Archivi tag: Testo organizzato

Formazione. “Mappe e testo”, una possibile circolarità.

 

Formazione


Esiste un bisogno di formazione  profondo che, nel caso delle Tic, superi il semplice addestramento. Quest’ultimo rimanda all’acquisizione di procedure, sequenze di istruzioni, non supportate da una verticalità formativa, elemento fondativo della presenza della scuola.

Continua a leggere

La soluzione contro il sovraccarico delle informazioni nel Web


Grazie allo sviluppo del Web le informazioni disponibili per utente sono aumentate considerevolmente. Il fenomeno è stato definito da A. Toffler  nel testo  Future Skock Milano, Rizzoli, 1970 ) con l’espressione di “information overload“. Questa disponibilità eccede la capacità della nostra mente di rielaborarle, trasformandole in conoscenze significative. L’aggettivo indica la connessione variamente multipla di queste con la rete concettuale preesistente.
Ora l’incapacità strutturale della nostra mente a rielaborare le informazioni può portare a stanchezza, stress ( cfr Empoli G. Overdose. La società dell’informazione eccessiva, Venezia, Marsilio, 2002 ).
I nostri ragazzi, quelli che definiamo spesso come “Nativi digitali”, hanno trovato una comoda soluzione: “Copiare e incollare” interi testi – cliccano spesso sul primo link della lista che si apre nel motore di ricerca, senza verificarne l’autorevolezza della fonte…-   e proporli ai loro professori, spesso inconsapevoli o complici, come frutto della loro rielaborazione.
Ora considerato che in futuro le informazioni aumenteranno e saranno  variamente disponibili, esiste una soluzione didattico-pedagogica che si chiamaMappe e testo“.
Il lavoro ovviamente è impegnativo sia per i docenti, sia per gli studenti. E questo scoraggia l’adesione a questa proposta, optando per la soluzione più comoda – “Copia e incolla” – a coinvolgimento cognitivo praticamente uguale a zero. In sintesi, gli schemi e le mappe assumono la funzione di “bussola” , favorendo l’individuazione delle informazioni importanti, la successiva “trattazione”. Questa rimanda al   confronto, alla eliminazione delle rindondanze  e alla rielaborazione finale di un testo organizzato per paragrafi.
Questo è in linea con alcune competenze digitali richieste  quali “Fornire strumenti di gestione per organizzare il lavoro e pianificare l’apprendimento” e “Curare contenuti Web…”.
Eppure di questo in Rete, c’è poco. Francamente mi sfugge il motivo di fronte a un presente iperinflazionato  di informazioni che impedisce alla persona di sviluppare il pensiero critico, supportato da conoscenze reticolari.

Mappe concettuali: oltre il copia e incolla!


Sul “Regolarità e Trasparenza nella Scuola” è stato pubblicato un sintetico articolo, ma denso concettualmente dal titolo ” La generazione copia e incolla si domanda: “ che senso ha andare a lezione, visto che si trova tutto su Internet ?
E’ prospettata la via facile dell’impegno scolastico: “Copia/Incolla”, dove i processi cognitivi sono azzerati. Questa pratica molto diffusa tra i giovani puo’ essere accostata all’azione del “tocco” sul display. Tornano in mente i testi di N. Carr “Internet ci rende stupidi…” e l’ottimo contributo di M Spitzer ” Demenza digitale“da me recensito. I lavori sono accomunati dalla denuncia di un certo “cretinismo dei nativi digitali”, dove il pensiero profondo che individua i particolari, riuscendo a portarli a sintesi.
Qualche giorno fa discutevo con una collega. Bene, lei registrava un’opacità umana dei suoi studenti, dovuta all’incapacità e difficoltà ad esprimere i sentimenti, gli affetti, a descrivere gli eventi. In altri termini a rappresentare il mondo!
Le cause sono diverse. Scriveva U. Bronfenbrenner che l’individuo e l’ambiente sono realtà dinamiche e interagenti, riuscendo a modificare “l’altro” con la sua azione.
Sicuramente parte della  responsabilità è di quegli insegnanti che presentano la mappa concettuale statica, e anche “scriteriata”, quindi impossibilitata a lavorare con il testo scritto – anche quello copiato e incollato nel Web. Questo strumento di rappresentazione, insieme ad altri come la mappa mentale e lo schema, si presta al lavoro attivo sul testo, il quale subisce il trattamento dei concetti, attraverso il processo di selezione, integrazione di altri contributi, fino a proporsi strutturato in paragrafi. Questi ultimi, infine influenzano la rappresentazione concettuale, attraverso la loro organizzazione strutturata.
Dobbiamo liberare la mappa dalla gabbia statica nella quale l’ abbiamo collocata, in un monadismo senza finestre, cioè senza legami con l’esposizione orale e scritta. Il percorso indubbiamente si contrappone alla tendenza  del tutto e subito, sostanziato nel copia/incolla, nuovo profilo identitario del nostro nativo digitale,   che senza saperlo sta uccidendo la facoltà che ci ha permesso di immaginarci il simbolico, alzando gli occhi al cielo!

 

Dal testo alla mappa


Il presente lavoro ( La civiltà dei fiumi – Sumeri )  è stato realizzato da una quarta classe primaria ( sono il docente ).
A casa
;
1) hanno letto un testo  e sottolineato le idee ritenute importanti;
2) hanno scritto la lista dei concetti. 
A scuola ( Lim e laboratorio d’informatica )
1) Si sono confrontate le liste dei concetti individuali
2) Il confronto ha prodotto una lista dei concetti della classe
3) Un ulteriore confronto ha eliminato i concetti particolari ( “scrematura” ). Da qui la lista aggiornata dei concetti generali.
4) I concetti hanno rappresentato ” i mattoni” per realizzare la mappa . Ogni coppia ha dato sfogo alla propria creatività!  Il software utilizzato è stato il Cmaps.

La mappa dovrà essere raccontata ( = sviluppata concettualmente )

P.S. Lavoro per le vacanze natalizie . Completare la mappa.