Archivi tag: smartphone

La responsabilità genitoriale non appartiene alla scuola, ma alla famiglia

 

La responsabilità genitorialeResponsa

La responsabilità genitoriale appartiene solo alla famiglia. La scuola può concorrere, ma non sostituirsi.

La responsabilità genitoriale è immune da equivoci. Eppure, un nuovo articolo chiede l’intervento sostitutivo della scuola. Non condivido. Ognuno ha campi d’intervento diversi, anche se in alcuni casi possono collaborare.

La responsabilità genitoriale non lascia dubbi

La responsabilità genitoriale non ammette interpretazioni. Riguarda solo i genitori. Eppure, aumenta il numero degli studiosi  che chiama in causa la scuola e il suo ruolo    sostitutivo, che necessariamente diventa pedagogico. L’ultimo esempio proviene dal seguente articolo:Spesso i bambini o i ragazzi sembrano molto soli davanti agli schermi dei loro smartphone. È questa solitudine a non essere sana, non l’uso dei dispositivi digitali in sé. Per questo è indispensabile che la scuola si assuma la responsabilità e l’incarico di educare all’uso della rete e al suo non uso, che dia bussole per scegliere, che faccia qualcosa di diverso da quello che possono e riescono a fare i genitori o l’ambiente familiare.”

La scuola non può sostituirsi alla famiglia

La posizione di Daniela Donato non è del tutto condivisibile. Mi trova d’accordo la parte che conferma il ruolo educativo della scuola, che si declina (nel nostro caso) nell’uso ragionato e critico dello smartphone. L’impegno, però non deve essere giustificato esclusivamente dalla deriva pedagogica dei genitori, ma deve rientrare nella più ampia progettualità della scuola.
Si ha l’impressione che i genitori non abbiano più tempo per i loro figli per ascoltarli,  giocare, rispondere ai tanti perché che caratterizzano il loro esser-ci. L’assenza di discorsi, parole, di sguardi, di prossimità corporale è sostituita da oggetti e dispositivi. Questi contribuiscono all’ampliamento della solitudine e quindi al consolidamento dell’incomunicabilità intergenerazionale.In questo i genitori si pongono agli antipodi della responsabilità genitoriale (2003).

La responsabilità genitoriale appartiene alla famiglia

La nuova espressione, che ha sostituito quella di potestà genitoriale (1975), dischiude un nuovo scenario. I figli non sono proprietà privata dei genitori, ma appartengono in un certo alla vita. Come scriveva il profeta Gibran ”
I vostri figli non sono figli vostri…
sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita.
Nascono per mezzo di voi, ma non da voi.
Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono.”
La responsabilità genitoriale sancisce il pieno riconoscimento del minore, come soggetto di diritti e la conseguente auto-appartenenza che lo libera dalla concezione proprietaria. Il superamento del rapporto padre e oggetto-figlio (patria potestà) diventa evidente, quando a quattordici anni, può dare il  consenso autonomo alla pubblicazione dei dati personali nel Web, oppure quando può chiedere la rimozione di foto postate dal genitore nel Web…
Ne consegue l’impegno dell’adulto a proteggerlo (innanzitutto) e a formarlo nei valori e nella convivenza civile, in modo che il minore possa esprimere tutte le potenzialità che caratterizzano il suo essere persona.
Tutto questo riguarda i genitori. E non altri soggetti o istituzioni, come la scuola, che sono chiamati a concorrere e non a sostituirsi alla famiglia.

 

La responsabilità genitoriale e il no allo smartphone

La responsabilità genitoriale

La responsabilità genitoriale passa necessariamente attraverso i no e sì. Nel caso dello smartphone no!

La responsabilità genitoriale passa attraverso dei  e dei no. Nel caso dello smartphone deve prevalere il no, almeno fino ai 12 anni. Diversamente i genitori abdicano alla loro funzione educativa.

La responsabilità genitoriale passa attraverso i “sì” e i “no”

La responsabilità genitoriale, può rimanere un concetto astratto o divenire il criterio di una prassi educativa adulta. In quest’ultimo caso si caratterizza per i si e i no. Le espressioni  diventano dense ( Baumann) se assumono la prospettiva della formazione della persona. Solo così l’azione educativa diviene responsabile, in quanto si apre  al futuro, andando oltre  il totem del desiderio. Questo è funzionale e quindi imposto  dal turbocapitalismo, che considera il bambino, il ragazzo un consumatore al pari dell’adulto..
E’ buona prassi motivare questi “si” e questi “no” davanti ai figli. Ciò comporta un dialogo articolato, che deve andare oltre il codice ristretto (Berstein), costituito da proposizioni principali , formulate  con una grammatica  semplice e un lessico ridotto. E questo già sarebbe un male minore. La versione postmoderna del codice ristretto è ancora più essenziale: la domanda è seguita da una   risposta minima. Un esempio: “Come andata, oggi? Risposta: “Bene!”.
Il giusto bilanciamento dei sì e dei no favorisce la pedagogia del limite, assente in molte relazioni educative, dove è il bambino a gestire i genitori.

Il no allo smartphone è un esempio di responsabilità genitoriale

Ha dichiarato un ispettore della polizia postale spagnola: “Gli esperti dicono che con meno di 12 anni non si dovrebbe avere un cellulare, men che meno con connessione a Internet.
WhatsApp non si dovrebbe avere prima dei 16 anni, lo dice la rete stessa di WhatsApp, ma questo non lo sa quasi nessuno.”
Quindi no allo smartphone prima dei 12 anni e a WhatsApp prima del sedicesimo anno. Interessante presa di posizione da parte di chi quotidianamente contrasta il fenomeno del cyberbullismo. La dichiarazione, infatti dovrebbe rappresentare il punto di partenza per un  no genitoriale responsabile e motivato. Una modalità educativa complessa e impegnativa che non tutti i genitori sono disposti a praticare.  Più semplice consegnare lo smartphone al bambino e lasciare poi che sia il Web a istruirlo!
Personalmente non comprendo il motivo per consegnare il coltellino svizzero 2.0 (smartphone) a un bambino o a un preadolescente. L’unica ragione valida è la sua reperibilità. Questa condizione è pienamente assolta dai nuovi modelli cellulari ( servizio di telefonia, di invio e ricezione di messaggi e foto. Punto).
In alcune scuole ho avanzato questa  proposta. Qualche genitore ha ribattuto: ” E che ci fa?”, “Non voglio che mio figlio sia diverso dai suoi coetanei!” Esempi di abdicazione educativa al ruolo di responsabilità genitoriale.

Smartphone e minori, la responsabilità è dei genitori

Smartphone e minori

Smartphone e minori, la prima responsabilità è sempre dei genitori. Dopo (forse) viene la scuola e gli insegnanti

Smartphone e minori, spesso si evidenzia la culpa in vigilando imputabile agli insegnanti. Si pone meno attenzione ai genitori che consegnano a un minore lo smartphone, senza adeguate istruzioni sul suo uso (Culpa in educando).

Smartphone e minori, l’eccessiva attenzione sugli insegnanti e meno…

Smartphone e minori, non è raro leggere contributi,  dove l’attenzione è riposta soprattutto sulla culpa in vigilando (art. 2048 c.c.). La culpa in educando che coinvolge i genitori, invece, è trattata meno.
Davanti a uno smartphone c’è un minore, una persona che ha ricevuto una determinata educazione. Questa costituisce lo sfondo entro il quale pensa e agisce il soggetto. In altri termini, rappresenta un elemento previsionale  dei comportamenti del soggetto. Questo non significa cadere in un facile determinismo, escludendo la libertà della persona. Sicuramente però l’impostazione educativa, che ha la sua maggiore  efficacia soprattutto fin verso i 9-11 anni, periodo che coincide con il regalo del dispositivo, può facilitare alcune ipotesi.

I primi responsabili sono i genitori

Ne consegue che di fronte ad atti di bullismo fisico e/o virtuale i primi responsabili siano i genitori. Soprattutto il secondo fenomeno  si alimenta grazie all’uso inadeguato  dello smartphone o del tablet. L’utilizzo  improprio  è il risultato senza se e senza ma della mancanza di direttive tecnico-educative da parte dei genitori. Siamo di fronte al caso in cui  i genitori non sono carenti dal punto di vista della sorveglianza, bensì dell’educazione. In altri termini, se chi esercita la responsabilità genitoriale, consegna a un minore un dispositivo, senza educarlo a un uso adeguato, allora egli è responsabile per il fatto illecito del figlio minorenne (Cass. civ. sez.III 28/09/09 n°18804). Da questa casistica non sono esclusi i genitori separati (Tribunale di Milano, 16.12.09). Il tutto si basa sull’inadempienza del dettato costituzionale (art. 30) che si declina in un’inadeguata educazione e quindi in un’inadempienza dei doveri genitoriali (art.147 c.c.). Per essere scagionati “essi sono tenuti a dimostrare di aver impartito al figlio un’educazione normalmente sufficiente a impostare una corretta vita di relazione in rapporto al suo ambiente, alle sue attitudini e alla sua personalità” ( Cass. civ. sez. III 19/02/2014, n° 3964). Ne consegue che l’obbligo di vigilare sul minore non si limita alla prossimità fisica, ma coinvolge anche l’aspetto educativo che accompagna sempre e in ogni situazione il bambino o il ragazzo.