Posted in: Classi pollaio, Sicurezza, Tutti gli articoli

Le classi superpollaio e il terremoto


Sono convinto che le riforme debbano partire dalle aule. Ambienti che possono favorire apprendimenti significativi, didattiche inclusive e altro ancora se questi avessero un’organizzazione pedagogica adeguata. Mi riferisco all’aberrante soluzione delle classi pollaio, ideate dal duo Gelmini-Tremonti, confermate e superate da M. Renzi con l’istituzionalizzazione delle classi-superpollaio ( Legge di Stabilità 2015 ). Mi riferisco al “rigonfiamento” oltre quello previsto dai D.M  18 dicembre 1975 e 81/09, tanto che si può arrivare anche oltre i 30 alunni per classe. La situazione è prodotta dalla suddivisione degli alunni, privi del titolare, in altri classi.
Qui, però vorrei aprire una breve riflessione sui rischi per la sicurezza degli alunni in caso di terremoto.
In caso di terremoto, quindi di evento assolutamente non prevedibile, gli alunni devono ripararsi sotto i banchi. Ora, non sempre le classi sono provvisti di banchi in più rispetto a quelli usati quotidianamente dagli alunni. Pertanto in caso di terremoto, alcuni bambini o studenti si troverebbero senza riparo.
In questo caso, come in tutti quelli dove è in gioco la sicurezza delle persone , ritengo necessario rendere l’aula sicura – per quello che è possibile – dotandola di un numero maggiore di arredi. Purtroppo quest’ azione di prevenzione non sempre si concretizza nelle aule. semplicemente perché non esiste una riserva di banchi! In altri casi, dove esistono questo surplus, manca la “spinta culturale” della prevenzione! Siamo un Paese della perenne emergenza, denotando una carenza di pensiero scientifico.
Esistono però, anche dei risvolti civili e in alcuni casi  penali . Lo stiamo sperimentando con la tragedia dell’albergo di Rigopiano. Finché non succede la tragedia, tutto tace. Invece dopo l’evento tragico i giudici, giustamente dal loro punto di vista, vanno “a cercare le “virgole” individuando responsabilità, documenti, omissioni…
In caso di terremoto  con morti e feriti che si potevano evitare, predisponendo un numero di arredi adeguato a proteggere anche alunni “presi in consegna”, di chi è la responsabilità? Dell’insegnante? Del Dirigente scolastico? Probabilmente del primo – ma qui vorrei prendere una “cantonata” – soprattutto se sprovvisto dell’ordine di servizio. Probabilmente non avrò risposta, se non dopo il verificarsi dell’evento.

Alcuni miei articoli

Classi pollaio e l’ordine di servizio

Altra “spallata” alle classi pollaio

Classi pollaio: una sentenza importante