Tik Tok, social “giovane” e per giovani da gestire criticamente

Tik Tok

Tik Tok, un social giovane frequentato dalla Generazione Z. Rappresenta il loro universo. Un utile decalogo

Tik Tok, social network “giovane” in crescita. Opportunità e rischi. Per una navigazione responsabile il Digital Transformation Institute e Tech Economy 2030 propone un interessante decalogo ad uso dei ragazzi e dei genitori.

Tik Tok, un social network giovane e per giovani in crescita esponenziale

TikTok è la nuova Piazza grande virtuale frequentata da giovani e giovanissimi ( bambini dai dieci anni in su).
E’ un’applicazione cinese, nata nel 2016 dalla fusione tra Musical.ly e Bytedance. Coinvolge molti giovanissimi e giovani (10-24 anni) della Generazione Z.
Alcuni numeri che certificano la crescita esponenziale, che sta insidiando Social più “vecchi” come Facebook, Instagram, Snapchat:
Utenti attivi: 500 milioni nel mondo  (Datareportal, 2019)
Numero dei download ( scarico) dell’App nel  1Q 2019: 188 milioni (Sensortower,2019), costituisce il picco più alto al mondo;
Numero dei download con sistemi Ios (Apple): 33 milioni (Sensortower, 2019), record assoluto dei primi quattro mesi dell’anno corrente;
Utenti: 16-24 anni e rappresentano il 41% dei potenziali utenti ( Global webindex, 2019), dato non reale perché ci sono molti bambini-utenti;
Tempo medio giornaliero di utilizzo: 52 minuti (BussinessofApp, 2019);
Presenza: 155 Paesi (Apptrace, 2019);
Creatori di contenuti: 68% (Globalwebindex, 2019). Quindi un’utenza diversa, ad esempio, rispetto a quella che frequenta Youtube dove è più frequente il download, e quindi meno l’upload;
Visualizzazione video: 1 miliardo (Influencermarketingub,2018)

I motivi di un successo planetario

Fin qui i numeri e le percentuali. Occorre chiedersi perché piace tanto?
La risposta sta nel titolo dell’applicazione, perfettamente in sintonia con il mantra della velocità e la condivisione dei contenuti che caratterizza il contesto 2.0. Ma i valori aggiunti che fanno da calamita sono anche la spensieratezza, il divertimento. la spontaneità e la freschezza giovanile  dei prodotti. Da qui la ridotta possibilità di incontrare gli adulti ( genitori), sideralmente lontani dai suddetti contenuti, che rappresentano invece la grammatica e a sintassi della Generazione Z.  Quindi è un universo a immagine e somiglianza dei ragazzi, che ovviamente snobbano ambienti più seriosi (Facebook), illudendo gli adulti della loro presenza con profili dormienti.
Nello specifico è possibile pubblicare e condividere micro-video (balletti, mini-sketch comici, doppiaggio parti di film, sfide…) con durata dai 15 ai 60 secondi supportati dalla musica, effetti sonori e filtri. Il montaggio del prodotto è velocissimo ed estremamente intuitivo.

I predatori sessuali e Il Dark Web sono sempre molto attenti…

TikTok, indubbiamente permette a molti giovani e giovanissimi di sprigionare la loro creatività multimedialem ma occorre evidenziarne anche i rischi dovuti al narcisismo preadolescenziale e adolescenziale che induce  a esibire il proprio corpo con tops e short (soprattutto le ragazze) o a spingere al massimo l’acceleratore delle volgarità, che rappresentano  la dark side of the moon. Il tutto per piacere e colpire (G. Lipovetsky), apparire anche nella dimensione intima per dare spettacolo e quindi sentirsi vivi. In  estrema sintesi: esistere!
I rischi sono evidenti: la presenza molto probabile di predatori sessuali che direttamente e attraverso tecniche particolari adescano gli utenti più giovani, facendo leva sul loro bisogno di avere follower o un alto numero di veloci apprezzamenti (I like) A questi occorre aggiungere un’altra tipologia: i ladri o parassiti virtuali che poi riversano nel buco nero del Dark Web il materiale interessante per un loro ritorno economico. Tik Tok poi per la sua natura aperta (profili pubblici) in default favorisce il cyberbullismo.

Un decalogo per gestire criticamente Tik Tok (e non solo)

Vietare l’accesso a quest’applicazione è buona cosa, soprattutto se si hanno figli piccoli o comunque preadolescenti. Strategia che richiede anche l’uso di software di controllo a distanza della navigazione dei propri figli. Mi riferisco ai diversi Parental Control disponibili in versione free o con licenza a pagamento (meglio).
La soluzione, però non funziona con ragazzi di età superiore ai quattordici anni. Subentra la navigazione saggia (M. Prensky), caratterizzata dalla consapevolezza dei rischi insiti nel Web.
A tal proposito viene incontro  il Digital Transformation Institute e Tech Economy 2030 che ha presentato un interessante decalogo di uso intelligente di Tik Tok, rivolto ai ragazzi e ai tanti, (troppi) genitori sprovveduti e superficiali.