Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

Trabucchi: tecniche di resistenza interiore

Trabucchi
Quasi sempre l’attuale crisi è presentata  come un “crack” economico, politico e culturale. Ora secondo l’autore, prima di tutti questi fattori, la crisi è innanzitutto  interiore. In altre parole, la struttura che rimanda al di dentro dell’uomo, in qualche modo precede, e in qualche modo consolida e rinforza  quella esteriore. l’interessante tesi è sviluppata nel contributo, oggetto di questa breve recensione. A parere dell’autore due sono gli aspetti che contribuiscono alla crisi interiore: il benessere  che ha precluso la nostra capacità di affrontare le situazioni frustranti attraverso la fatica. Il secondo elemento è la riduzione della nostra capacità di autocontrollo (=volontà ) di perseguire un obiettivo, dovuta anche alla nostra difficoltà di gestire in modo “sportivo” l’ attenzione ( = homo consumens ).Questa conclusione ha un fondamento neurologico: le aree cerebrali preposte alla volontà e all’attenzione sono le stesse E’ possibile una vita d’uscita da questa situazione. L’autore la individua nella resilienza, cioè in quella capacità di non dare forfait, di adattarsi alle nuova situazione non passivamente, ma individuando possibili soluzioni adeguate alla crisi che non sarà congiunturale, ma persistente e duratura. Il discorso non rimane teorico, perché Trabucchi propone una serie di tecniche per utilizzare al meglio la resilienza. Linguaggio esente da tecnicismi, ma ironico, riesce a presentare in modo chiaro la tragicità della nostra fragilità rispetto al momento attuale. Il contributo risulterà molto utile agli insegnanti e a tutti gli operatori dell’educazione. Il prezzo del volume ( versione cartacea ) è eccessivo. Si consiglia l’acquisto in versione elettronica.