Archivi tag: società liquida

La scuola dimenticata? Forse, probabilmente…

La scuola dimenticata

La scuola dimenticata? Le prime indiscrezioni sembrano confermare la peggiore delle ipotesi.  Il governo ha smarrito il cambiamento.

La scuola dimenticata, sembra che si sia l’accordo

Al riguardo dei possibili contenuti della Legge di Stabilità 2019, si legge: “priorità molto differenti. Reddito di cittadinanza e legge Fornero per i 5 stelle, FlatTax e sostegno alle imprese per la Lega.
Tuttavia nessun cenno, almeno nella fase preliminare, alle emergenze e ai fondi
6/9/2018 Legge di bilancio 2019, Di Maio e Salvini in accordo solo sulla Scuola: neanche un euro all’istruzione  Di Maio abbozza un riferimento alle infrastrutture, specie a quelle del sud “che sono praticamente inesistenti, ma anche alla manutenzione di quelle esistenti in tutta Italia”, senza alcun riferimento specifico alla questione sicurezza dell’edilizia scolastica.
Gli unici fondi per la scuola, che oltre alle infrastrutture avrebbe bisogno anche di risorse in vista della scadenza contrattuale 2018 per gli insegnanti, sembrerebbero quelli stanziati dal governo precedente e “trovati” da Bussetti. “Abbiamo trovato 7 miliardi che andranno presto ai Comuni e alle Province per la messa a norma – dichiarava ieri il titolare del Miur a RaiNews 24 – Inoltre, da parte di Asi e Cnr ci sarà un lavoro a costo zero per monitorare via satellite le oltre 40 mila strutture scolastiche esistenti”.

Possibile scenario da me anticipato

Il suddetto scenario l’ho anticipato qualche giorno fa.  “Si riceve la sensazione di un Miur che assomiglia ad un cavallo che vorrebbe correre, ma è impedito da fattori non gestibili direttamente dal dicastero. E questa sarà la situazione ricorrente con la quale dovrà fare i conti il Ministero. Ecco spiegata la scelta di “usare il cacciavite, depotenziando lo spirito riformistico”. E’ più semplice! Si interviene dove è possibile, compatibile con le risorse economiche. Queste saranno destinate principalmente alle grandi promesse elettorali della Lega e del M5S: reddito di cittadinanza, flat tax, e superamento della Riforma Fornero. Alla scuola, forse, rimarranno le “briciole”. Insufficienti, ad esempio per abolire le “classi pollaio”.

L’attenzione alla scuola richiede altre condizioni

Ovviamente mi auguro che lo scenario ipotizzato non si traduca in realtà.  Le attuali condizioni non ci fanno sperare in un “#cambioverso”. Queste sono: le scarse risorse e le priorità che in tempi di “vacche magre” non favoriscono l’attenzione verso i beni immateriali come l’istruzione, che può essere colta come scelta strategica, solo valorizzando la prospettiva “oltre la punta del naso”

M. Renzi e P. Savona, la strana convergenza

M. Renzi e P. Savona, la strana convergenza sull’euro. La moneta è sostanzialmente un “marco mascherato”

Il pensiero di P. Savona

Ecco il pensiero del possibile nuovo Ministro dell’Economia ( ometto le sue convinzioni si Putin che ritengo ardite)
La Germania non ha cambiato la visione del suo ruolo in Europa dopo la fine del nazismo, pur avendo abbandonato l’idea di imporla militarmente. Per tre volte l’Italia ha subito il fascino della cultura tedesca che ha condizionato la sua storia, non solo economica, con la Triplice alleanza del 1882, il Patto d’acciaio del 1939 e l’Unione europea del 1992. È pur vero che ogni volta fu una nostra scelta. Possibile che non impariamo mai dagli errori?»
La Merkel è stata il miglior leader tedesco. Non è europeista perché il suo elettorato non lo è”
“Non esiste un’Europa, ma una Germania circondata da pavidi”

Il pensiero di M. Renzi

Scriveva M. Renzi, sul suo blog , non più raggiungibile:
Le regole dicono che il surplus commerciale della Germania non può essere superiore al 6%, oggi è intorno al 9%. Si tratta di una violazione delle regole che fa male a tutta l’Europa. E che la indebolisce a favore dei soli amici tedeschi. Più volte abbiamo posto il tema in modo ufficiale, nei tavoli di discussione: vogliamo rispettare le regole. Ma dobbiamo farlo tutti. Anche la Germania. La filosofia dei due pesi e due misure è sbagliata.”

M. Renzi e P. Savona, la strana convergenza

In altri termini. entrambi concordano sulla germanizzazione economica dell’Europa.  L’euro è “il marco tedesco mascherato”. E’ una moneta che favorisce unicamente la Germania. E Renzi questo lo sa, anche quando sembra meravigliarsi dell’eccessivo surplus tedesco, naturale  conseguenza  di una moneta, basata sul cambio fisso tra paesi disuguali economicamente. Per inciso, l’ammissione di un eccedenza tollerata al 6% è una dichiarazione di per sè della “germanizzazione” dell’Euro.   Ora l’adozione di un cambio fisso   e’ un argine alla svalutazione competitiva, che un tempo favoriva i nostri prodotti… “fino al 2001 il nostro Paese, grazie alle diverse svalutazioni competitive aveva un surplus commerciale superiore alla Germania. Questa posizione privilegiata del nostro Paese si è azzerata negli anni successivi all’entrata nella moneta unica, a tutto vantaggio della Germania, che invece ha visto il proprio surplus crescere. Come scrive l’economista A. Bagnai, un paese forte se non rivaluta, sostanzialmente svaluta, attirando sui suoi prodotti l’interesse dei consumatori.” .

M. Renzi, “tra il dire e il fare” c’è l’oceano

Tornando all’esternazione di Renzi, purtroppo l’ex Premier ha fatto poco per modificare questo quadro. Ha applicato la regola della svalutazione interna, che si traduce nel congelamento o riduzione dei salari.  In altri termini, ha  confermato l’impianto bifronte dell’ Euro rispondendo nell’unico modo possibile in un regime di cambio fisso, e quindi allineandosi senza stonature  al pensiero di M. Draghi. Il Governatore  della Bce ha dichiarato che per salvare l’Euro   e quindi l’inflazione al 2% occorre tenere i salari bassi.

Il pensiero critico e le fallacie argomentative

Il pensiero critico

La capacità di argomentare senza errori logici, favorisce il pensiero critico

La post verità e il tramonto del pensiero critico

Il pensiero critico. Il web è una grande opportunità di conoscenza, di interazione e integrazione. Però, come tutte le realtà umane il grigio è il colore caratterizzante. Mi spiego. Nel Web sono presenti risorse e altro che coesistono, però con delle realtà negative e variegate al loro interno. 
Qui parliamo di post verità. Questa nuova espressione “liquida” si caratterizza per l’esaltazione degli aspetti emotivi e affettivi che possono alterare i fatti, condizionandone il giudizio. Le fake-news sono l’esempio dell’affermazione del “fascio di sensazioni” (D. Hume) che sta favorendo l’affermazione di un io acritico, che non verifica l’attendibilità e l’oggettività della notizia.

Accanto alle fake news, esistono anche…

Scrive G. Marini: “Senza nulla togliere al dibattito sulle fake news vorrei focalizzare l’attenzione su un fenomeno strettamente intrecciato alla diffusione di notizie false e, forse, molto più pervasivo, quello delle fallacie nel ragionamento. Si tratta di errori logici che nascono da difetti (spesso voluti) con cui sono costruite le argomentazione del discorso pubblico in ogni ambito: dai social alla politica, dalla pubblicità alla morale, dalla cronaca alle varie forme di storytelling, al punto che gran parte della comunicazione contemporanea è intessuta sul filo delle fallacie.Le fallacie argomentative sono ragionamenti che sembrano corretti ma contengono degli errori in uno o più elementi costitutivi del ragionamento”

Un interessante studio sulle fallacie argomentative

Segnalo questo sito che propone un articolato studio su questo aspetto della post-verità. In fondo alla pagina sono proposte 41 tipologie di fallacia argomentativa. Un’opportunità per individuare questo aspetto poco trattato, ma molto presente nei gruppi social, nei massmedia e altro ancora. Rappresenta un’occasione per consolidare il pensiero critico, che rende l’uomo libero.

 

 

 

 
 
 

 

Unicef, la prospettiva “alta” del rapporto tra l’infanzia e il digitale

Unicef, condizione del'infanzia

Un rapporto “alto”, planetario da leggere assolutamente


Unicef, “La condizione dell’infanzia nel mondo 2017”. Un documento “alto”, quindi molto interessante. Una fotografia “planetaria” dei nostri ragazzi nel rapporto con il digitale. Molte conferme, ma altrettanti nuovi elementi sui quali riflettere.

Unicef, una prospettiva “alta” dell’infanzia

Scriveva F. Hegel ” Non fermarti ad osservare l’albero! Studia la foresta”
Il documento dell’Unicef  rappresenta un esempio di lettura “verticale” (profonda) e “orizzontale”(planetaria). Il dettaglio e l’approfondimento è dato dalle centocinquantanove pagine del rapporto. Il carattere globale permette di uscire dai nostri confini nazionali e nello stesso tempo non ci consegna un profilo frammentato dell’infanzia.  Il valore aggiunto del rapporto consiste nell’attenzione alle specificità continentali e nazionali, senza perdere di vista la dimensione globale del profilo dell’infanzia   E’ risaputo che il digitale ha ridotto le distanze culturali tra le popolazioni. Qualcuno ha definito questo parziale annullamento  di identità come un processo di omologazione, quasi sempre di tipo occidentale, anglosassone. favorito anche dalla lingua inglese che caratterizza il mondo informatico.
Chi si accosta al documento con i criteri dell’utilitarismo pratico, immediato rischia di rimanere deluso. E’ un esempio di approfondimento disinteressato.

“Sbirciate” sul documento

Detto questo il titolo definisce la condizione attuale dell’infanzia: “Figli del digitale“. In altri termini i nostri figli hanno sperimentato una seconda nascita, grazie all’uso spesso isolato del dispositivo dove pur connessi per molte ore si è separati, lontani.
Il documento certifica il carattere autodidatta, orizzontale della formazione digitale. Infatti, alla domanda “come hai imparato ad utilizzare internet”? Il 42% ha risposto di aver imparato da solo. Il 39% ha risposto di aver imparato da amici o fratelli – prevalentemente tra i giovani che vivono in paesi a basso reddito”…  Ho imparato a codificare grazie a YouTube. Ho visto così tanti video sulla codifica che ho finito per imparare“. Ragazza, 17 anni, Bangladesh..
Il rapporto conferma la presenza di molte aree nel mondo dove l’infanzia non ha a disposizione adeguati e aggiornati dispositivi. E quando questi sono presenti si riscontra  una  fragilità del segnale di accesso al Web (nel continente africano 3/5 sono offline)
il Web  percepito come   un immenso database di informazioni, risorse e altro ancora. Buona la percezione dei rischi ( cyberbullismo, addescamento sessuale, furti d’identità…). Il documento indica alcune soluzioni ai suddetti problemi. Molte di queste sono conosciute e praticate da chi lavora in “queste trincee”
A questo punto auguro una buona lettura. Ne vale la pena!