Archivi tag: Testo unico

Contratto. Un “era ora” fuori luogo!


Oggi dovrebbero aprirsi gli incontri per la definizione  del contratto economico e giuridico.
In realtà il primo non riserverà sorprese, in quanto gli importi sono stati già definiti dalle leggi di stabilità 2016 e 17. Si aspetta solo l’approvazione di quella relativa all’e.f. 2018 per arrivare -si spera-  agli ” almeno 85€ medi lordi”. Le sorprese arriveranno  dal versante giuridico. E sicuramente non saranno positive per i docenti. Dalle voci di corridoio, infatti, pare il governo voglia stringere le maglie sui permessi e altro ancora…
Eppure, considerato questo sfondo, cosa leggo? ” Contratto della scuola: dopo otto anni il 27 giugno si riapre il tavolo. Era ora(Portale di Euroedizioni).
Nel titolo mi disturba tanto “Era ora“. Solitamente l’espressione denota soddisfazione per un traguardo positivo raggiunto e foriero di miglioramenti, che anche impegnandomi non avverto. Mi chiedo: chi ha scritto il trafiletto? ( non può essere considerato un articolo, un pensiero di due righe) Probabilmente un Dirigente Scolastico che ,purtroppo per lui,  è poco informato sul Nuovo testo Unico (in G.U. il 7 giugno ). Lo scrivente e P. Almirante, abbiamo  ricostruito l’articolo 1 del T.U. , confermato in G.U., arrivando alla stessa conclusione: la legge prevale ancora sul contratto! Non ci sono stati dei ripensamenti da parte del governo, nonostante l’impegno preso il 30 novembre 2016. Eppure cosa leggo? ” “molto importanti saranno le modifiche normative, dove attraverso gli spazi di contrattazione, lasciati aperti dalla recente riforma del pubblico impiego, si cercherà di superare il contenzioso che si è aperto in questi anni  dopo la riforma brunetta del 2009.”
Sull’aspetto economico poi tocchiamo il fondo. Si legge: ” Dopo otto anni di attesa, forse sarà la volta buonaSi parte dall’accordo sindacale del 30 novembre 2016 che prevede un aumento medio per i lavoratori non inferiore a 85 euro.”
Cosa dire? Mi sento preso in giro da chi ha scritto il trafiletto. E’ davvero convinto che gli 85€ lordi in tre anni cambieranno la vita degli insegnanti? “Ma mi faccia il piacere!” Avanzo due richieste : all’autore del trafiletto, eviti di scrivere queste cose ( sono educato!); ai sindacati, non firmate il contratto, il più irrispettoso dal 1990. Rischiate il discredito completo!
Concludo: sul sito della CGIL-scuola, e della Cisl-scuola non c’é traccia del T.U “Madia”, pubblicato in G.U. il 7 giugno. Al lettore le conclusioni!

Contratto. La strategia perdente del sindacato!

Il quotidiano “Italia Oggi” ha pubblicato un’intervista a P. Turi ( Segretario generale UIL-Scuola ).
Si legge: ” Il Testo Unico mette a disposizione gli strumenti: la contrattazione può modificare le norme della legge, passate, presenti e future“, ” A quell’accordo bisogna fare riferimento perché la sua attuazione consentirà la riapertura e la chiusura del contratto dei lavoratori pubblici”. Ora chiedo: l’esponente sindacale su quali elementi concreti fonda la sua dichiarazione?  Quale articolo del T.U. dà consistenza alle sue affermazioni? L’analisi da me fatta e confermata anche P. Almirante nelle colonne
presenta un altro articolo 1 del decreto “Madia” che in estrema sintesi conferma la prevalenza della legge sul contratto.
Proseguo. Quale significato attribuire al passaggio ” a quell’accordo bisogna fare riferimento…?
A mio parere l’accordo è stato stracciato completamente dal governo con la  conferma dello” spirito del Decreto Brunetta” e dalla difficoltà dell’esecutivo di mettere sul piatto “gli almeno 85€ lordi, medi e nel triennio”.
Queste dichiarazioni   palesano una difficoltà ad ammettere la sconfitta sul T.U. e quindi la conseguente strategia a nascondere o alterare i fatti, sperando nella memoria corta  e nello spirito di rassegnazione degli insegnanti(questi sono i nostri due problemi!).
L’ultima è quella dell’esponente Cisl-Scuola (Gissi) che dichiara con toni entusiastici (presa per i fondelli): ” Il percorso per rinnovare il contratto ha preso oggi concretamente e formalmente il via. Gli impegni assunti dalla ministra Fedeli consentono di delinearne le tappe e i tempi, che cercheremo di accelerare quanto più possibile…”
Nella parte centrale della nota l’entusiasmo lascia lo spazio al realismo: ” Nel merito, è chiaro che i margini a nostra disposizioni non consentono certo di soddisfare, sul piano economico, tutte le attese del personale della scuola, né di recuperare interamente lo scarto esistente con le retribuzioni medie europee. Questo resta comunque per noi un obiettivo irrinunciabile e il nuovo contratto dovrà segnare un primo passo in quella direzione”
In altri termini, dovete accontentarvi, arriveranno tempi migliori! Peccato che l’espressione è ricorsa troppo spesso negli ultimi ventidue anni per crederci!

 

 

Nuovo testo Unico. Attendo di leggere il testo. Qualcuno, invece…


Venerdi 19 maggio è stato approvato il Decreto Madia, alias nuovo testo unico del pubblico impiego.
La Cgil ha subito dichiarato la sua soddisfazione.”Il decreto arriva dopo l’accordo del 30 novembre e dopo un costruttivo confronto con Cgil, Cisl e Uil, teso a mantenere fermi i punti centrali dell’intesa: più spazio alla contrattazione, a tutti i livelli, superamento del precariato, tutela e qualificazione del lavoro pubblico”. E ancora” Eliminato l’ultimo ostacolo al rinnovo dei contratti; abrogate le fasce Brunetta e le sue disposizioni punitive; restituito spazio alla contrattazione nazionale e di posto di lavoro; previsto un piano di assunzioni straordinarie per migliaia di precari .”
Subito dopo ho cercato inutilmente il testo.  Nulla! Sul sito della Cgil, al momento non c’è traccia.  Sul sito della Cisl ho trovato lo schema, non il Decreto . La ricerca  è continuata su altri siti ( tecnicadellascuola.it e orizzontescuola.it ). Nulla!
A questo punto è stata illuminante la dichiarazione del segretario Furlan: ” Attendiamo di vedere il testo definitivo della riforma Madia  dove ci aspettiamo un maggiore equilibrio tra legge e contratto”
Conclusione: l’articolato del Testo Unico ancora non è disponibile! Sfugge la logica di una dichiarazione della Cgil senza il supporto del documento! Aggiungo: azzardata e pericolosa per l’immagine del maggior sindacato italiano, qualora il documento dovesse confermare la “filosofia” del Decreto Brunetta – maggior peso alla legge, meno al contratto.
Da parte mia attendo di leggere in modo approfondito il documento, prima di pronunciarmi.
Al momento ci sono solo cenni al nuovo regime delle visite fiscali e sulla responsabilità disciplinare dei pubblici dipendenti e poco altro. Probabilmente le testate giornalistiche hanno scritto il loro pezzo, partendo da una semplice nota, rilasciata dal governo. Quindi siamo a livello di un “riporto”, non della fonte. E per me conta quest’ultima!

 

“Mazzate”! Anticipo dal Testo Unico


La condizione dell’insegnante è circondata da ambiguità, scarsa chiarezza delle sue funzioni e altro ancora. Il suo profilo oscilla tra il polo della professionalità e del suo ruolo strategico per il futuro del Paese e quello del babysistter dove la componente formativa evapora a tutto vantaggio di mansioni e ruoli di pura assistenza. Questa ambiguità continua nei tanti apprezzamenti e riconoscimenti espressi anche da personalità politiche, che però si rivelano vuoti, insignificanti in quanto non hanno positive ricadute nella vita concreta degli insegnanti.
In questa casistica non sfugge il nuovo Testo Unico per il pubblico impiego – insegnanti compresi, – verso il quale occorre nutrire diffidenza, perché sicuramente favorirà  un peggioramento delle nostre condizioni lavorative. Un esempio? Sembra dall’articolo pubblicato qui sotto che il Dirigente Scolastico potrà sospendere un docente fino a dieci giorni, senza doversi più preoccupare del rispetto dei termini del procedimento disciplinare.
Andando oltre questa novità, sicuramente peggiorativa, non è difficile cogliere lo scivolamento del  profilo giuridico dei docenti, verso contesti quasi totalmente privi di diritti a fronte di un aumento di disposizioni punitive che possono solo favorire una progressiva marginalizzazione dei docenti . Processo già avviato con l’accostamento alla categoria dei furbetti, degli assenteisti…. Tutto questo coesiste con i tanti elogi pubblicati ad esempio dai giornali, accostati paradossalmente alle lettere di tenere aperte le scuole d’estate a 35-40 gradi, o che esprimono  la  difficoltà a  comprendere  la lunghezza delle vacanze di Natale… Sappiamo benissimo che dietro queste richieste o perplessità esistono solo motivi di pura assistenza e vigilanza dei minori nell’arco  temporale nel quale gli adulti sono impegnati nel lavoro. Eppure continuano a elogiarci e a darci tante pacche sulle spalle, riempiendosi la bocca di parole quali “eroi”, ” gli insegnanti sono l’avanguardia democratica”…