Archivi tag: Sindacati

Le proposte contrattuali 2019-21 dei sindacati scuola

Le proposte contrattuali

Le proposte sindacali per il rinnovo del contratto 2019-21 risultano generiche e poco concrete.

Le proposte contrattuali dei sindacati scuola risultano generiche, dimenticando in qualche caso  la normativa vigente. Risultato: avremo gli adeguamenti contrattuali stabiliti dalla legge di Bilancio 2020. Punto.

Continua a leggere

Aumenti contrattuali, la strategia incomprensibile dei sindacati, che però…

Aumenti contrattuali

I sindacati riprendono il solito copione. Al termine potranno sempre dire…

Aumenti contrattuali, i sindacati ripetono lo stesso copione: chiedere l’impossibile, basandosi sull’ accordo di aprile ’19 ormai superato di Alla fine potranno sempre dire…

Aumenti contrattuali i soliti annunci dei sindacati

Aumenti contrattuali a breve dovrebbero riprendere le trattative. I sindacati chiedono  molti soldi per un contratto economico decoroso. Questa mattina il quotidiano “Italia Oggi” titolava: Azzolina-sindacati, nodo risorse. Le sigle chiedono certezze: servono altri 900 milioni (sottotitolo). Questo l’obiettivo “per arrivare ad avere un aumento medio di 100 euro al mese al termine del triennio 2019-21. Fioramonti è andato via, ma il nodo resta sempre quello: avere risorse aggiuntive“.
La posizione dei sindacati è coerente rispetto  all’accordo (23 aprile 2019) firmato con il governo giallo-verde che recitava: “Sul fronte del rinnovo del contratto dei dipendenti della scuola, scaduto lo scorso 31 dicembre, le parti concordano sulla necessità di avviare quanto prima gli incontri per giungere al nuovo contratto di lavoro. Considerate le scarse risorse finora accantonate per innalzare gli stipendi degli insegnanti, tra i più bassi d’Europa, il governo si è impegnato a reperire maggiori finanziamenti per centrare un duplice obiettivo: recuperare, nel corso del prossimo triennio, la perdita del potere d’acquisto delle retribuzioni e avvicinarle il più possibile ai livelli europei, dove un docente tedesco guadagna circa il doppio di un collega italiani”

La solita strategia del sindacato

Tutto questo avrebbe un senso, se non esistesse la cornice legislativa. In altri termini, qualunque richiesta deve fare i conti con la legge di Bilancio  2020 (160/2020), la quale a sua volta è fortemente condizionata dal D. Lvo 29/93 che stabilisce aumenti contrattuali pari all’inflazione programmata. Il legame si traduce in questo passaggio” l’ incremento delle retribuzioni medie complessive del personale appartenente al settore Stato pari all’1,3 per cento per il 2019, all’1,9 per cento per il 2020 e al 3,49 per cento a decorrere dal 2021“. In sostanza 80€ lordi a regime. che recita: ” l’ incremento delle retribuzioni medie complessive del personale appartenente al settore Stato pari all’1,3 per cento per il 2019, all’1,9 per cento per il 2020 e al 3,49 per cento a decorrere dal 2021“. In sostanza 80€ lordi a regime.
Apparentemente risulta incomprensibile la richiesta sindacale di avanzare proposte senza fondamento giuridico. Ritengo che essi siano a conoscenza dei contenuti della legge di Bilancio e della gabbia del D.Lvo 29/93.
Ma se andiamo in profondità la strategia sindacale ha una logica sintetizzabile in “abbiamo provato a chiedere di più… ci siamo impegnati tanto, ma non abbiamo ottenuto quanto da noi richiesto.” No comment!

Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione?

Intesa governo sindacati sulla regionalizzazione

Intesa Governo-sindacati, arriva la prima smentita. La regionalizzazione riprende il suo cammino

Intesa Governo-sindacati, arriva la smentita sulla regionalizzazione. Era prevedibile, considerando la data dell’accordo. Ed ora i sindacati come reagiranno?

Intesa Governo-sindacati, smentita sulla regionalizzazione

Intesa Governo-sindacati. Il documento che aveva sancito la pax, o quanto meno la tregua tra i protagonisti, sembra ricevere il primo colpo basso. Ha dichiarato il vice premier e ministro dell’interno M. Salvini  sul progetto dell’autonomia differenziata:”Indietro non si torna!”
La dichiarazione mette fine alla pax elettorale. Il tema era stato accantonato. Troppo divisivo e condizionante il voto europeo.
L’intesa del 23 aprile tra il governo e i sindacati deve probabilmente essere letta come un esempio di questa pax.  Si leggeIl Governo si impegna a salvaguardare l’unità e l’identità culturale del sistema nazionale di istruzione e ricerca, garantendo un sistema di reclutamento uniforme, lo status giuridico di tutto il personale regolato dal CCNL, e la tutela della unitarietà degli ordinamenti statali, dei curricoli e del sistema di governo delle istituzioni scolastiche autonome.”
Dichiarazione chiara e nello stesso tempo ambigua. Conferma l’unità dello Stato, ma non dice nulla sull’autonomia differenziata o regionalizzazione! Non poteva essere diversamente. In un ambito diverso, conferma quanto previsto dall’art. 5 della Costituzione: “La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi e i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento”
Ed ora cosa faranno i sindacati che hanno sottoscritto l’accordo? Attendiamo, ma con maggiore sfiducia verso i  suoi rappresentanti. Cui prodest?

Intesa governo-sindacati, un sostegno elettorale per l’esecutivo?

Intesa governo-sindacati

Intesa governo-sindacati, strategia elettorale o altro?

Intesa governo-sindacati, testo vago e indefinito. Indeterminato negli strumenti, ma chiaro e ridondante nell’enunciazione dell’impegno governativo. A molti sembra una mossa elettorale per evitare guai il 26 maggio 2019 (elezione europea).

Continua a leggere