Archivi tag: sindacato

Contratto 2019-21, il solito canovaccio

Contratto 2019-21

Contratto 2019-21, la previsione è un esercizio facile, facile. Purtroppo!

Contratto 2019-21, si riaprono i giochi. I soliti giochi.  Si inizia con le dichiarazioni, segue l’indignazione dei sindacati e si concluderà con la firma di questi ultimi. La scena finale è facilmente prevedibile.

Continua a leggere

Orario docenti, 30 ore. Manca qualcosa…

Si torna a parlare di aumento dell’orario dei docenti. Si dimentica, però…

Orario docenti, torna l’idea di aumentarlo. I problemi però rimangono.
Difficile pensare a scenari positivi se non cambiano alcune condizioni.

Orario docenti, torna alla ribalta

E’ online il Piano Nazionale di formazione dei docenti 2016-2019. Un gruppo di lavoro ha ipotitizzato un aumento di lavoro fino a 30 ore. Si legge sul portale tecnicadellascuola.it  ” La ‘consistenza’ temporale del lavoro docente non dovrebbe coincidere con la pura prestazione di ore-lezione-cattedra (tra l’altro diversamente configurate per livello scolastico), ma orientarsi verso un orario ‘all inclusive’ in cui abbiano pari dignità giuridica le ore di insegnamento diretto in aula; le attività di tutoraggio, accompagnamento, recupero; i momenti di studio, progettazione, formazione. Secondo alcune ipotesi questo orario onnicomprensivo si aggira sulle 30 ore settimanali.”

Sbaglio o manca qualcosa?

In linea teorica non sono contrario a un aumento di orario. La proposta però è priva di un importante aspetto. Mi riferisco al riconoscimento economico che deve essere adeguato all’aumento di impegno. Non se ne parla! Gli impegni sono certi e definiti, le risorse restano vaghe, incerte. E’ la conferma di una   politica ministeriale( Animatore Digitale, team per l’innovazione, referente per il contrasto al cyberbullismo, commissari d’esame concorso …) che ha metabolizzato ed espresso un mantra del finanzcapitalismo: l’ottimizzazione delle risorse umane! Tradotto: aumentare i carichi di lavoro ad invarianza salariale!

Un salario adeguato? Difficile! Impossibile 

L’obiettivo di un   riconoscimento economico adeguato, richiede un altro sindacato. Una parte sociale diversa da quella timida che oggi ha firmato il contratto, sostanzialmente confermativo,  perché identico a quello del 2007 nella parte giuridica e a quello del 2009 che ha ribadito  il riferimento al D.Lvo 29/93. Finché il sindacato sarà incapace di uscire dalla logica del “minimo salariale” spacciato per “incremento”, “aumento” sarà difficile andare oltre l’ottimizzazione delle risorse nella versione del finanzcapitalismo (L. Gallino) In altri termini, è molto probabile che in tempi brevi si arrivi all’aumento dell’orario di lavoro con il sostegno implicito dei sindacati.

Cgil scuola, proseguono i proclami, intanto…

Cgil scuola

Un esempio di distanza tra le parole e i fatti.

Cgil scuola, dopo il sindacato Cisl, fa proclami. Intanto, però ha quasi firmato un contratto indecente e irriguardoso.

Cgil scuola, il suo pronunciamento

Ha dichiarato la Cgil.scuola”Per guadagnare quanto un collega d’Europa un insegnante di infanzia e delle elementari dovrebbe avere – domani – un aumento in busta paga di 455 euro il mese. Un professore delle medie dovrebbe veder crescere lo stipendio di 363 euro, il collega delle superiori di 439 euro. Servirebbero, solo per questo, 6,8 miliardi… Il dato più importante, che discende dai primi due, lo abbiamo visto: il calo degli stipendi dei docenti italiani. E l’impietoso paragone con il resto dell’Europa avanzata. Solo nel 2009, penultimo contratto appena firmato, la retribuzione media del comparto era pari a 30.570 euro lordi. Nei sette anni successivi è scesa (con due piccoli recuperi nel 2011 e nel 2015) fino a toccare il pavimento nel 2016, ultimo anno rilevato: 28.403 euro lordi. Una perdita di 2.167 euro, il 7,1 per cento. Quest’anno, febbraio 2018, è arrivato il rinnovo del contratto della scuola e ha consentito una leggera crescita delle buste paga: 96 euro l’aumento medio per un docente, 84,5 euro per un amministrativo.”. Potrei proseguire, ma mi fermo qui.

Benissimo, ma il sindacato non ha le “carte in regola”

Mi chiedo come si fa ad affermare una significativa discrepanza tra un obiettivo significativo e il magro risultato ottenuto dalla Cgil-scuola? Non era meglio alzarsi dal tavolo e non firmare?  Ci vuole una grande immaginazione per definire la quota-contratto (mi riesce difficile definirlo come un “aumento” o incremento”) una “leggera crescita delle buste paga”. Io la definirei “leggerissima”, se consideriamo gli otto anni di blocco contrattuale. Determinazione ancora aperta ad  una peggiore, se il lordo dovesse risultare di “stato”.
Dimenticavo, il dossier o pronunciamento è finalizzato a vincere le prossime elezioni Rsu. A questo punto tutto ha senso, anche nascondere i fatti.