Archivi tag: società civile

1 maggio, festa del lavoro e della Costituzione

1 maggio

Il lavoeo e i diritti nella Costituzione. Senza simenticare i doveri

La nostra Costituzione, la più bella del mondo!

L’Italia e` una Repubblica democratica, fondata
sul lavoro.
La sovranita` appartiene al popolo, che la esercita
nelle forme e nei limiti della Costituzione. (art.1 )

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti
inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle
formazioni sociali ove si svolge la sua personalita`,
e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili
di solidarieta` politica, economica e sociale. (art. 2)

Tutti i cittadini hanno pari dignita` sociale 
e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione
di sesso  di razza, di lingua
di religione , di opinioni politiche
, di condizioni personali e sociali.
E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli
di ordine economico e sociale, che, limitando
di fatto la liberta` e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono
il pieno sviluppo della persona umana
e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione
politica, economica e sociale del
Paese. (art.3)

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto
al lavoro e promuove le condizioni che rendano
effettivo questo diritto.
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo
le proprie possibilita` e la propria scelta, una attivita`
o una funzione che concorra al progresso
materiale o spirituale della societa`. ( art. 4)

La Repubblica tutela la salute come fondamentale
diritto dell’individuo e interesse della collettivita`,
e garantisce cure gratuite agli indigenti.
Nessuno puo` essere obbligato a un determinato
trattamento sanitario se non per disposizione di
legge. La legge non puo` in nessun caso violare i
limiti imposti dal rispetto della persona umana. (art.32)

La scuola e` aperta a tutti.
L’istruzione inferiore, impartita per almeno
otto anni, e` obbligatoria e gratuita.
I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi,
hanno diritto di raggiungere i gradi piu` alti degli
studi.
La Repubblica rende effettivo questo diritto con
borse di studio, assegni alle famiglie ed altre
provvidenze, che devono essere attribuite per concorso. ( art. 34)

Auguri a tutti!

Referenti cyberbullismo invisibili, trasparenti…

 I referenti cyberbullismo

Referenti cyberbullismo contano zero. Nonostante il loro impegno in prima linea.

Referenti cyberbullismo invisibili, trasparenti… Talk-show, trasmissioni di approfondimento invitano tutti, meno che loro. Eppure essi esistono da un  anno ( 18 giugno 2017). Sono l’interfaccia tra il problema e l’istituzione.

I Referenti cyberbullismo!

La Legge 71/17 stabilisce all’art. 4 comma 3 “Ogni istituto scolastico, nell’ambito della propria autonomia, individua fra i docenti un referente con il compito
di coordinare le iniziative di prevenzione e di contrasto del cyberbullismo, anche avvalendosi della collaborazione delle Forze di polizia nonché delle associazioni e dei centri di aggregazione giovanile presenti sul territorio”.

 Invisibili, trasparenti…

In sintesi: rappresentano l’interfaccia tra il problema e le istituzioni. Funzione complessa, impegnativa e di responsabilità. dove non è previsto compenso. Questo è una variabile dipendente della contrattazione d’Istituto o del bonus.
Questa presenza attiva in ogni istituto, diventa assenza nelle varie trasmissioni televisive. Per loro non è prevista la possibilità di partecipare, Eppure di esperienza ne hanno da vendere!  Nei diversi talk-show sono sostituiti da personaggi non sempre adeguati, ai quali è sufficiente vantare nel proprio CV qualche pubblicazione sul tema o aver comunque scritto.
Ecco due esempi di puntate di due talk-show:

 “Porta a Porta” 24.04.18 ( bullismo a scuola)
Partecipano
V. Fedeli, Ministro dell’istruzione
M. Rusconi, Vice presidente A.N.P.
A, Polito, giornalista
S. Matone, giudice

 “Matrix” 25.04.18 ( bullismo)
Partecipano
M. Rusconi, Vice presidente A.N.P.
S. Giacobini, Scrittice e giornalista
P. Crepet, psichiatra
G. Pini, pedagoga

 

 

Violenze sugli insegnanti,iniziamo a reagire

Le violenze sugli insegnanti

E’ ora di reagire, partendo da una sentenza

Violenze sugli insegnanti

Violenze sugli insegnanti, è diventata una moda offendere , picchiare i docenti. E’ la deriva del postmoderno.  E’ l’eclissi del principio d’autorità. E non solo. Esprime l’ambivalenza del rapporto tra la famiglia e la scuola. Delega limitata fino a quando… si resta nella sfera del piacere per il ragazzo. Se l’intervento della scuola è caratterizzato da quello della realtà, declinato nel rispetto dei ruoli, nell’assunzione di responsabilità da parte del ragazzo, allora…
Purtroppo quando si è coinvolti in queste situazioni non rimane che la “forza della legge”. Sono curioso di sapere quanto i recenti fatti di cronaca hanno portato davanti ai giudici i genitori protettivi e sindacalisti dei propri figli.

Insegnanti sono pubblici ufficiali, quindi…

Partiamo allora da questo dato: gli insegnanti sono pubblici ufficiali! Se l’offesa o l’aggressione avviene mentre essi  “compiono  un atto d’ufficio o operano all’interno della loro funzione”, allora il comportamento del genitore ha rilevanza civile e penale .
Quindi denunciare è possibile! Chiedere i danni morali e fisici rappresenta anche un  deterrente, una “notizia” da diffondere per “raffreddare i bollenti spiriti” di qualche genitore. La sanzione civile che ha effetti anche sul portafoglio, sicuramente porta a gestire meglio impulsi “animaleschi”.
Lasciamo da parte ogni buonismo e pietismo! Solo in questo modo è possibile ridurre il fenomeno.
Per qualunque azione legale possiamo partire da questa sentenza.

Accoltellamento docente, non è la scuola che ha fallito!

Accoltellamento docente

E’ sempre responsabile l’insegnante, la scuola? Non sono d’accordo

Accoltellamento docente, si è tanto parlato in questi giorni del “fattaccio”. Sto con la collega! Ha vissuto un’esperienza devastante. Quindi totale rispetto! Non condivido, invece, l’affermazione che l’evento è l’effetto di un suo fallimento. Ha fallito e stanno fallendo una serie di soggetti. Non solo la scuola.

Le conseguenze si, non la responsabilità

In questi giorni si è tanto parlato dell’accoltellamento della docente. Troppo? Non saprei!
Massimo rispetto per la collega che ha vissuto un’esperienza così traumatica. Non solo fisicamente! Sicuramente la ferita dentro le rimarrà per sempre!
Non condivido, però,  la sua dichiarazione ” Non faccia del male a quel ragazzo,  madonna mia non ce l’ho fatta a cambiarlo.Ho cercato di spingerlo a fare meglio, ma non ce l’ho fatta”. Emerge la convinzione che la responsabilità è dell’insegnante e in genere della scuola. In questo modo si conferma la tesi portata avanti da molti:  tutto dipende dalla scuola. Demotivati? Colpa della scuola ! Vittime dei social? Colpa della scuola!   Ragazzi maleducati? Colpa della scuola! …
Potrei continuare, ma mi fermo qui! Siamo di fronte di una  banalizzanione, ad una semplificazione del problema. E’ il classico meccanismo di “scaricare” le responsabilità sul soggetto più debole. In questo caso la scuola! Troppo facile! Personalmente non mi sento responsabile del fallimento dei nostri ragazzi. In alcuni casi, posso accettare la compartecipazione con altri soggetti presenti nel vissuto dei ragazzi, ma non mi ritengo il capro espiatorio dei loro fallimenti.

Teoria ecologica dei sistemi (Bronfenbrenner)

L’educazione è un processo complesso, mai unidirezionale. Non esiste solo il ragazzo e un’unica agenzia formativa. La formazione è il risultato dell’interazione tra il soggetto ( nel nostro caso lo studente) e la multidimensionalità dell’ambiente. Ogni dimensione è costituita da diversi soggetti sociali, scenari culturali, economici, sistemi di valori… che “dicono la loro” sulla formazione, in una relazione sistemica. multidirezionale e  biunivoca.
L’immagine rende meglio di ogni spiegazione.

Ecco spiegato il motivo per cui è l’intera società che fallisce di fronte a questi ragazzi.
Scrive la Prof.ssa I. Milani, autrice di un interessante testo “I figli sono il prodotto soprattutto del modello ricevuto in famiglia, e di una società che li vuole soprattutto consumatori. Ma se io porto mio figlio tutte le domeniche ai centri commerciali, gli faccio bere un finto mojito, lo lascio solo nel ristorante, libero di comportarsi male e di sporcare, allora che adulto diventerà? I responsabili dell’educazione, in primis i genitori, dovrebbero interrogarsi. Questo libro vuole spingere a una riflessione collettiva. Anche perché,a  parziale scusante delle mamme e dei papà, c’è proprio il condizionamento della realtà in cui vivono, che è sicuramente diseducativa“.