Posted in: Opinioni

Umberto Galimberti, “Non abbiate più speranza nella scuola!”

Umberto Galimberti
Umberto Galimberti non crede più che la scuola possa rimediare alla “Notte del mondo”

U. Galimberti, noto filosofo monzese dichiara ” Non abbiate più speranza nella scuola“. I motivi di un disastro, dove la passione individuale può fare qualcosa. E’ necessaria, però  una rivoluzione culturale.

Umberto Galimberti, ha perso la speranza nella scuola

Umberto Galimberti filosofo monzese ma culturalmente greco, ha tenuto una conferenza al Teatro Nuovo di Treviglio. Ancora una volta ha ribadito le sue considerazioni sulla società ( nichilista), i giovani (nichilisti attivi) e la scuola (educativa).
Ha aggiunto, però un nuovo  e inquietante elemento e riassunto nel seguente passaggio:”Non abbiate più speranza nella scuola!” L’istituzione scolastica, afferma il filosofo non riesce a dire la sua, a modificare l’esistente perché quest’ultimo ha perso la prospettiva, la dimensione del futuro. Con la morte di Dio (F. Nietzsche) e l’affermazione della volontà di potenza, declinata nell’inarrestabile avanzamento della tecnica, la scuola può fare poco. Le sue radici si fondano sul passato, ma i suoi rami sono rivolti al cielo (futuro). La sua dimensione è la verticalità. Se questa è assente, diventa inutile la sua presenza.
Lasciata sola nella gestione adulta e costruttiva del processo formativo dai genitori che spesso diventano oppositivi, certificando di conseguenza  il loro fallimento educativo.
Ma le responsabilità sono anche della politica che mantiene ancora i provvedimenti che hanno istituzionalizzato le classi pollaio (D.M. 81/09) e quelle superpollaio (Legge di stabilità 2015 art.1 comma 333) costringendo la scuola a istruire e non a educare.

La passione degli insegnanti l’unico argine al tramonto definitivo dell’uomo

Ieri ho ringraziato il Professore Niccolò Pagani per la sua scelta a tornare dai ragazzi. La passione spiega questa decisione.
Anche L. Azzolina ( sottosegretario al Miur) ha dichiarato: “Educare è amare. Da docente questo è stato il mio motto, da docente ne ho fatto la mia missione. Gli studenti apprezzano gli insegnanti quando vedono in loro la passione. Il docente può cambiare la vita di una persona. La mia, per esempio, è stata totalmente cambiata, io vengo da una famiglia umile, la scuola è stata un ascensore sociale. Devo tutto e all’Università

Occorre però una rivoluzione culturale e prospettica

Chi non può essere d’accordo con queste posizioni? Soprattutto chi, come il sottoscritto, frequenta l’aula divenuta invivibile, un contenitore dove zippare alunni e studenti?
Ma l’insegnante eroe civile (L. Fioramonti), spesso solitario  può fare poco. Certo meglio del niente.
E’ necessario che il contesto postmoderno 2.0 rimetta al centro l’uomo e il suo desiderio di guardare oltre, facendo retrocedere valori oggi pervasivi come l’economia di mercato ( non la crematistica di matrice aristotelica), la tecnica che riduce l’essere umano a un oggetto sfruttabile. Scriveva M. Heidegger (Introduzione alla metafisica) che tutto questo porta alla Notte del mondo  “Un oscuramento del mondo si verifica sulla terra e intorno ad essa. Gli avvenimenti essenziali che concernono questo oscuramento sono: la fuga degli dei, la distruzione della terra, la massificazione dell’uomo, il prevalere della mediocrità“.
Se rimarrà la prospettiva corta del presente onnicomprensivo  dove l’educazione conta poco o nulla, allora è consigliabile chiudere le scuole, o trasformarle in parcheggio a ore per i bambini e i ragazzi.