dei diciotto anni, festa di laurea, …), oppure comunichi un messaggio forte  di rottura con una certa tradizione ( ragazze di religione musulmana senza velo…).
In entrambi i casi, spesso manca l’album fotografico che una volta rappresentava il racconto non scritto della propria vita. Quasi tutto quello che fotografiamo entra in un frullatore che ci restituisce il nulla. In altri termini, difficilmente stampiamo le foto. Facilmente  le dimentichiamo nella memoria del dispositivo e quando questa è quasi piena, allora le sacrifichiamo per liberare spazio. In questo modo ci regaliamo una biografia con diversi segmenti senza storia, cioè priva di istantanee di eventi  che con i loro colori e sensazioni hanno contribuito a dare senso  alla nostra esistenza e che invece di trattenere e conservare  consegniamo “all’ospite inquietante che si aggira tra noi: il Nulla ( F. Nietzsche ).