Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

“The dark side” dell’Euro

download

Non osservare l’albero, ma la foresta” ( F. Hegel ).
Sono sempre convinto che occorre “guardare” i fatti, superando la loro contingenza. Diversamente si rischia di non comprendere i “movimenti sotterranei” della storia, suoi scenari, quasi sempre tenuti lontani dalla vista  della maggior parte delle persone. A queste sono proposte solo opinioni, o luoghi comuni con valenza zero, ma appesantite da elementi che bypassano la razionalità puntando sull’emotività, sulla paura.
E’ il caso dell’Euro!
La dichiarazione rilasciata da M. Draghi, conferma che l’Euro, come spesso dichiara il filosofo marxiano D. Fusaro ” è un preciso strumento di governo” finalizzato a ridurre diritti, quali quello alla giusta paga, commisurata alla prestazione erogata ( art. 36 Costituzione, precarizzando il lavoratore. Gli effetti sono devastanti: contrazione, se non azzeramento del futuro, come prospettiva, “densità del presente” che diventa onnipresente, espellendo dall’orizzonte esistenziale la categoria della possibilità, del superamento dello status quo. Tutto questo si declina, nel nostro specifico nel congelamento degli aumenti contrattuali che ormai dura da sette anni. La stessa Corte Costituzionale ha formalizzato ( sentenza 25.06.2015 ), così prolungata è incostituzionale.
A questo quadro di rigore e austerità  si aggiunge che il nostro Paese ha ceduto la sovranità monetaria e anche politica ( molte decisioni devono passare al vaglio dell’Europa ).
Cosa fare? L’ho scritto qualche giorno fa. occorre un colpo di reni, un segnale di discontinuità che rimetta al centro la politica, quella dei bisogni, dell’attenzione alle persone, alla qualità della loro vita. Purtroppo non vedo personalità capaci di tradurre questa prospettiva in un progetto politico che ricollochi l’economia a subordinata. E quindi?