Posted in: Contratto scuola, Opinioni, Tutti gli articoli

Un consiglio di “discontinuità” al Ministro


“Si devono saper accompagnare anche contrattualmente lei nnovazioni che si vogliono portare nella scuola. Dobbiamo ridare autorevolezza riconoscimento economico a chi insegna perché è una delle professioni più importanti. La battaglia culturale e politica è quella di riconoscere economicamente il valore di questo mestiere. Solo così potremo avere l’architetto che sceglie di insegnare. Il 14 sarà il tema al tavolo con i sindacati: la differenza che c’è tra l’Italia e l’Europa è un punto fondamentale che va colmato”
Con questa recente dichiarazione  il Ministro conferma l’annuncite.
Questa modalità di comunicazione si pone alcuni obiettivi:
1) anticipare decisioni  con iperbole
2) nascondere i fatti o alterarli, restituendo una realtà che non hanno alcun fondamento.
Bene. Nella suddetta dichiarazione sono state introdotte due espressioni  che possono essere interpretate come forme iperboliche “autorevolezza” e “riconoscimento economico” finalizzate ad esagerare una prospettiva che al momento attuale, tenendo conto anche dei nove anni di attesa, risulta irrispettosa e poco dignitosa. Infatti si parla di 45€ lordi al netto 25€.
Anche il secondo elemento relativo alla “scomparsa dei fatti”(riprendo il titolo di un noto lavoro di M. Travaglio) è perseguito nella dichiarazione. Non si fa riferimento allo “stato reale delle cose” (aumenti esigui), creando nei tanti sprovveduti che non leggono e non si informano (purtroppo sono tanti tra i docenti) l’effetto di attesa.
Propongo al Ministro una diversa strategia: parli dopo aver deciso e non prima!
Sicuramente ne guadagnerebbe in autorevolezza, attuando quella discontinuità con il Vuoto, il Nulla contemporaneo che nascondono le tante parole!