Torture sui bambini, l’ultimo esempio dell’eclissi dell’infanzia

Torture sui bambini

Torture sui bambini è la punta di un iceberg, dove la violenza e la riduzione della persona a merce sono significativamente evidenti. Ma…

Torture sui bambini, l’ultimo esempio della persona ridotta a oggetto, a merce. L’ultimo caso rappresenta la punta dell’iceberg di un processo che ha poca “cura” del soggetto più debole.

Tortura bambini, una vicenda squallida 

E’ di questi giorni la vicenda dei bambini tolti ai genitori con stratagemmi a dir poco squallidi. Affidati a persone discutibili, dopo versamento di somme significative di denaro.  Il percorso spesso si concludeva con l’induzione alla prostituzione.
 

La vicenda è l’ultimo esempio di mercificazione dell”essere umano

Sono solito volare alto e quindi riflettere sul singolo caso, individuando il processo, il movimento della storia che giustifica l’evento. In altri termini, provo sempre ad osservare la foresta, piuttosto che l’albero (F. Hegel).
Fatta la premessa, la squallida vicenda non mi sorprende. E’ l’esempio estremo di un processo storico che progressivamente ha ridotto l’essere umano  a merce, certificando il tramonto della persona, intesa come pro-getto, aperta alla  possibilità di essere che mai potrà essere chiusa.
E’ l’affermazione del paradigma culturale che intende il soggetto, anche  il più piccolo, una merce da vendere, commercializzare.
Il contesto attuale è ben definito da M. Heidedegger come la notte del mondo. Questa viene dopo il tramonto del sole (uomo). E’ la parabola non prevista da F. Nietzsche che annunciando la morte di Dio, apriva la possibilità per l’oltreuomo (Übermenschen) di creare responsabilmente un nuovo mondo fondato sul senso della terra. In altri termini, dare vita a  un sistema di valori senza Dio, riportando l’uomo alla sua dimensione finita, senza l’illusione di poter sopravvivere alla morte.

La scomparsa dell’infanzia, alcuni esempi

La vicenda presentata sopra non rappresenta un caso unico. Lo è nella sua bassezza morale. Assolutamente da condannare! Tendenzialmente, però il nostro contesto postmoderno non è predisposto per la cura, l’attenzione all’infanzia. Tanti sono gli intenti, le dichiarazioni, poi però c’é il mare…
Scolasticamente le classi pollaio rappresentano un colpo basso contro l’infanzia, dove la formazione e l’attenzione alla persona è ridotta al minimo. Questo tipo di organizzazione considera le persone come oggetti stipati , espellendo la pedagogia dall’aula. Il fenomeno è molto diffuso anche per la responsabilità dei genitori che  si oppongono poco  a questo virus organizzativo.
Questi ultimi (i genitori), poi non sempre si mostrano attenti alla persona. Ho proposto qualche mese fa, di alcune situazioni dove il bambino è un pacco postale. E’ considerato tale, quando i genitori chiedono una scuola aperta anche d’estate. Non ha nessuna importanza se gli istituti  assomigliano a delle caldaie. La loro urgenza è il parcheggio  a prescindere dalle condizioni climatiche o dalla qualità dell’offerta.
Questi pochi esempi certificano una situazione non favorevole al bambino, che diventa evidente quando si verificano situazioni estreme.

Questa voce è stata pubblicata in Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.